Previsioni per il 2021

Carlo Bernat prevede il prossimo anno di Valentino Rossi e non crede molto alle potenzialità di un cavaliere di Tavolia

Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi Pronto per iniziare una nuova stagione Moto GP. Il 2021 lo vedrà difendere Colori Yamaha PetronasCercando di migliorare la prestazione nell’ultimo Mondiale. C’è però chi non pensa che Rossi possa avere le sue parole nel titolo, anzi si aspetta che torni in classifica.

E Carlo Bernat I microfoni di Gpone.com dicono la loro parola nella prossima stagione del concorrente di Tavolia: un torneo che sarà segnato da difficoltà per il tecnico ligure. Bernat spiega che la speranza è che “Andando avanti con l’argomento che chi aveva la moto dell’anno precedente è più forte in YamahaIl problema, tuttavia, è una forma russa: “Dopo averlo visto quest’anno – Il regista dice – Dubito che raggiungerà i primi cinque “..

Leggi anche >>> Valentino Rossi, il re dei social: in testa alla platea, “sconfitto” Balotelli e Buffon

Valentino Rossi, 5 ° posto sarebbe il successo di Burnat

Carlo Bernat
Carlo Bernat (Getty Images)

Carlo Bernat, ex direttore di Capirossi e Ianon, Non nasconde i suoi dubbi sulla prestazione di Valentino Rossi. “Se arriva quinto, avrà successoIl suo pronostico, così come il risultato dei risultati raggiunti nell’ultima stagione. Generale deludente ma non per colpa Yamaha: “Ha perso diversi Gran Premi a causa dei suoi incidenti e non per problemi tecnici – Dice a se stesso Concordo con Chica sull’occasione mancata per Valentino -. È possibile che la forza con l’inizio sarà difficile per lui“.

Di BernatIl russo non è lo stesso prima e ha lo stesso senso: ha 42 anni e corre con cavalieri che potrebbero essere i suoi figli e vanno velociQuesto però non cancella quello che ha fatto il campione del Tavolia, ma anzi si aggiunge alla delusione:Mi dispiace vedere la tua carriera finire così – Concludiamo BernatPrima, non avrebbe mai detto di essere felice del 12 ° posto“.

READ  Dal canto di San Marino ai calci di rigore in Serbia, la storia degli spareggi scozzesi

Cinzia Necci

<div id="tw-container" class="YQaNob" data-cp="1" data-nnttsvi="1" data-sm="1" data-sugg-time="500" data-sugg-url="https://clients1.google.com/complete/search" data-uilc="en"> <div class="jhH5U"> <div id="tw-ob" class="tw-src-ltr"> <div class="oSioSc"> <div id="tw-target"> <div id="kAz1tf" class="g9WsWb"> <div id="tw-target-text-container" class="tw-ta-container hide-focus-ring tw-nfl"> <pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."</span></pre> </div> <div class="iYB33c"> <div id="tw-tmenu" class="tw-menu"></div> </div> </div> </div> </div> </div> <div id="tw-images"></div> <div class="dURPtb"></div> <div> <div></div> </div> </div> </div> <div class="KFFQ0c"></div>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x