Uno studio afferma che l’antico pianeta super-Terra esiste da miliardi di anni nello “spesso disco” della nostra galassia

Tecnica

Ottieni un breve collegamento

Sebbene molto più grande e più massiccia della Terra, la densità di TOI-561b è virtualmente paragonabile al nostro pianeta, fornendo indizi sull’età del corpo celeste appena scoperto.

Un enorme esopianeta roccioso, circa il 50% più grande della Terra e tre volte la sua massa, è stato scoperto in orbita attorno alla stella TOI-561, uno dei pianeti più antichi della nostra galassia, secondo un rapporto di space.com, citando un nuovo studio.

Secondo i media, la cosiddetta “super-Terra”, TOI-561b, orbita attorno alla sua stella ospite a una distanza abbastanza ravvicinata, completa una rivoluzione in circa 12 ore e la temperatura media sulla superficie del pianeta raggiunge i 1726 gradi Celsius. Le probabilità di trovare la vita lì sono piuttosto scarse.

Gli scienziati hanno anche scoperto che la densità del pianeta è in realtà simile a quella della Terra, fornendo un possibile indizio sull’età del corpo celeste.

“Questo è sorprendente, perché ti aspetteresti che la densità sia più alta”, ha detto Stephen Kane, un fisico planetario presso l’Università della California, Riverside, e coautore dello studio. “Questo è coerente con l’idea che il pianeta sia molto antico”.

Secondo i media, elementi pesanti come il ferro e il magnesio sono prodotti all’interno di stelle massicce e “l’abbondanza di questi elementi” è aumentata nella nostra galassia quando le stelle li hanno espulsi nello spazio durante la loro esposizione alle esplosioni di supernova. L’ospite del pianeta, TOI-561, è anche una delle stelle nel cosiddetto “disco galattico spesso”, che è noto per contenere “elementi significativamente meno pesanti rispetto alle stelle tipiche della Via Lattea”.

READ  La rara "stella di Natale" appare il 21 dicembre: questo è ciò che dice l'astrologia sulla biblica "Stella di Betlemme"

La densità relativamente bassa di TOI-561b indica che “contiene relativamente pochi elementi pesanti ed è quindi molto antico”, spiega la responsabile dello studio Lauren Weiss, borsista post-dottorato presso l’Università delle Hawaii, aggiungendo che il pianeta potrebbe aver formato circa 10 miliardi Da anni.

“TOI-561b è uno dei più antichi pianeti rocciosi scoperti finora”, ha detto Weiss. “La sua esistenza indica che l’universo ha formato pianeti quasi rocciosi sin dal suo inizio 14 miliardi di anni fa”.

Kane ha aggiunto che, anche se “è improbabile che possa abitare questo particolare pianeta oggi, potrebbe essere un presagio di molti mondi rocciosi inesplorati attorno alle stelle più antiche della nostra galassia”.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x