17 dispersi e decine di feriti a causa di fulmini, esplosioni e incendi nell’impianto di stoccaggio di petrolio cubano

Le autorità cubane hanno annunciato sabato che un incendio causato da un fulmine contro un impianto di stoccaggio di petrolio è scoppiato sabato senza controllo nella città di Matanzas, con quattro esplosioni e fiamme che hanno ferito quasi 80 persone e lasciando dispersi 17 vigili del fuoco.

I vigili del fuoco e altri specialisti stanno ancora cercando di spegnere l’incendio alla base della superpetroliera di Matanzas, iniziato durante un temporale venerdì notte, ha affermato il Dipartimento dell’energia e delle miniere. Il governo in seguito ha affermato di aver cercato aiuto da esperti internazionali in “paesi amici” con esperienza nel settore petrolifero.

Il viceministro degli Esteri Carlos Fernandez de Cosio ha affermato che il governo degli Stati Uniti ha offerto assistenza tecnica per spegnere l’incendio. E ha detto nel suo account su Twitter che “la proposta è nelle mani di specialisti per il dovuto coordinamento”.

Pochi minuti dopo, il presidente cubano Miguel Diaz-Canel ha ringraziato Messico, Venezuela, Russia, Nicaragua, Argentina e Cile per le loro offerte di assistenza.

L’agenzia di stampa ufficiale cubana ha affermato che un fulmine ha colpito un carro armato, innescando un incendio, che in seguito si è diffuso a un secondo carro armato. Mentre gli elicotteri militari volavano sopra la testa per gettare acqua sulle fiamme, un denso pennacchio di fumo nero si alzò dalla struttura e si diffuse verso ovest per oltre 100 chilometri verso L’Avana.

Sabato, i lavoratori osservano un pennacchio di fumo dalla base Matanzas Supertanker a Cuba mentre i vigili del fuoco lavorano per spegnere un incendio scoppiato durante un temporale venerdì notte. (Ramon Espinosa/Associated Press)

Roberto de la Torre, capo delle operazioni antincendio di Matanzas, ha detto che i vigili del fuoco stavano spruzzando acqua sui serbatoi intatti nel tentativo di mantenerli freschi nella speranza di prevenire la diffusione dell’incendio.

La pagina Facebook del governo provinciale di Matanzas afferma che il numero dei feriti è arrivato a 77, mentre 17 persone sono disperse. La Presidenza della Repubblica ha detto che i 17 erano “i vigili del fuoco che si trovavano nella zona più vicina cercando di prevenire la diffusione”.

Sette dei feriti sono stati portati all’ospedale Calixto Garcia all’Avana, dove c’è un’importante unità ustionati.

Le autorità cubane affermano che decine di persone sono rimaste ferite in seguito a fulmini, incendi e successive esplosioni presso l’impianto di stoccaggio del petrolio di Matanzas. (Yamelle Lage/AFP/Getty Images)

L’incidente arriva in un momento in cui Cuba soffre per la carenza di carburante. Non c’era una parola immediata su quanto petrolio fosse bruciato o fosse a rischio nell’impianto di stoccaggio, che comprende otto giganteschi serbatoi contenenti olio utilizzato per alimentare le centrali elettriche.

Odore di fumo e zolfo

“Ero in palestra quando ho sentito la prima esplosione. Un pennacchio di fumo e un fuoco orribile si sono alzati nel cielo”, ha detto al telefono la residente Adele Gonzalez all’Associated Press.

“La città ha un pungente odore di zolfo.”

Un uomo è visto spingere la sua bicicletta lungo una strada a Matanzas, Cuba, sabato, mentre il fumo si alza in sottofondo da un incendio in un vicino impianto di stoccaggio di petrolio. (Yamelle Lage/AFP/Getty Images)

Le autorità hanno detto che circa 800 persone sono state evacuate dal quartiere di Dubruc più vicino all’incendio, mentre Gonzalez ha aggiunto che alcune persone hanno deciso di lasciare l’area di Versailles, che è un po’ più lontano dalla fattoria dei carri armati.

Diverse ambulanze, polizia e camion dei pompieri sono stati visti per le strade di Matanzas, una città di circa 140.000 persone nella baia di Matanzas.

Sabato, dal punto di vista di una spiaggia, si vede il fumo dell’incendio di Matanzas. (Alexander Menegini/Reuters)

I funzionari hanno detto che Diaz-Canel si è recato nell’area dell’incendio sabato mattina presto.

Il meteorologo locale Eller Bella ha mostrato immagini satellitari dell’area con un denso pennacchio di fumo nero che si muoveva dal punto di fuoco verso ovest e verso est fino all’Avana.

“Il pozzo può essere lungo fino a 150 chilometri”, ha scritto Bella sul suo account Twitter.

Sabato una vecchia macchina è parcheggiata mentre il cielo sullo sfondo si riempie di fumo proveniente da un incendio in un deposito di serbatoi di petrolio a Matanzas, Cuba. (Alexander Menegini/Reuters)
READ  Gli studenti dotati sono tra quelli ancora in classe nel Consiglio di Ottawa mentre la scuola è chiusa

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x