Bagnaia e Quartararo vincono il Campionato MotoGP 2022

Bagnaia e Quartararo vincono il Campionato MotoGP 2022

Avondale, Arizona – Sebbene i consigli e il supporto possano eventualmente porre fine alla loro collaborazione, Jimmy Johnson attribuisce a Chip Ganassi il merito Come motivo principale del suo ingresso nella proprietà della NASCAR – E magari esci da IndyCar.

Dopo due stagioni alla guida della Dallara-Honda #48 per Chip Ganassi Racing, Nuova partecipazione di minoranza in Petty GMS Renderà le stock car della Cup Series una priorità per Johnson nel 2023. Ha imparato ad apprezzare il potenziale di essere proprietario di una squadra attraverso Ganassi per portarlo dietro le quinte a un ruolo “non era nelle carte” della sette volte Coppa campione.

E’ una vecchia realtà per Ganassi, le cui squadre hanno collezionato 21 campionati (14 in IndyCar) e 240 vittorie (di cui cinque nella Indy 500 e otto alla Rolex 24 di Daytona) negli ultimi 32 anni da quando ha concluso una breve carriera di pilota .

“Chip Janassi ha suggerito che è così che ha iniziato (dicendo), ‘Guarda, sono passato dalla guida di un’auto e sono passato alla proprietà della squadra’”, ha detto Johnson a un piccolo gruppo di giornalisti venerdì dopo una conferenza stampa al Phoenix Raceway. “È stato davvero di aiuto per me nel mio processo di coinvolgimento dei partner nello sport e nell’essere in IndyCar ed è stato così gentile da mostrarmi dietro le quinte cosa sta succedendo e come funzionano le cose. So che il signor Hendrik è sempre stato lì per me (mentre correvo alla Hendrick Motorsports dal 2022 al 2020) “Ma non mi è mai importato. Ero così impegnato a guidare e mi sono concentrato su quello. Negli ultimi due anni, sono stato più interessato al lato business. Ho fatto un molta crescita lì e ha aiutato da così tante aree e sicuramente da Chip”.

READ  Il ribelle del LIV Golf Ian Poulter non ha gradito la celebrazione del compleanno della Ryder Cup

La crescita potrebbe allontanare Johnson da Ganassi – e forse da IndyCar in generale – il prossimo anno per molteplici ragioni. Sebbene Johnson voglia correre in IndyCar la prossima stagione (il suo piano originale prevedeva da 8 a 10 gare, inclusa la Indy 500), il suo nuovo programma part-time in NASCAR creerà alcune barriere.

Petty GMS è un team affiliato a Chevrolet, creando conflitto con la Casa con un ritorno a Ganassi su Honda. Johnson ha detto di non aver ancora parlato con nessuno dei team IndyCar né di aver esplorato il dilemma del potenziale produttore (“Non hai ancora attraversato quel ponte”.). Quasi tutti i team Chevrolet competitivi della IndyCar (Team Penske, Arrow McLaren SP, Ed Carpenter Racing) Hanno indicato che non è probabile che aggiungano un’auto a Brickyard il prossimo maggio.

Sebbene Johnson volesse correre l’Indy 500-Coke 600 doubleheader, voleva anche correre l’All-Star Race 2023 al North Wilkesboro Speedway, che sarebbe andato contro l’Indy 500 nel fine settimana di qualificazione.

Anche se vuole correre Ganassi, la squadra sta ancora cercando di decidere chi sostituirà Johnson al suo quarto ingresso. È arrivato al numero 48 a tempo pieno l’anno scorso dopo un programma parziale di corsi di strada e strada nel 2021.

Pur concludendo l’accordo per unirsi a Murray Gallagher e Richard Petty, Johnson ha detto di essere in contatto regolare con Janassi, che è rimasto nel suo angolo nonostante la prospettiva di perdere il prossimo anno.

“Ho tenuto Chip al corrente”, ha detto Johnson. “Ovviamente speriamo che ci sarà una qualche forma di coinvolgimento in IndyCar per me. Questo è ancora un obiettivo enorme per me. Chip sta cercando di capire cosa abbia senso per le quattro auto a tempo pieno e ci sarà una quinta macchina a Indy. Contemporaneamente. , ha un programma che il WEC sta cercando di avviare e portare le persone in Europa con auto e attrezzature, quindi è molto impegnato. Abbiamo parlato un paio di volte. Sa cosa sta succedendo e siamo ancora interessati a provare a prendermi una delle sue auto Indy C’è ancora molto da sistemare, incluso ovviamente il pezzo del produttore.

READ  Al via la cerimonia di apertura dei Mondiali di Golf 2022 a Torino - International - U SPORTS

“Non posso esprimere quanto sia stato fantastico il suo lavoro, e quando l’idea mi è venuta in mente, quanto sia stato di supporto. E durante i miei due anni in IndyCar, mentre cercavo di prendere di nuovo una decisione, quanto è stato di supporto solo per me essere me. Fammi. Tutto quello che voglio fare. Con L’apparenza di questa opportunità, era esattamente lo stesso. Stesso tono, stessa esperienza. Un giorno o due fa, quando l’ho chiamato e gli ho detto la notizia ufficiale (sulla NASCAR ), era molto felice. Solo molto felice per me”.

Johnson e il suo equipaggio hanno mediato la sponsorizzazione di Carvana, che ha finanziato la maggior parte delle sue corse con Ganassi. Prima della fine della stagione IndyCarJohnson ha detto che Carvana aveva dato “il via libera se volevo tornare alle corse IndyCar a tempo pieno”. Dopo aver menzionato all’inizio Si occuperà di diverse serieJohnson ha affermato che l’interesse dei team NASCAR “è iniziato davvero con la marcia” poco dopo la stagione IndyCar.

Johnson si è detto “molto ottimista” sul fatto che Carvana continuerà con lui nella gara NASCAR (probabilmente a partire dalla Daytona 500). Rimane anche interessato alla Rolex 24 a Daytona e alla guida della prossima generazione alla 24 Ore di Le Mans (“Mi sono assicurato che il mio calendario fosse bello e aperto a giugno”).

Ha anche invitato i suoi vecchi amici a correre su camionisti fuoristrada (sia nel Midwest che nel deserto) e ha offerto al suo ex compagno di squadra di Hendrick Motorsports Alex Bowman un passaggio al Chili Bowl.

Ma Johnson è stato troppo impegnato a consolidare il suo accordo NASCAR per esaminare tutte le opzioni o capire come alcune di esse potrebbero ora essere impossibili. Ha detto “Non ho ancora sentito nulla, quindi sono incoraggiato” a continuare a correre IndyCar, ma riconosce anche che i suoi impegni NASCAR potrebbero impedirgli di testare e qualificarsi per la Indy 500.

READ  Inter, nuovo esercizio di Antonio Cassano a Conte

“Mi sono appena concentrato su questo e non conosco l’impatto di quell’impegno e della relazione e come ciò avvenga”, ha detto Johnson. “Ma una volta che la polvere si sarà depositata da qui, scaverò più a fondo quelle altre conversazioni e cercherò di costruire il miglior programma di gara che posso ottenere che si adatti all’impegno e al nuovo impegno che ho qui”.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x