Capri e Procida: una storia di due isole

A questo proposito, non ha deluso. La nostra umile finestra di Airbnb è stata decorata con una macchina da scrivere perché è presumibilmente il luogo in cui Elsa Morante, la grande scrittrice italiana, scrisse il suo romanzo del 1957, “Arturo Island”.

Morante ha osservato che “la famiglia Brocadian è senza parole e taciturna”, aggiungendo: “L’arrivo di uno sconosciuto non suscita curiosità, ma piuttosto sfiducia. Se fa domande, riceverà una risposta a malincuore perché i miei isolani non amano spiare la loro privacy .”

Tutto quello che ho spiato attraverso la finestra della camera da letto era una covata di polli e un gallo incessantemente ruggente, appollaiato sui rami alti di un arancio. Il percorso attraverso i limoneti del giardino conduceva a un paesaggio sgangherato, dove l’intonaco di viti dipinte sbiadiva e cadeva, che si affaccia sulle scure spiagge di Chiaia. Per raggiungerli, abbiamo camminato attraverso stretti vicoli, e siamo scesi tortuose scale di metallo o vecchie scale di cemento ripide e dritte come argini.

Abbiamo fatto un giro in barca economico intorno all’isola, con una sosta per un tuffo nel mare fresco e limpido. Onestamente, è stato meno emozionante di un simile viaggio intorno a Capri. Non c’era nessuna grotta azzurra. Il Fraglione di Procida è solo sassi rispetto ai maestosi scogli capresi. Il capitano di Capri aveva indicato la rupe su cui abitava l’imperatore Tiberio, e Malabert House لÈ uno dei preferiti dalle case di moda che “non hanno dipinti perché le finestre sono i dipinti”, ha detto. A sua volta, il nostro capitano a Procida ha scosso la testa su un blocco di cemento con due piccole finestre sopra un piccolo spuntone di macchia mediterranea. Ha detto: “La casa a caso, è stata costruita durante la notte”. “palcoscenico”.

READ  Sette film italiani da Venezia 2020 proiettati a Seoul

Nel villaggio di pescatori di Corricella, abbiamo ottenuto succo di arancia e limone appena spremuto Locanda del Postino Un bar dove è stato girato il film. Le pile di reti da pesca bianche e marroni ei vecchi di pelle sembravano oggetti di scena per un altro film. Ma i pescatori che litigavano tra loro per lasciare un secchio sulla loro barca non hanno agito.

“La gente sta impazzendo”, ha detto lo chef. a Karakale Quando finalmente perdi il loro merluzzo.

Il cibo in tutta l’isola – dai pasticcini cremosi a forma di lingua di bue per colazione agli involtini di nespolino fatti con semi di zucca – è indimenticabile e, rispetto a Capri, molto più abbordabile.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x