Capri e Procida: una storia di due isole

A questo proposito, non ha deluso. La nostra umile finestra di Airbnb è stata decorata con una macchina da scrivere perché è presumibilmente il luogo in cui Elsa Morante, la grande scrittrice italiana, scrisse il suo romanzo del 1957, “Arturo Island”.

Morante ha osservato che “la famiglia Brocadian è senza parole e taciturna”, aggiungendo: “L’arrivo di uno sconosciuto non suscita curiosità, ma piuttosto sfiducia. Se fa domande, riceverà una risposta a malincuore perché i miei isolani non amano spiare la loro privacy .”

Tutto quello che ho spiato attraverso la finestra della camera da letto era una covata di polli e un gallo incessantemente ruggente, appollaiato sui rami alti di un arancio. Il percorso attraverso i limoneti del giardino conduceva a un paesaggio sgangherato, dove l’intonaco di viti dipinte sbiadiva e cadeva, che si affaccia sulle scure spiagge di Chiaia. Per raggiungerli, abbiamo camminato attraverso stretti vicoli, e siamo scesi tortuose scale di metallo o vecchie scale di cemento ripide e dritte come argini.

Abbiamo fatto un giro in barca economico intorno all’isola, con una sosta per un tuffo nel mare fresco e limpido. Onestamente, è stato meno emozionante di un simile viaggio intorno a Capri. Non c’era nessuna grotta azzurra. Il Fraglione di Procida è solo sassi rispetto ai maestosi scogli capresi. Il capitano di Capri aveva indicato la rupe su cui abitava l’imperatore Tiberio, e Malabert House لÈ uno dei preferiti dalle case di moda che “non hanno dipinti perché le finestre sono i dipinti”, ha detto. A sua volta, il nostro capitano a Procida ha scosso la testa su un blocco di cemento con due piccole finestre sopra un piccolo spuntone di macchia mediterranea. Ha detto: “La casa a caso, è stata costruita durante la notte”. “palcoscenico”.

READ  Pasqua: come guardare il concerto di Facebook "My Savior" di Carrie Underwood

Nel villaggio di pescatori di Corricella, abbiamo ottenuto succo di arancia e limone appena spremuto Locanda del Postino Un bar dove è stato girato il film. Le pile di reti da pesca bianche e marroni ei vecchi di pelle sembravano oggetti di scena per un altro film. Ma i pescatori che litigavano tra loro per lasciare un secchio sulla loro barca non hanno agito.

“La gente sta impazzendo”, ha detto lo chef. a Karakale Quando finalmente perdi il loro merluzzo.

Il cibo in tutta l’isola – dai pasticcini cremosi a forma di lingua di bue per colazione agli involtini di nespolino fatti con semi di zucca – è indimenticabile e, rispetto a Capri, molto più abbordabile.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x