Cosa sono i portici e perché possono essere inseriti nella Lista UNESCO dei Patrimoni dell’Umanità in Italia?

L’Italia ha il maggior numero di patrimoni dell’umanità dell’UNESCO di qualsiasi paese del mondo. Non è stato trovato nemmeno uno dei 55 siti di Bologna, ma la città spera di cambiarlo presto.

Bologna ha presentato una domanda per il suo famoso porticato ed è in trepidante attesa di una risposta. Entro fine mese si deciderà.

Cos’è un corridoio?

Un portico è un corridoio coperto da un tetto spesso sostenuto da colonne. I portici di Bologna furono costruiti per la prima volta nell’XI secolo e sono molto diffusi in questa città italiana.

“Il portico doveva essere utilizzato come passaggio pubblico, sebbene la proprietà sia privata”, spiega Elena Bonci, storica dell’arte e guida locale.

“Pertanto, ogni edificio privato era tenuto per legge a costruire un portico, ma la zona di passaggio non era loro, e nello stesso tempo il proprietario doveva pulire e mantenere il portico, che rimane tale fino ad oggi”.

Entro il 1288, ogni proprietario di un edificio era obbligato per legge a costruire un portico.

«Ci ​​sono portici in altre città italiane, ma non ce ne sono come Bologna, perché nel centro storico ci sono dai 38 ai 40 chilometri di portici, e più di 50 se si contano quelli fuori dalle porte della città», dice Elena.

Alla fine la città vorrebbe includere tutti i suoi portici nella sua domanda UNESCO, ma per ora le dodici bellissime gole coperte di Bologna sono considerate patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Guarda il video qui sopra per saperne di più sui bellissimi portici di Bologna.

READ  Colpi e passaggi: Romelu Lukaku sembra di buon umore e l'Olanda è l'artista | notizie di calcio

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x