Gli astronomi hanno notato per la prima volta la morte di una galassia lontana: Barrie 360Barrie 360

Sophie Lewis – Notizie CBS

Gli astronomi hanno assistito, per la prima volta, alla morte di una galassia lontana, che hanno descritto come “un evento veramente estremo”.

Quando tutte le stelle nella galassia muoiono e nuove stelle non si formano più, la galassia stessa cessa di esistere. Ciò accade quando tutto il gas della galassia viene espulso, rendendo impossibile la formazione di nuove stelle.

secondo uno studio Pubblicato lunedì sulla rivista Astronomia naturaleGli scienziati erano “entusiasti” di essere stati in grado di catturare questo raro fenomeno di recente, utilizzando la serie di telescopi Atacama Large Millimeter / Sub in Cile.

La luce della galassia starburst ID2299 ha impiegato circa nove miliardi di anni per raggiungere la Terra. Quindi, quando gli astronomi l’hanno notato per caso, hanno visto l’universo come sembrava vecchio di soli 4,5 miliardi di anni.

Gli astronomi dicono che ID2299 perde l’equivalente di 10.000 soli di gas ogni anno, che è ciò che porta a esaurire rapidamente il carburante necessario per formare nuove stelle. Questo sorprendente rilascio di gas sembra essere causato da due galassie che si scontrano violentemente e si fondono insieme per formare ID2299.

La galassia sta attualmente formando stelle a una velocità centinaia di volte più veloce della Via Lattea, utilizzando il resto della sua preziosa riserva di gas. Per questo motivo, l’ID2299 dovrebbe morire relativamente presto, entro poche decine di migliaia di anni.

La scrittrice Anagrazia Puglisi ha dichiarato: “Questa è la prima volta che osserviamo un enorme modello di galassia che forma stelle nell’universo lontano che sta per” morire “a causa di una massiccia emissione di gas freddo. dichiarazione.

READ  La NASA schiera un elicottero su Marte - Video

Gli astronomi ritengono che questo fenomeno sia causato dalla fusione di galassie perché sono stati in grado di osservare una rara “coda di marea”, di solito così debole da non poter essere vista in galassie lontane. Gli astronomi suggeriscono che questo flusso allungato di stelle e gas sia il risultato diretto della fusione galattica.

Hanno osservato la galassia solo per pochi minuti, ma questo è stato sufficiente per individuare l’inafferrabile coda di marea.

“Il nostro studio indica che le fusioni di gas possono derivare da fusioni e che i venti e le code delle maree possono sembrare molto simili”, afferma il coautore dello studio Emmanuel Daddy. “Questo potrebbe portarci a rivedere la nostra comprensione di come muoiono le galassie”.

Se gli astronomi hanno ragione sul fatto che la fusione ha provocato una massiccia perdita di gas, dovranno rivedere le teorie passate su come si formano ed evolvono le galassie e su come muoiono. Altre teorie hanno suggerito che i venti provenienti da buchi neri attivi o intense formazioni stellari siano responsabili di tali morti.

“Lo studio di questo singolo caso ha rivelato la possibilità che questo tipo di evento potrebbe non essere affatto insolito e che molte galassie abbiano sperimentato questa” rimozione dei gas gravitazionali “, comprese le osservazioni precedenti che sono state interpretate male”. Egli ha detto Il coautore Dr. Jeremy Finch.

“Questo potrebbe avere conseguenze disastrose per la nostra comprensione di ciò che costituisce effettivamente l’evoluzione delle galassie”.

Immagine banner: l’impressione dell’artista dell’ID2299 mostra la galassia, un prodotto della collisione galattica, e parte del suo gas viene espulso da una “coda di marea” come risultato della fusione. Nuove osservazioni fatte con ALMA hanno individuato le prime fasi di questa espulsione, prima che il gas raggiungesse le scale molto grandi mostrate nell’impronta dell’artista.

READ  Un satellite in legno

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x