Gli Stati Uniti affermano che la Russia ha screditato le Nazioni Unite e accoglie con favore l’uso del suo veto

Funzionari ucraini hanno affermato che la Russia è nei guai per i piani per tenere un referendum nella città occupata di Kherson, nel sud dell’Ucraina, mercoledì.

L’Ucraina ha affermato che la Russia intende tenere un voto nella regione per cercare di ottenere il sostegno popolare per la creazione di una nuova entità chiamata Repubblica popolare di Kherson, che rispecchierebbe entità simili nell’Ucraina orientale, intorno a Donetsk e Luhansk, di cui otto furono creati. Da anni.

Il riconoscimento dell’indipendenza di queste due entità da parte del presidente russo Vladimir Putin a febbraio è stato tra i principali annunci del presidente russo nei giorni precedenti al suo attacco all’Ucraina due mesi prima.

Ma martedì mattina, il consigliere del ministero dell’Interno ucraino Vadim Denisenko ha detto che i funzionari filo-russi stavano lottando per trovare abbastanza persone per facilitare un voto popolare a Kherson.

“Non possono nemmeno tenere un finto referendum, come hanno fatto nel 2014 a Luhansk e Donetsk, perché si rendono conto che non hanno una massa critica di persone [to support them]”Anche per ottenere una foto per la TV”, ha detto Denisenko, aggiungendo: “Inoltre, non ci sono persone disposte a lavorare nei seggi elettorali”.

Due funzionari della regione hanno anche detto alla CNN che le forze filo-russe avevano difficoltà a organizzare un referendum pianificato.

Yury Sobolevsky, vice capo del Consiglio regionale di Kherson, ha detto alla Galileus Web che quando si sono svolte le elezioni a Donetsk e Luhansk nel 2014 e nel referendum sull’indipendenza della Crimea nello stesso anno, molti funzionari locali hanno sostenuto l’iniziativa filo-russa.

Ciò ha notevolmente facilitato il compito di condurre un referendum e di assorbire le regioni [so they came under Russia’s influence]. Egli ha detto.

READ  La polizia neozelandese afferma di aver ucciso un estremista ispirato dallo Stato Islamico che ne ha accoltellato 6 in un supermercato

Un altro funzionario locale ha affermato che la mancanza di sostegno tra i membri del consiglio provinciale stava ostacolando la preparazione delle liste degli elettori idonei e la stampa delle schede elettorali, ma ha riconosciuto che a un certo punto si potrebbe ancora tenere una votazione.

“Teoricamente saranno in grado di mantenerlo, ma ci vorrà del tempo per prepararsi”, ha affermato Helan Serhi, vice del consiglio comunale di Kherson.

Martedì, in un altro sviluppo a Kherson, il governatore ucraino della regione ha affermato che le forze russe hanno istituito un nuovo governo locale.

Hanadi Luhota, il funzionario regionale di Kherson, ha fatto l’annuncio in un video pubblicato sui suoi account sui social media. Il nuovo governo è stato insediato meno di 24 ore dopo che le forze russe hanno preso il controllo dell’edificio del consiglio comunale di Kherson, rimuovendo il governo eletto e sostituendo l’esercito russo con la sua sicurezza.

Secondo Lahota, martedì si è tenuta una riunione nell’edificio del consiglio comunale di Kherson, “per inaugurare il cosiddetto” sindaco dell’amministrazione regionale di Kherson” Volodymyr Saldo e “il capo dell’amministrazione comunale di Kherson” Oleksandr Kubits.

Saldo, ex sindaco di Kherson, è stato accusato in passato di collaborare con il KGB russo ma non è mai stato accusato. In base alla legge marziale, il Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina ha bandito il suo partito, il blocco di Volodymyr Saldo, a causa dei suoi presunti legami con la Russia.

La CNN ha contattato Saldo per un commento ma non ha ricevuto risposta. La CNN non è stata in grado di raggiungere Kubits per un commento.

READ  La commissione del 6 gennaio ha respinto la richiesta di concessione esecutiva di Bannon in una nuova lettera

Il nuovo governo insediato dalla Russia a Kherson rispecchia misure simili a Melitopol, un’altra città occupata dai russi nell’Ucraina meridionale. In quella città, il sindaco eletto è stato arrestato dai militanti quando le truppe russe hanno installato il proprio sindaco, che presto ha iniziato a prendere misure filo-russe, come ad esempio dare mandato alle trasmissioni dei canali televisivi russi.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x