Gli studi confermano l’educazione all’intossicazione alimentare in Romania e in Italia

Due studi in diversi paesi europei hanno sottolineato la necessità di migliorare la consapevolezza e l’educazione dei consumatori per prevenire l’intossicazione alimentare.

Il primo studio ha esaminato i dati epidemiologici sul botulismo di origine alimentare nella Romania occidentale nell’ultimo decennio. L’intossicazione alimentare è una malattia rara causata dalle tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum.

Sono state analizzate le cartelle cliniche di un ospedale dal 2010 al 2020 per tutti i casi di botulismo ed è stato eseguito un test con siero anti-botulino di tipo A, B ed E per determinare il tipo di tossina che causa.

pericoli domestici
Complessivamente, 18 casi di botulismo alimentare sono stati ricoverati in questo periodo e confermati da analisi di laboratorio, secondo lo studio pubblicato su MDPI Journal of Healthcare.

L’età dei pazienti variava dai 19 ai 72 anni. La maggior parte di loro erano uomini e vivevano in zone rurali. La maggior parte ha avuto sintomi gastrointestinali entro 12-24 ore dopo aver mangiato cibo contaminato e tutti si sono ripresi.

Gli alimenti non sono stati esaminati ma si ritiene che le fonti principali siano prosciutto, prosciutto e carne in scatola fatta in casa. Il cibo conservato in casa viene posto in bottiglie o lattine, l’intossicazione alimentare si verifica a causa di una preparazione insufficiente e di una conservazione impropria. In Romania i maiali domestici vengono macellati in inverno e la carne viene conservata, inscatolata e tenuta a temperatura ambiente per alcuni mesi prima di essere consumata.

La Romania ha dovuto affrontare una serie di focolai di botulismo di origine alimentare. – nel 2003, 27 casi, di cui 2 decessi; Nel 2004, 18 casi in quattro mesi; Nel 2005, 21 casi in tre focolai; Nel 2006, 23 casi e un decesso si sono verificati in due focolai; Nel 2007, 110 casi con tre decessi in cinque focolai a livello nazionale; E nel 2008, 11 casi in un focolaio.

READ  Qual. Mondiali Qatar 2022: l'Italia nel Gruppo C con Svizzera, Irlanda del Nord, Bulgaria e Lituania. Tutti i tour | prima pagina

Lo studio ha mostrato una prevalenza inferiore ogni anno con la maggior parte dei casi di intossicazione alimentare nel 2015.

“L’avvelenamento di fondo può essere evitato nelle aree ad alta presenza imparando le norme culinarie e comunitarie e scoraggiando le tradizioni locali per prevenire l’intossicazione alimentare. Dovrebbero essere fatti tentativi più forti per educare il pubblico alla consapevolezza relativa all’intossicazione alimentare e alle sue conseguenze associate, e alla sicurezza alimentare i regolatori si sono concentrati sulla deterrenza, hanno detto i ricercatori, per aiutare a prevenire le epidemie.

dati italiani
L’Italia ha uno dei tassi più alti di botulismo alimentare in Europa, secondo un diverso studio pubblicato su Giornale del controllo alimentare.

I ricercatori hanno studiato l’incidenza della neurotossina botulinica (BoNT) negli alimenti del nord Italia tra il 2013 e il 2020. In totale, le aziende alimentari hanno inviato 2.187 campioni dai propri controlli.

Sedici campioni di alimenti sono risultati positivi per la presenza di Clostridium che produce BoNT, inclusi latticini, frutta, verdura, salse, prodotti da forno, prodotti a base di carne, spezie e aromi.

L’analisi dei campioni biologici in caso di sospetta intossicazione alimentare è stata effettuata con gli ospedali locali. Dei 52 pazienti con sospetti sintomi di intossicazione alimentare, 18 sono stati confermati positivi.

Sono stati analizzati anche gli avanzi di cibo relativi a casi sospetti che sono risultati positivi in ​​cinque casi, la maggior parte dei quali erano prodotti fatti in casa.

“Il nostro studio evidenzia che il botulismo di origine alimentare rimane un problema di salute pubblica sia nella lavorazione industriale che nei prodotti fatti in casa, sottolineando l’importanza dell’educazione dei consumatori per evitare gravi epidemie di intossicazione alimentare”, hanno affermato i ricercatori.

READ  L'Istituto di San Marino afferma che lo Sputnik V mostra un'efficacia quasi del 100%

(Per sottoscrivere un abbonamento gratuito a Food Safety News, clicca qui.)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x