Guarda: la navicella Soyuz che trasporta il primo astronauta degli Emirati Hazza Al Mansoori attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale

MISSION CONTROL, MOSCA: La navicella Soyuz MS-15 che trasportava il primo astronauta degli Emirati è attraccata mercoledì alla Stazione Spaziale Internazionale dopo essere stata lanciata nello spazio sei ore prima del cosmodromo di Baikonur in Kazakistan.

Hazza Al Mansoori è decollato dagli Emirati Arabi Uniti, Jessica Meir dagli Stati Uniti e il veterano comandante russo Oleg Skribuchka, 5 minuti prima delle 17:00 KSA (14:00 GMT) per portarli alla Stazione Spaziale Internazionale.

Hanno attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale alle 22:42 KSA (19:42 GMT) sul Pacifico meridionale, e il portello si aprirà tra i due dopo circa due ore.

Il team dell’RKA Mission Control Center, situato a Korolyov vicino a Mosca, in Russia, si è congratulato con i tre membri dell’equipaggio per il loro attracco riuscito e “semplicemente sorprendente”.

Arab News ha assistito a un’entusiasmante giornata di azione all’interno del Controllo missione, con una drammatica esplosione all’inizio della giornata. L’equipaggio ha applaudito mentre il veicolo spaziale ha superato le sue fasi critiche e ha attraversato l’atmosfera superiore della Terra.

Il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed, si è detto orgoglioso di vedere Al Mansouri dirigersi verso la Stazione Spaziale Internazionale che porterebbe gli Emirati Arabi Uniti a “nuove vette”.

Poche ore prima del lancio, Al Mansouri ha twittato di essere “pieno di” un “indicibile sentimento di gloria.

Ha detto: “Oggi porto i miei sogni e le mie ambizioni in una dimensione completamente nuova”.

Il centro, che contiene una sala di controllo attiva per la Stazione Spaziale Internazionale, ha esaminato la traiettoria del veicolo spaziale fino al suo attracco riuscito circa sei ore dopo il decollo. Al-Mansouri ha assistito al lancio dal cosmodromo di Baikonur.

Negli Emirati Arabi Uniti, gli Emirati hanno seguito da vicino il lancio, che è stato mostrato sui grandi schermi di Dubai.

“Siamo orgogliosi di lui”, ha detto un cittadino degli Emirati che ha viaggiato con un amico dall’emirato di Ajman a Dubai per vedere il processo di decollo su un grande schermo al City Walk.

Il lancio colloca il primo astronauta degli Emirati nello spazio come parte dell’ambizioso programma spaziale del paese e sarà il terzo scienziato arabo. Il primo, il principe saudita Sultan bin Salman, viaggiò nello spazio nel 1985 a bordo del Discovery Space Shuttle della NASA.


La navicella Soyuz MS-15 che trasporta un nuovo equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) si insinua nel cielo durante il decollo presso la base spaziale russa di Baikonur. (AP / NASA)

Con l’aiuto del “Participant in Space Flight” della Russian State Corporation for Space Activities, ad Al Mansouri, insieme ad un certo numero di astronauti non NASA, è stato concesso un cambiamento per viaggiare nello spazio per alcuni giorni e partecipare a varie attività scientifiche attività. Attività sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Baikonur, che fu costruita al culmine della Guerra Fredda negli anni ’50, è un porto spaziale occupato con molte missioni commerciali, militari e scientifiche lanciate regolarmente. Una partnership tra NASA, RKA e molte altre agenzie spaziali ha visto molti astronauti lanciarsi da lì nel corso degli anni.


Gli Emirati di Abu Dhabi guardano una trasmissione in diretta dell’aereo russo Soyuz MS-15, che è decollato dalla base spaziale di Baikonur in Kazakistan, portando l’astronauta degli Emirati Hazza Al Mansoori e altri due astronauti diretti alla Stazione Spaziale Internazionale. (AP)

Il numero di astronauti internazionali, esclusi i cinesi, che volano razzi Soyuz è aumentato notevolmente nel 2011 dopo il ritiro del programma dello space shuttle della NASA, poiché le nazioni si sono rivolte alla Russia per portare il proprio equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale.

La navicella spaziale russa Soyuz e i razzi sono molto apprezzati per la loro capacità di lancio con qualsiasi tempo, che era considerato un ostacolo per le navette spaziali della NASA.

Il programma spaziale russo precede di molto quello di altre agenzie spaziali. In effetti, la prima corsa allo spazio iniziò con il lancio del primo satellite al mondo, Sputnik, il 4 ottobre 1957.

Il 12 aprile 1961, l’astronauta sovietico Yuri Gagarin divenne il primo essere umano a viaggiare nello spazio e il suo volo durò 108 minuti mentre orbitava intorno alla Terra per poco più di un’orbita a bordo della navicella Vostok.

READ  I "fantasmi danzanti" sono stati avvistati a circa un miliardo di anni luce dalla Terra e consistevano di elettroni

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x