I batteri all’interno del pianeta Terra che prosperano sui minerali possono fornire indizi sulla vita al di fuori del pianeta

Una volta sottoterra, gli esperti hanno piantato biofilm su rocce native ricche di minerali di ferro e zolfo. Sei mesi dopo, il team ha analizzato la composizione microbica e le proprietà fisiche dei biofilm appena impiantati, nonché le loro distribuzioni utilizzando metodi di microscopia, spettroscopia e modellazione spaziale.

La vita extraterrestre può esistere in ambienti di ferro sotterraneo ricchi di zolfo simili a quelli del Deep Microbial Mines Observatory.

Analisi pubblicate sulla rivista Frontiere in microbiologia, Ha rivelato i punti caldi in cui il biofilm era più intenso. Questi punti caldi sono associati a grani minerali ricchi di ferro nelle rocce, evidenziando una certa preferenza minerale per la colonizzazione dei biofilm.

“I nostri risultati dimostrano la forte dipendenza spaziale della colonizzazione del biofilm dai minerali nelle superfici rocciose”, ha detto Caitlin Cassar, il primo autore dello studio, in un comunicato stampa. “Crediamo che questa dipendenza spaziale sia causata dai microbi che ottengono la loro energia dai minerali che li colonizzano”.

Secondo Kazar, questi risultati dimostrano che la mineralogia delle rocce ospitanti è un importante motore della distribuzione del biofilm, che potrebbe aiutare a migliorare le stime della distribuzione microbica al di sotto della profonda superficie continentale della Terra.

“I nostri risultati potrebbero aiutare nel contributo dei biofilm ai cicli globali dei nutrienti e hanno anche implicazioni biologiche astronomiche, poiché questi risultati forniscono informazioni sulla distribuzione della biomassa in un sistema analogico di Marte”, ha detto Kasar.

Dal punto di vista del ricercatore, la vita extraterrestre potrebbe esistere in ambienti ricchi di ferro e zolfo simili a quelli delle formazioni rocciose DeMMO, dove i microrganismi sono protetti sia dalle radiazioni che dalle temperature estreme.

READ  Gli esseri umani ora controllano la maggior parte delle fluttuazioni superficiali dell'acqua dolce sulla Terra

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x