I batteri tifoidi sono sempre più resistenti all’antibiotico principale: Lancet


Uno studio pubblicato su The Lancet Microbe Journal mostra che i batteri che causano la febbre tifoide stanno diventando sempre più resistenti ad alcuni degli antibiotici più importanti per la salute umana.

La più ampia analisi del genoma di Salmonella enterica sierotipo typhi (S.

La febbre tifoide è un problema di salute pubblica globale, che causa 11 milioni di infezioni e oltre 100.000 morti ogni anno. Sebbene sia più diffuso nell’Asia meridionale – che rappresenta il 70% del carico globale di malattie – ha anche implicazioni significative nell’Africa subsahariana, nel sud-est asiatico e in Oceania, evidenziando la necessità di una risposta globale.

Gli antibiotici possono essere usati per trattare con successo l’infezione da tifo, ma la loro efficacia è minacciata dall’emergere di ceppi di S.

I ricercatori della Stanford University negli Stati Uniti hanno eseguito il sequenziamento dell’intero genoma su 3.489 isolati di S.

È stato anche sequenziato e incluso nell’analisi un set di 4.169 campioni di S. Typhi isolati da più di 70 paesi tra il 1905 e il 2018.

I geni che conferiscono resistenza sono stati identificati nei 7658 genomi sequenziati utilizzando database genetici. I ceppi sono stati classificati come multiresistenti (MDR) se contenevano geni che conferiscono resistenza ai classici antibiotici di prima linea ampicillina, cloramfenicolo e trimetoprim/sulfametossazolo. Il team ha anche monitorato la presenza di geni che conferiscono resistenza ai macrolidi e ai chinoloni, che sono tra gli antibiotici più importanti per la salute umana.

Dal 2000, MDR S. Typhi è diminuito costantemente in Bangladesh e India ed è rimasto basso in Nepal (meno del 5% dei ceppi di tifo), sebbene sia leggermente aumentato in Pakistan. Tuttavia, vengono sostituiti da ceppi resistenti ad altri antibiotici.

READ  Esattamente quando puoi guardare "l'eclissi di alba" di questa settimana da ogni stato degli Stati Uniti in pista

Ad esempio, le mutazioni genetiche che conferiscono resistenza ai chinoloni si sono manifestate e si sono diffuse almeno 94 volte dal 1990, quasi tutte (97%) delle quali hanno avuto origine nell’Asia meridionale.

I ceppi resistenti ai chinoloni rappresentavano oltre l’85% di S.

Le mutazioni che causano resistenza all’azitromicina – un antibiotico macrolide ampiamente utilizzato – sono apparse almeno sette volte negli ultimi 20 anni. In Bangladesh, i ceppi contenenti queste mutazioni sono comparsi intorno al 2013 e da allora la loro dimensione della popolazione è aumentata costantemente. I risultati si aggiungono alle prove recenti del rapido aumento e della diffusione dei ceppi resistenti di terza generazione di S. Typhi alle cefalosporine, un’altra classe di antibiotici fondamentali per la salute umana.

“La velocità con cui sono emersi e diffondersi negli ultimi anni ceppi di S. Typhi altamente resistenti è motivo di reale preoccupazione ed evidenzia la necessità di ampliare con urgenza le misure di prevenzione, in particolare nei paesi più a rischio. Allo stesso tempo, S. resistente “I ceppi di Typhi si sono diffusi alla verità. A livello internazionale molte volte sottolinea anche la necessità di considerare la lotta contro il tifo e la resistenza agli antibiotici in generale, come un problema globale piuttosto che locale”. Stanford.

20220626-202804

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x