I cittadini di Marocco, Albania e Cina hanno ottenuto il maggior numero di permessi di soggiorno in Italia a partire da gennaio 2020

I cittadini di Marocco, Albania, Cina e Ucraina hanno ottenuto il maggior numero di permessi di soggiorno italiani a gennaio 2020.

Secondo i dati forniti da Statista, a gennaio 2020 le autorità italiane hanno rilasciato il maggior numero di permessi di soggiorno ai cittadini marocchini.

Un totale di 428.835 marocchini avevano ottenuto un permesso di soggiorno italiano entro il primo mese del 2020, riferisce SchengenVisaInfo.com.

I secondi extracomunitari con il maggior numero di permessi di soggiorno italiani in questo periodo sono gli albanesi, con un totale di 416.703 permessi.

Anche i cittadini cinesi hanno ottenuto un gran numero di permessi di soggiorno italiani. I dati mostrano che l’Italia ha rilasciato un totale di 301.073 permessi a cittadini cinesi.

I paesi di cui sopra sono seguiti da Ucraina, India e Filippine. A gennaio 2020, l’Italia ha rilasciato 230.639 permessi di soggiorno agli ucraini. Nello stesso periodo, le autorità italiane hanno rilasciato 165.663 permessi a cittadini indiani e 157.664 permessi a cittadini filippini.

D’altra parte, alla fine della scala ci sono Bangladesh, Egitto, Pakistan e Moldova. A gennaio 2022, le autorità italiane hanno rilasciato 148.389 permessi di soggiorno a cittadini del Bangladesh, 141.452 permessi di soggiorno a cittadini egiziani, 131.173 a cittadini pakistani e 119.603 permessi di soggiorno a cittadini moldavi.

In precedenza, SchengenVisaInfo.com ha riferito che i cittadini non UE rappresentavano il 5,3% della popolazione totale dell’UE. Secondo l’ufficio statistico dell’Unione Europea, Eurostat, a gennaio 2021 c’erano circa 23,7 milioni di cittadini di paesi terzi che vivevano in uno stato membro dell’UE.

Lo stesso ha rivelato che a gennaio 2021 c’erano 13,7 milioni di persone che vivevano in uno Stato membro e avevano la cittadinanza di un altro Stato membro.

READ  Daniele Scardina-Giovanni Di Carolis da 168 libbre in Italia è fissato per il 13 maggio.

“Al 1° gennaio 2021 c’erano 23,7 milioni di cittadini di Stati non membri che vivevano in uno Stato membro dell’UE, che rappresenta il 5,3 per cento della popolazione dell’UE. Inoltre, 13,7 milioni di persone vivevano in uno Stato membro dell’UE in una UE Stato membro e detenere la cittadinanza di un altro Stato membro dell’UE, “ Leggi la dichiarazione di Eurostat.

Il maggior numero di non cittadini che vivono negli Stati membri dell’UE si trova in Germania – 10,6 milioni di persone, Spagna – 5,4 milioni, Francia e Italia 5,2 milioni. I non cittadini che vivono in questi quattro Stati membri dell’UE rappresentano collettivamente il 70,3 per cento del numero totale di non cittadini che vivono nell’UE.

In termini relativi, il Lussemburgo aveva la percentuale più alta di non cittadini a gennaio 2021, il 47% della sua popolazione totale. Un’elevata percentuale di stranieri è stata osservata anche a Malta, Cipro, Austria, Estonia, Lettonia, Irlanda, Germania, Belgio e Spagna.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x