I pregiudizi che ci fanno declassare i deboli

Tra i migliori ciclisti, Solo il 29% degli atleti élite ha partecipato ai Campionati Mondiali Junior Assolutamente. degli atleti alle Olimpiadi di Atene 2004, Solo il 44% ha debuttato nella competizione internazionale di livello junior. La maggior parte ha fatto il suo debutto internazionale a un’età media di 22 anni, e non c’era alcuna indicazione che iniziare una partita prima avrebbe dato loro una possibilità migliore.

Tuttavia, non tutti gli sport sembrano essere appropriati per i ragazzi in ritardo. età media L’olimpionico inizia l’allenamento disciplinare speciale all’età di 11.5. Per il nuoto e l’hockey, la sua età è rispettivamente di 8,1 e 8,9 anni. Ma i giocatori successivi potrebbero avere risultati migliori nel canottaggio (15.4), nel tiro (15.3) e nell’atletica (14).

Quegli atleti, come Jacobs, il cui successo nel loro sport principale arriva dopo sono È probabile che si siano allenati in più sport. Concentrarsi su un solo sport, e persino sul successo in esso, non ha nulla a che fare con la probabilità di successo in seguito, ma avere abilità trasversali in più sport può consentire agli atleti di passare a un altro allievo una volta maturati.

Anche nello sport per adulti d’élite, essere il favorito può portare a comportamenti strani. È più probabile che i candidati di tennis smettano presto se iniziano male una partita, osserva Hengchen Dai, ricercatore presso la Anderson School of Management dell’UCLA, specializzato in processi decisionali comportamentali.

Potrebbe piacerti anche:

La sua teoria è che i top performer che si prefiggono alte aspettative di performance beneficiano dei nuovi inizi. “Reimpostarsi può aiutarli a rispondere positivamente”, dice. “Se le persone hanno una mentalità di apprendimento, gli errori possono essere trasformati in un punto di apprendimento. Gli individui che si aspettano una mentalità elevata possono entrare più facilmente in questa mentalità positiva”. Alcuni disturbi da shock possono provenire da persone preferite che stanno gettando la spugna.

READ  Il campione italiano dei 100 metri Jacobs afferma che il test positivo di Oga mi ha fatto sorridere | Olimpiadi di Tokyo 2020

Anche se Jacobs è ben preparato per il successo con le sue abilità trasferibili, mentalità da outsider e abilità atletiche a tutto tondo, c’è ancora qualcosa di straordinario in un italiano che vince i 100 metri. Perché associamo, ad esempio, la Giamaica ai corridori più veloci del mondo e l’Etiopia e il Kenya ai corridori di lunga distanza? Cosa rende quei paesi preferiti in quegli sport?

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x