I repubblicani della Camera sono in crisi sulla scelta del presidente della Camera all’inizio di una nuova sessione del Congresso

I legislatori statunitensi si riuniscono martedì per una nuova era di governo diviso mentre i democratici cedono il controllo della Camera dei rappresentanti dopo le perdite elettorali di medio termine e mentre il repubblicano Kevin McCarthy cerca di evitare di diventare il primo candidato oratore in 100 anni a non riuscire a ottenere il sostegno primario dal suo colleghi.

McCarthy è in linea per sostituire Nancy Pelosi come presidente della Camera per il 118esimo Congresso, ma si dirige al voto senza alcuna garanzia di successo. Nonostante l’approvazione dell’ex presidente Donald Trump, che rimane popolare all’interno del partito, McCarthy deve affrontare i detrattori trincerati nei suoi ranghi nonostante una scadenza di settimane per far entrare i membri riluttanti nel consiglio dopo che i risultati di metà mandato di novembre sono diventati ufficiali.

La resa dei conti potrebbe trasformarsi in una lunga battaglia in casa e in uno spettacolo che divide il Partito Repubblicano.

“Ci siamo presentati al pubblico americano con l’impegno dell’America a combattere per loro, non per pochi membri”, ha detto McCarthy, mentre entrava in una riunione mattutina repubblicana a porte chiuse.

Senza un oratore, la Camera dei rappresentanti non può costituirsi completamente, nominando i presidenti delle sue commissioni, partecipando ai procedimenti di sala e avviando indagini sull’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden che dovrebbero essere il fulcro dell’agenda repubblicana.

Normalmente ci vuole la maggioranza dei 435 membri della Camera dei Rappresentanti, o 218 voti, per diventare Presidente della Camera. Con una risicata maggioranza di 222 seggi, McCarthy poteva sopportare solo una manciata di detrattori. L’oratore potrebbe vincere con soli 218 voti, come hanno fatto negli ultimi anni Pelosi e il repubblicano John Boehner, se alcuni legislatori sono assenti o semplicemente votano presenti.

READ  Repubblica Ceca nei guai dopo aver votato dopo che il presidente si è ammalato | notizie di politica

Ogni candidato negli ultimi 100 anni ha avuto successo al primo scrutinio. Il numero record di turni di votazione per eleggere il presidente della Camera è di 133 in un periodo di due mesi negli anni ’50 dell’Ottocento.

I candidati alternativi non sono chiari

McCarthy, R-Calif., ha raccolto milioni di dollari per la campagna elettorale e ha viaggiato per il paese per reclutare diversi nuovi legislatori da candidare, ma non è riuscito a conquistare un nucleo di repubblicani di destra guidati dal conservatore Freedom Party, nonostante settimane di escalation. Riunioni chiuse e modifiche promesse al regolamento della Camera dei Rappresentanti.

Quasi una dozzina di repubblicani hanno sollevato pubblicamente preoccupazioni su McCarthy.

GUARDA l I prossimi due anni potrebbero essere drammatici al Congresso degli Stati Uniti, ma le aspettative legislative sono basse:

Cosa otterrà il nuovo Congresso degli Stati Uniti?

La sottile maggioranza repubblicana nel nuovo Congresso degli Stati Uniti significa che è probabile che venga approvata poca legislazione, afferma Ravi Berry, professore di scienze politiche alla Howard University di Washington, D.C.

“Kevin McCarthy non ha 218 voti per essere presidente della Camera”, ha dichiarato il rappresentante Scott Perry della Pennsylvania, presidente del Freedom Caucus e leader dello sforzo di Trump per sfidare le elezioni del 2020. “A meno che qualcosa non cambi radicalmente, qui è dove saremo.”

Un valido concorrente di McCarthy deve ancora emergere. Il membro del Congresso Andy Biggs dell’Arizona, ed ex leader del Freedom Party, si stava candidando contro McCarthy come scelta conservatrice, ma non ci si aspettava che ottenesse la maggioranza. McCarthy lo ha sconfitto nel concorso per le nomination nel novembre 188-31.

Due uomini in giacca e cravatta compaiono all'interno della Casa Bianca mentre un fotografo scatta una foto.
L’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump e Kevin McCarthy durante un incontro con i membri repubblicani della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti alla Casa Bianca a Washington nel maggio 2020. Trump ha approvato la candidatura di McCarthy a presidente della Camera. (Tom Brenner/Reuters)

L’ovvia scelta successiva sarebbe il candidato alla Republican House Steve Scales della Louisiana, un conservatore molto amato dai suoi colleghi e visto come un eroe da alcuni dopo essere sopravvissuto a una brutale sparatoria di massa durante una partita di baseball del Congresso nel 2017.

L’ufficio di Scales ha respinto lunedì un suggerimento “falso” di un altro repubblicano secondo cui Scales stava facendo telefonate sulla corsa agli oratori.

McCarthy, altri eminenti repubblicani hanno contestato le citazioni in giudizio

Una delle domande chiave delle resistenze questa volta è che McCarthy ripristini la regola che consente a qualsiasi legislatore di presentare una “mozione per lasciare la sedia”, in breve, chiedendo un voto per rimuovere l’oratore dall’incarico.

Pelosi ha eliminato la regola dopo che i conservatori l’hanno usata per minacciare di estromettere Boehner, ma McCarthy ha accettato di aggiungerla di nuovo, ma a una soglia più alta, che richiedeva che almeno cinque legislatori firmassero la mozione.

“Lavorerò con tutti nel nostro partito per costruire un consenso conservatore”, ha scritto McCarthy in una lettera del fine settimana ai colleghi.

Leggi il rapporto finale del comitato il 6 gennaio:

Il cambiamento nel controllo del partito significa che il lavoro del comitato guidato dai democratici che indaga sull’attacco del 6 gennaio 2021 al Campidoglio verrà interrotto, uno sforzo che McCarthy e quasi tutti gli altri repubblicani della Camera hanno deriso.

Nel suo rapporto finale, quel comitato ha raccomandato che McCarthy, Perry, Biggs e il nuovo presidente del comitato giudiziario della Camera Jim Jordan affrontino le azioni del comitato etico della Camera per contestare le citazioni in giudizio per un colloquio con il comitato.

Pelosi, che compirà 83 anni a marzo, si dimette dal suo ruolo di leader per i Democratici. Il democratico di New York Hakeem Jeffries diventerà il leader di minoranza del partito.

Al Senato, i Democratici hanno mantenuto uno scarso controllo della camera, guidata dal leader della maggioranza Chuck Schumer di New York.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x