Il Console Generale della Repubblica Dominicana in Italia promuove il turismo e gli investimenti nel Paese

Nelson Karela ha confermato che sta già programmando incontri per incoraggiare e stimolare gli investimenti nella Repubblica Dominicana.

Il Console Generale della Repubblica Dominicana a Genova, Italia, Nelson Carella, ha affermato che la sua missione è difendere i dominicani, come linea generale tracciata dal presidente Luis Abenader, e promuovere il turismo e gli investimenti nel Paese.

Karela ha detto che sta già pianificando di organizzare incontri per promuovere e stimolare questo investimento nella Repubblica Dominicana. Ha sottolineato che l’Italia è uno dei paesi leader al mondo in termini di investimenti e il maggior contributore di turisti.

“Da luglio, quando abbiamo rilevato il consolato a Genova, abbiamo avviato il processo di rilancio dei servizi consolari, ridotti a causa della pandemia e del cambio di guida”, ha affermato il funzionario.

“Abbiamo incontrato le autorità italiane, compreso il governatore e stiamo aspettando con il sindaco di questa regione, dove ci sono 7.500 dominicani registrati”, ha detto.

Ha anche detto di aver già tenuto incontri con associazioni e settori imprenditoriali dominicani.
Il console generale Nelson Carella ha riferito che nella regione Liguria, di cui Genova è il capoluogo e la città più popolosa, ci sono due consolati generali, uno a Milano e l’altro che rappresenta a Genova, oltre a cinque consoli onorari, tutti . Guidato dall’ambasciatore Tony Raffoul.

Karela ha detto in un’intervista a questo giornale che i domenicani in Italia sono diligenti, onesti, educati e hanno una grande integrazione in questo paese europeo. Per questo le porte si aprono ogni giorno di più per i domenicani.

READ  Il tribunale italiano annulla la multa dell'antitrust ai gruppi di telecomunicazioni per le pratiche di fatturazione

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x