― Advertisement ―

spot_img
HomeEconomyIl governo utilizza avvocati per chi cerca lavoro in Italia • BusinessMirror

Il governo utilizza avvocati per chi cerca lavoro in Italia • BusinessMirror

Il Dipartimento degli Affari Esteri (DFA) e il Dipartimento dei Lavoratori Migranti (DMW) garantiranno i servizi di avvocati italiani per aiutare le vittime filippine di frode e reclutamento illegale in Italia a intentare un’azione legale collettiva contro coloro che accusano di fuga con più di P38 0,7 milioni dei loro soldi duramente guadagnati.

Lo ha annunciato venerdì il sottosegretario agli Esteri per i lavoratori migranti, Eduardo Jose de Vega, durante un incontro con le vittime presso la Sala Calayan del consolato generale delle Filippine a Milano.

De Vega ha detto di essere d’accordo con le raccomandazioni del console generale Elmer Cato di assumere un avvocato per 33 filippini in Italia che sostengono di essere stati truffati da almeno due agenzie con sede a Milano.

Cato ha detto che i denuncianti sono per lo più parenti o agenti di 215 persone in cerca di lavoro provenienti dalle Filippine che hanno pagato o inviato fino a 180.000 pesos ciascuno per quelli che pensavano fossero posti di lavoro nell’ambito del programma decto Flussi del governo italiano.

Secondo Cato, il Consolato ha richiesto per la prima volta all’autorità di nominare un avvocato il 31 agosto 2023, poche settimane dopo che il primo denunciante aveva richiesto l’assistenza del Consolato. La richiesta è stata ripetuta in successivi rapporti al Dipartimento di Stato sullo stato delle indagini sulle denunce.

Durante l’incontro a cui hanno partecipato più di 30 denuncianti, de Vega ha spiegato che, nonostante sia stata fornita assistenza legale, potrebbe volerci del tempo prima che i casi presentati a Milano e Manila siano risolti.

Tuttavia, ha assicurato i denuncianti che il Consolato continuerà a lavorare su questo caso e si coordinerà strettamente con gli avvocati che saranno nominati dal Ministero degli Affari Esteri e dal Ministero del Lavoro.

READ  La crisi dell'alleanza italiana sta facendo fluttuare raramente i mercati obbligazionari

Durante l’incontro, Cato ha anche condiviso le azioni intraprese dal Consolato da quando la prima denunciante ha chiesto assistenza per recuperare i suoi soldi da un’agenzia.

Ha rivelato che il consolato stava lavorando silenziosamente per costruire casi contro le persone coinvolte cercando denuncianti e testimoni, intervistandoli e raccogliendo documenti giustificativi e altre prove.

Inoltre, ha affermato che il consolato ha emesso almeno tre avvertimenti e ha discusso i casi nei suoi incontri pubblici online “Pagusapan Natin” e altrove, nonché durante un’intervista con l’OFW Usapang a Manila.

Catone ha affermato che il consolato invita anche le persone e le agenzie che assistono i filippini nei loro rapporti con le autorità locali a garantire che i loro clienti comprendano i termini dei servizi che forniscono e non addebitino tariffe esorbitanti per questi servizi.

Catone ha detto che il consolato sta indagando anche su altri individui e agenzie a Milano che hanno frodato i filippini in transazioni tra cui trasferimenti di permessi di lavoro, biglietti aerei e richieste di cittadinanza.

“Sebbene si tratti di transazioni private, il consolato avrebbe dovuto svolgere un ruolo più attivo per proteggere Kababayan che potrebbe diventare una vittima se non fossimo intervenuti”, ha detto Kato.

Crediti immagine: Consolato Generale del PHL