Il Messico ritira i migranti dalla sua città “prigione” del sud per evitare un altro convoglio

TAPACHULA (Reuters) – I funzionari messicani hanno iniziato a disperdere diverse centinaia di migranti radunati nella città meridionale di Tapachula spostandoli in altri stati, ignorando la possibilità di una nuova carovana diretta a nord.

I migranti, per lo più da Haiti e da parti dell’America Latina, si trovavano in un limbo a Tapachula, in Chiapas, in attesa che venissero risolte le domande di asilo e di visto.

L’attivista per i diritti dei migranti Luis Carcia Villagrane ha descritto la città come una “prigione” perché i migranti non potevano andarsene senza documenti. Nelle ultime settimane due gruppi di migranti sono partiti in roulotte collettive diretti a nord, in parte per evidenziare la loro situazione e chiedere un rimborso al governo messicano.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

I trasferimenti da Tapachula sono iniziati mercoledì notte con 120 migranti haitiani negli stati di Aguascalientes, Campeche e Durango, ha detto giovedì un funzionario dell’Istituto nazionale per le migrazioni del Messico.

La persona, che ha parlato a condizione di anonimato, ha aggiunto che è previsto il trasferimento di più immigrati negli stati di Puebla e Guanajuato, e potranno continuare le loro domande di asilo e visti.

Il funzionario dell’Istituto nazionale per le migrazioni, Hector Martinez a Tapachula, ha detto ai migranti che un totale di 20 autobus lasceranno oggi la città.

I funzionari avevano iniziato martedì trasferimenti simili di migranti nella città di Mapastepec in Chiapas, si risolse un convoglio che aveva lasciato Tapachula diversi giorni prima. I migranti hanno accettato di lasciare la strada e di essere portati altrove in cambio di visti messicani.

A Tapachula, l’immigrato haitiano Wilgens Antoine ha detto di non sapere dove lo avrebbero portato i funzionari messicani, ma è stato sollevato di lasciare Tapachula, dal momento che non aveva soldi per pagare l’alloggio o per prendersi cura della sua famiglia.

READ  In Iran, la rabbia contro gli Stati Uniti è in fuga. E ora l'America teme un attacco

“Sono felice, perché sto andando in un’altra città dove posso lavorare per aiutare la mia famiglia”, ha detto, poco prima di salire sull’autobus fornito dai funzionari dell’immigrazione.

Villagran ha detto che 600 persone dovrebbero essere trasferite da Tapachula.

“Questo è un modo per evitare i movimenti di massa di haitiani, cubani e di tutte le persone che erano pronte a partire domani (in convoglio)”, ha detto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato gratuito a reuters.com

(Dina Beth Solomon riferisce). Montaggio di Richard Chang

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x