Il Papa incontra i cardinali canadesi dopo lo scandalo della scuola aborigena

Papa Francesco ha incontrato sabato i cardinali canadesi residenti in Vaticano mentre il loro Paese regredisce dalla scoperta dei resti di 215 bambini in un’ex scuola indigena gestita dalla Chiesa cattolica.

Nel suo annuncio quotidiano delle nomine papali, il Vaticano ha affermato che il Papa ha incontrato separatamente il cardinale Michael Czerny e il cardinale Marc Ole.

Olé incontra il Papa ogni sabato nella sua veste di capo del dicastero vaticano che sovrintende ai vescovi.

Czerny, l’esperto vaticano di immigrati e rifugiati, non ha un incontro settimanale regolare con il Papa. È un cittadino canadese di origine ceca la cui famiglia è immigrata a Montreal quando aveva due anni.

Mentre il Vaticano non ha detto ciò che è stato discusso in privato, i diplomatici hanno affermato che sarebbe molto insolito se gli eventi recenti non si verificassero in Canada.

Diversi canadesi hanno invitato il Papa a presentare scuse formali per il ruolo della Chiesa cattolica nei collegi, che hanno operato tra il 1831 e il 1996 ed erano gestiti da un certo numero di confessioni cristiane per conto del governo.

Francesco, che è stato eletto papa nel 2013, si è già scusato per il ruolo della chiesa nel colonialismo nelle Americhe, ma ha scelto soprattutto di fare tali scuse mentre visitava i paesi. Il Papa non è programmato per visitare il Canada.

Durante la visita in Bolivia nel 2015, Francesco si è scusato per “i numerosi peccati gravi commessi contro gli indigeni d’America in nome di Dio”.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha detto venerdì che la Chiesa cattolica dovrebbe assumersi la responsabilità del suo ruolo nella gestione di molte scuole.

READ  Pelosi presenta una risoluzione che istituisce un comitato ristretto per indagare sull'ammutinamento del Campidoglio

Il sistema dei collegi ha separato con la forza circa 150.000 bambini dalle loro case. Molti sono stati maltrattati, violentati e malnutriti in quello che la Commissione per la verità e la riconciliazione nel 2015 ha definito “genocidio culturale”.

Gestito dal governo e da diverse chiese cristiane, il loro obiettivo dichiarato era quello di accogliere i bambini aborigeni.

La scoperta dei resti dei bambini presso la Kamloops Indian Residential School nella British Columbia, chiusa nel 1978, il mese scorso ha riaperto vecchie ferite e ha suscitato indignazione in Canada per la mancanza di informazioni e responsabilità. Leggi di più

Nel 2008, il governo canadese si è formalmente scusato per il sistema. Venerdì, Trudeau ha detto che molti “si chiedono perché la Chiesa cattolica in Canada tace, non va avanti”.

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x