Il Partito Cinque Stelle d’Italia è destinato al collasso a causa dell’Ucraina

ROMA: Martedì il Movimento Cinque Stelle, il più grande partito nel governo del Primo Ministro Mario Draghi, è apparso sulla via del frantumarsi a causa delle tensioni di lunga data esacerbate dagli atteggiamenti sulla guerra in Ucraina.

I media affermano che dozzine di membri del Congresso hanno firmato un accordo per formare un nuovo gruppo guidato dal Segretario di Stato Luigi Di Maio il cui lancio è previsto nel 2023.

Five Star (M5S) una volta ha minacciato di ribaltare il sistema politico italiano, entrando in carica dopo le elezioni del 2018 dopo aver ottenuto un terzo dei voti su un biglietto anti-establishment.

Ma mentre rimane parte di un governo di unità nazionale guidato da Draghi, è lacerato da divisioni e defezioni e afflitto da tristi sondaggi di opinione, che indicano una pesante sconfitta alle elezioni nazionali del prossimo anno.

Di Maio – l’ex leader a cinque stelle e vicepremier – si scontra da diversi mesi con il capo del partito in carica Giuseppe Conte, lui stesso ex presidente del Consiglio.

Draghi ha detto a Kiev che l’Italia vuole vedere l’Ucraina parte dell’Unione Europea

Le tensioni sono arrivate al culmine durante il fine settimana dopo che Di Maio ha chiesto la fine delle critiche del partito sulla posizione di Draghi sulla guerra in Ucraina, in particolare l’invio di armi per aiutare Kiev a combattere la Russia.

“I leader mi hanno accusato del mio potere politico di essere atlantista e europeista”, ha scritto Di Maio in una nota.

“Lasciatemi dire, come Segretario di Stato, di fronte a questa terribile guerra, che affermo con orgoglio di essere un feroce atlantista e filo-europeo”.

READ  I dipendenti di Google in 10 paesi hanno formato un consorzio globale per mantenere Alph

Conte ha detto che la Roma dovrebbe puntare su una soluzione politica.

“Abbiamo contribuito inviando tre armi, e ora ci sembra che il nostro contributo sarà più prezioso sul fronte diplomatico”, ha detto all’inizio di questo mese.

Il governo Draghi ha inviato armi e denaro per aiutare l’Ucraina, sostenendo anche in modo aggressivo le sanzioni dell’UE contro la Russia.

In una dichiarazione sulla guerra al Parlamento martedì, in vista di un vertice dell’UE alla fine di questa settimana, ha chiarito che il suo percorso era stato tracciato.

L’ex capo della Banca centrale europea – che ha visitato Kiev la scorsa settimana con i leader di Francia e Germania – ha indicato a marzo il voto di maggioranza dei legislatori per l’invio di armi.

“L’Italia continuerà a lavorare con l’Unione Europea e con i nostri partner del G7 per sostenere l’Ucraina, cercare la pace e superare questa crisi”, ha detto Draghi, con Di Maio al suo fianco.

“Questo è il mandato che il governo ha ricevuto dal Parlamento da voi. Questa è la prova del nostro lavoro”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x