Il presidente della Nigeria afferma che l’esplosione illegale di una raffineria di petrolio che ha ucciso più di 100 persone è un “disastro nazionale”

I corpi carbonizzati sono stati lasciati sparsi tra palme, automobili e furgoni domenica dopo che un’esplosione nel fine settimana ha ucciso più di 100 persone in un deposito illegale di raffinazione del petrolio al confine tra i fiumi della Nigeria e gli stati di Imo.

Pantofole, borse e vestiti di coloro che sono morti sono stati sparpagliati per terra, anneriti da olio e fuliggine mentre ancora fumosi in alcuni punti nonostante piovesse tutta la notte.

“Ci sono molte persone che sono morte qui. Faccio appello al governo perché indaghi su questo”, ha detto a Reuters O’Shea Wook, un pilota di biciclette commerciali, sulla scena sabato sera.

La Società della Croce Rossa nigeriana era sul posto domenica per valutare l’esplosione, che ha distrutto una sezione della foresta di Abayzi. Si trova a cavallo dei confini dell’area del governo locale di Ohaji-Egbema dello stato di Imo con lo stato di Rivers.

Il presidente nigeriano Muhammadu Buhari ha dichiarato in una dichiarazione che avrebbe intensificato la repressione delle raffinerie illegali dopo quello che ha descritto come un “disastro” e un “disastro nazionale”.

repressione della raffinazione illegale

La disoccupazione e la povertà nel delta del Niger, produttore di petrolio, hanno reso la raffinazione illegale attraente, ma con conseguenze spesso fatali. Il petrolio greggio viene estratto da una rete di oleodotti di proprietà delle principali compagnie petrolifere e viene raffinato in serbatoi temporanei.

Questa operazione ha provocato incidenti mortali e la contaminazione di un’area già colpita da fuoriuscite di petrolio in terreni agricoli, torrenti e laghi.

Il Center for Youth and Environmental Advocacy, un’organizzazione locale senza scopo di lucro, ha affermato che molti veicoli in fila per acquistare carburante illegale sono stati bruciati.

READ  Esercito: il presidente ciadiano Idriss Deby Itno è stato ucciso dopo 30 anni al potere

“L’incendio è scoppiato in un sito di ristorazione illegale e ha colpito più di 100 persone”, ha detto dell’incidente il commissario statale per le risorse petrolifere Goodluck Obia.

Il sito di frontiera è una reazione alla recente repressione di Rivers sulla raffinazione illegale nel tentativo di frenare il peggioramento dell’inquinamento atmosferico.

Membri della Croce Rossa nigeriana sul luogo dell’esplosione a Ohaji Igbema domenica. (Teff Olabi/Reuters)

“Negli ultimi mesi o due, ci sono stati diversi raid e alcuni degli elementi di sicurezza coinvolti sono stati respinti”, ha detto Ledum Mete, ex capo del Movimento popolare di sopravvivenza di Ogoni.

Almeno 25 persone, inclusi alcuni bambini, sono rimaste uccise in un’esplosione e in un incendio in un’altra raffineria illegale nello stato di Rivers in ottobre.

A febbraio, le autorità locali hanno affermato di aver lanciato un giro di vite sulla raffinazione del greggio rubato, ma apparentemente con scarso successo.

Funzionari del governo stimano che la Nigeria, il più grande produttore ed esportatore di petrolio dell’Africa, stia perdendo una media di 200.000 barili di petrolio al giorno, più del 10 per cento della produzione, a causa di intercettazioni illegali di gasdotti o sabotaggi.

Ciò ha costretto le compagnie petrolifere ad annunciare regolarmente la forza maggiore sulle esportazioni di petrolio e gas.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x