Inizio difficile per i Campionati Mondiali IAAF per gli atleti neozelandesi

Ci sono state numerose chiamate ravvicinate per i concorrenti della Nuova Zelanda alla sessione di apertura dei Campionati mondiali di atletica leggera a Eugene, nell’Oregon.

Il saltatore in alto Hamish Kerr salta la finale dei Mondiali di atletica leggera.
immagine: Alicia Lovrich

Il lanciatore di martelli Lauren Bruce ha mancato un doloroso centimetro da un posto in finale e ha mancato Hamish Kerr per un soffio di un posto nella finale di salto in alto maschile.

Kerr è stato il primo atleta neozelandese a giocare all’Hayward Field e si è classificato 14° nelle manche mentre 13 uomini sono passati alla finale di martedì: il suo meglio di 2,25 m non era abbastanza buono per il detentore del record nel salto in alto per avanzare alla medaglia ruolo. .

L’atleta di Christchurch ha superato la sua altezza di apertura di 2,17 m prima di testare quello che alla fine si sarebbe rivelato un costoso fallimento per la prima volta a 2,21 m.

Gareggiando con occhiali da sole di marca, Kerr ha risposto positivamente superando i 2,21 m al suo secondo tentativo, e il 25enne sembrava trovare il suo ritmo con un comodo spazio di 2,25 m al suo primo tentativo.

Tuttavia, non è riuscito a trovare il suo ritmo a 2,28 m e la medaglia di bronzo ai campionati del mondo indoor ha perso altezza, il che avrebbe fornito un passaggio sicuro alla finale.

Undici uomini hanno raggiunto la finale con 2,28 metri, tra cui la medaglia d’oro olimpica Mutaz Barshim del Qatar e l’italiano Gianmarco Tampere e il campione del mondo indoor Sangyuk Woo della Corea del Sud.

READ  Campionato Sei Nazioni 2021: Jacob Stockdale salterà la partita con l'Italia a causa di un infortunio al ginocchio

Altri due uomini si sono qualificati per la finale; Edgar Rivera del Messico e Mateusz Przybelco della Germania in virtù del loro sgombero di 2,25 metri.

Kerr detiene un record simile a quello di Rivera e Przybelco sia in 2,25 m che in 2,28 m, ma l’ha mancato perché il messicano e il tedesco hanno entrambi superato i 2,21 m la prima volta che ha chiesto.

Kerr ha detto che è stata una giornata difficile.

“Ho fatto dei bei salti, dei buoni sollevamenti e del buon gioco, ma alla fine non era alle giuste altezze, ma è quello che ottieni nello sport, e sicuramente fa male. Ma poi e oltre, abbiamo il com giochi in arrivo e ora devo concentrarmi su quello”.

Il lanciatore di martelli di Lorena Bruce

Lauren Bruce è arrivata vicino alla finale del lancio del martello.
immagine: Alicia Lovrich

Per la prima volta in un evento sul campo nella storia dei Campionati del Mondo, la Nuova Zelanda ha avuto un set completo di tre atleti nel martello femminile.

Bruce è stata la prima scelta del trio, ma ha mancato un posto nella finale del martello femminile con un ampio margine, nonostante abbia ottenuto un miglior tiro di 70,86 metri.

Il detentore del record dell’Oceania ha aperto con un fallo al primo turno prima di raggiungere i 68,92 metri al secondo.

La giocatrice cresciuta a Timaru ha mantenuto la calma, salvando il meglio fino al traguardo, ma alla fine non è bastata per avere un passaggio sicuro in finale.

Bruce è arrivato settimo nelle qualifiche del Gruppo A e poi ha aspettato a lungo per vedere se aveva fatto abbastanza per avanzare.

READ  Sky Sport: Favro torna alla Lazio, addio anche Pellegrini

Dopo il terzo turno del Gruppo B, è stata appena eliminata dalla top 12.

“Vorrei che fosse la prima volta che esco e mi esibisco in una major”, ha detto Bruce. “Sono felice di quello che ho fatto e di come ho dominato la competizione lì”.

Il campione dell’Oceania ha giocato un ruolo anche nelle qualificazioni del Gruppo A, finendo 30° assoluto con 62,88 metri.

La 30enne tiratrice di Auckland ha fatto il suo debutto internazionale con un errore prima di dare seguito al suo unico tiro valido della giornata.

Bradley ha raggiunto il picco nella competizione con una bandiera rossa.

“Non sono rimasto deluso perché stavo gareggiando sul palcoscenico mondiale e sono orgoglioso di essere qui”, ha detto Bradley. “C’era molto rumore nello stadio e molte telecamere che erano difficili per me”.

Anche la campionessa dei Giochi del Commonwealth Julia Ratcliffe ha rinunciato alle qualifiche con un miglior sforzo della giornata a 69,96 m per finire 16a assoluta.

L’atleta di Hamilton ha sparato con il martello a 64,53 metri nel primo round, seguito da una bandiera rossa nel secondo. Ha mantenuto la calma nell’ultimo round per far cadere la palla di metallo a 69,96 metri, ma alla fine non è stata abbastanza brava per assicurarsi un posto in finale.

“Ovviamente sono deluso, sono davvero in ottima forma ed è stato deludente non trovarne uno”, ha detto Ratcliffe.

L’americana Jenny Casanavuid ha guidato la qualificazione alla finale di martello femminile lunedì di 74,46 metri.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x