Italia: Teen in hijab vuole essere un “influencer afro” su TikTok

Nell’elegante Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, un ampio centro commerciale che sarebbe stato affollato di acquirenti se non fosse stato per la pandemia, una giovane donna di colore, che indossava un velo viola abbinato e un rossetto al suo telefono, mosse le cosce al tono di un piatto in arrivo. Dal dispositivo.

Aida Diouf Mbeng, 19 anni, stava registrando un video su TikTok per condividerlo con i suoi 330.000 follower. Si fa un nome come “afro influencer”, uno di un gruppo di giovani di origine africana che si sono riuniti in Italia per cercare di aumentare la loro influenza sui social media. Mbing ha detto che la loro campagna non riguarda solo opinioni e follower. Con i suoi post, cerca di distruggere gli stereotipi.

“Rappresento le ragazze velate, ho un gran numero di follower italiani, e questo mi rende felice perché la maggior parte degli italiani non ha nulla in comune con me”, ha detto Mbengo in una recente intervista all’Associated Press. Quanto alla sua identità, è chiaro: “Sono musulmana, indosso l’hijab e sono anche nera”. Circa tre decenni fa, l’immigrazione era un nuovo fenomeno in Italia, una nazione cattolica prevalentemente bianca con una lunga storia di immigrazione. Oggi, circa il 9 per cento della popolazione italiana di 60 milioni di abitanti è di nazionalità straniera, secondo l’ISTAT, l’agenzia nazionale di statistica del paese. Quasi un quinto di questi stranieri proviene da paesi africani, tra cui Mbing, ed è arrivata in Italia da Kaolack, in Senegal, con la sua famiglia all’età di tre anni. Mbing, che frequenta il liceo, ha detto di non sentirsi discriminata come studentessa. Ma dice di aver iniziato a ricevere messaggi razzisti non appena ha iniziato a pubblicare video di lei che indossava l’hijab. L’adolescente ha detto: “Le frasi discriminatorie includevano la parola N, o scimmia”, torna a casa, ti lancio una banana in faccia. “Ma poi ti rendi conto che solo le persone normali vogliono farti stare male, quindi ridi di o lasciarlo andare, e questo è tutto Something. “Una rapida occhiata ai post di TikTok e Instagram su Mbengue rivela che riceve anche commenti di supporto e centinaia di cuori rossi ed emoji sinceri ogni giorno.

READ  Sono LAYCON e trasmetterò nel Regno Unito, in Francia, in Australia e in altri 23 paesi al di fuori dell'Africa

Mbengue ha iniziato a creare contenuti per TikTok, la piattaforma di social media per la condivisione di video, per capriccio nel 2019 con un semplice video. E ha sottolineato che i commenti indicavano una grande ignoranza delle donne che indossano l’hijab, poiché molti presumevano che una donna che indossava l’hijab non potesse essere divertente, divertente o simpatica.

Ha detto: “ Ho capito che potevo usare TikTok per aprire alcune menti.

Mbengo, che ha iniziato a indossare l’hijab quando aveva sette anni, ha detto di essere rimasta sconvolta dai commenti dei portatori di hijab che l’hanno accusata di usare il velo per attirare l’attenzione sui social media. Vive con la madre, il padre e quattro dei suoi otto fratelli in un piccolo appartamento nella periferia di Romano di Lombardia a Milano e usa il suo smartphone per fare dozzine di post ogni giorno. Sua madre, Dai Mbaye, ha detto che la gente credeva che “una ragazza con il velo non è in grado di fare cose straordinarie”. Mbaye parlava la lingua wolof con la traduzione di Mbing, descrivendo sua figlia come “un punto di riferimento per molte ragazze a cui piace. Indossa il velo ma ha paura di essere giudicata”. Stella Jane, stilista italiana e attivista per Black Lives Matter, ha detto che Mbing rappresenta il percorso irreversibile dell’Italia verso il multiculturalismo. “Vedere qualcuno che implementa TikTok potrebbe sembrare banale e superficiale. Ha dovuto lottare e spingere se stessa per arrivare a quel punto”, ha detto la designer in un’intervista a Roma.

“Fortunatamente, questo è il nuovo volto dell’Italia, e non ci tireremo indietro”, ha detto Jean.

READ  The Weeknd fissa la data per il 2022 alla T-Mobile Arena di Las Vegas

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse e generata automaticamente da un feed condiviso.)

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x