La Siria fornisce ossigeno al Libano in mezzo a gravi carenze | Notizie sulla pandemia di coronavirus

La Siria fornisce a Beirut 75 tonnellate di ossigeno mentre il presidente Bashar al-Assad risponde alla domanda umanitaria del Paese.

La Siria dilaniata dalla guerra ha promesso di fornire ossigeno al vicino Libano in un momento in cui entrambi i paesi sono afflitti da problemi economici senza precedenti e da un picco di casi di coronavirus.

“Forniremo al Libano 75 tonnellate di ossigeno in lotti da 25 tonnellate al giorno per tre giorni”, ha detto ai giornalisti il ​​ministro della Salute Hassan Ghabbash dopo un incontro con la sua controparte libanese mercoledì.

Al-Ghobash ha detto che la spedizione di ossigeno, che sarà consegnata “immediatamente”, non farà pressione sulle forniture siriane, aggiungendo che la prima spedizione è arrivata quel giorno.

Da parte sua, il ministro della Salute libanese Hamad Hassan ha detto al canale libanese Al-Manar che la spedizione era un “regalo diretto” del presidente siriano Bashar Al-Assad, che ha risposto alla richiesta umanitaria di ossigeno del suo paese.

Ha aggiunto: “Abbiamo circa 1.000 pazienti in terapia respiratoria nei pronto soccorso in Libano” e le scorte di ossigeno “onestamente sono appena sufficienti per durare fino ad oggi”.

Per il Libano, il gesto della Siria arriva in un momento di stallo politico tra gruppi rivali profondamente divisi sulla Siria. Hassan è alleato con Hezbollah sostenuto dall’Iran, che è stato uno dei principali sostenitori di Assad.

Il Libano ha subito un picco di casi di coronavirus dall’inizio del 2021 e un blocco di una settimana ha portato a un leggero calo dei numeri.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che i letti in terapia intensiva sono pieni per oltre l’85% nel paese di sei milioni di persone, tra cui più di un milione di rifugiati siriani.

READ  Il tribunale ruandese decide la possibilità di perseguire l'eroe degli hotel ruandesi | Notizie sui tribunali

Dallo scorso anno, il Libano ha registrato quasi 445.000 feriti e 5.850 morti.

Ma la situazione è critica in Siria e anche dove le persone soffrono di un sistema sanitario che ha subito 10 anni di conflitto e fa affidamento sugli aiuti esteri mentre il governo di Assad deve affrontare crescenti sanzioni occidentali.

Funzionari dell’Organizzazione mondiale della sanità hanno affermato che i letti degli ospedali sono a piena capacità nella capitale, Damasco, e gli infortuni sono ai massimi livelli a causa della scarsità di strutture per i test.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato ad Al Jazeera nell’ottobre dello scorso anno che c’erano meno di tre letti disponibili per ogni 10.000 persone, tre volte in meno rispetto agli standard internazionali. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato nel marzo dello scorso anno, il 70 per cento degli operatori sanitari ha lasciato il Paese dallo scoppio della guerra nel 2011.

Anche la Siria e il Libano stanno assistendo a un crollo senza precedenti delle loro valute locali.

La campagna di vaccinazione è iniziata in Libano il mese scorso, registrando oltre 970.000 persone e sono già state somministrate circa 156.000 dosi.

Il governo siriano ha iniziato la campagna di vaccinazione la scorsa settimana.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato, martedì, che supervisionerà anche il lancio della vaccinazione in Siria, che dovrebbe iniziare ad aprile, con l’obiettivo di vaccinare il 20% della popolazione entro la fine del 2021.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x