La Francia pensa di fermare le esportazioni di energia verso l’Italia con il calo della produzione nucleare

Contenuto dell’articolo

La Francia potrebbe imporre una moratoria di due anni sulle esportazioni di energia in Italia poiché Electricite de France SA, controllata dallo stato, lotta con la diminuzione della produzione delle sue centrali nucleari, esacerbando una crisi energetica sempre più profonda con l’arrivo dell’inverno in Europa.

Contenuto dell’articolo

Un portavoce del ministero italiano per la trasmissione dell’energia ha dichiarato sabato che l’Italia sta lavorando a piani per compensare qualsiasi interruzione di fornitura dopo aver ricevuto la notifica scritta della potenziale interruzione, confermando un rapporto del quotidiano La Repubblica.

Un portavoce dell’EDF ha smentito la notizia, affermando che le strutture controllate dallo Stato francese “non hanno inviato una lettera” alle autorità italiane. Un portavoce dell’operatore francese della rete elettrica RTE, che è posseduto al 50,1 per cento da EDF ma il cui statuto ne garantisce l’indipendenza, non ha rilasciato commenti immediati. Il ministero delle Finanze francese ha rifiutato di commentare.

Contenuto dell’articolo

La produzione di energia nucleare da parte di EDF è destinata a scendere al livello più basso degli ultimi tre decenni mentre lotta per mantenere i suoi impianti obsoleti, trasformando la Francia, il più grande esportatore di elettricità d’Europa, in un importatore netto. La carenza ha esacerbato una crisi energetica in tutta Europa dopo che la Russia ha interrotto le forniture di gas al continente.

Per saperne di più: EDF aumenta i profitti dalla riduzione della produzione a $ 29 miliardi

Mentre l’Europa si avvicina a un inverno difficile, la mancanza di energia sta mettendo a dura prova la solidarietà tra i paesi. La potenziale interruzione di corrente della Francia al suo vicino suggerisce che l’interesse nazionale potrebbe prevalere se la crisi si intensificherà.

READ  Superare i record per il supporto | Filo d'affari

All’inizio di questo mese, l’Italia ha dichiarato che mira a ridurre il consumo di gas naturale questo inverno aumentando l’uso del carbone, riducendo il riscaldamento in tutto il paese e spingendo per un cambiamento nel comportamento dei consumatori.

L’Italia importa circa il 13% della sua energia, secondo l’operatore nazionale Terna. La Francia rappresenta circa il 5% del consumo annuo del paese.

Leggi tutto: Il governo Draghi approva 14 miliardi di euro di aiuti energetici

(Aggiunge un commento del FES, nessun commento del ministero delle Finanze francese nel terzo paragrafo).

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x