La Guinea conferma il primo caso di rara malattia da virus Marburg simile all’Ebola in Africa occidentale

Un paziente raro ma altamente contagioso Malattia da virus di Marburg È morto in Guinea, secondo una dichiarazione rilasciata lunedì dall’Organizzazione mondiale della sanità. È il primo caso di virus simile all’Ebola in Africa occidentale.

Campioni del virus che causano la febbre emorragica sono stati prelevati dal paziente di Jekidou. La dichiarazione ha aggiunto che la scoperta arriva meno di due mesi dopo che la Guinea ha annunciato la fine dell’ultimo focolaio del virus Ebola.

Secondo la dichiarazione dell’OMS, “Guekedou, dove è stata confermata Marburg, è anche la stessa regione in cui sono stati rilevati i focolai di Ebola del 2021 in Guinea e l’epidemia dell’Africa occidentale 2014-2016”. “I campioni prelevati da un paziente ora deceduto e testati da un laboratorio sul campo a Guékidou e dal National Hemorrhagic Fever Laboratory in Guinea si sono rivelati positivi per il virus di Marburg. Ulteriori analisi di Reverendo Istituto In Senegal il risultato è stato confermato”.

Lunedì, le autorità sanitarie stanno cercando di trovare persone che potrebbero essere state in contatto con il paziente e stanno lanciando una campagna di educazione pubblica per aiutare a limitare la diffusione dell’infezione.

Un team iniziale di 10 esperti dell’OMS è sul campo per indagare sulla situazione e supportare la risposta alle emergenze della Guinea.

“Apprezziamo la vigilanza e la rapida azione investigativa degli operatori sanitari in Guinea. Il potenziale di diffusione del virus Marburg significa che dobbiamo fermarlo”, ha affermato il dott. Matchidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa. Dichiarazione.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il virus viene trasmesso all’uomo dai pipistrelli della frutta e può quindi essere trasmesso da un essere umano all’altro attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di persone infette o superfici e materiali contaminati da questi fluidi. Non ci sono vaccini o trattamenti antivirali per curare Marburg; Tuttavia, esistono trattamenti per sintomi specifici che possono migliorare le possibilità di sopravvivenza dei pazienti.

READ  Gli astronomi disegnano una nuova mappa radio della Grande Nube di Magellano | astronomia

“I tassi di mortalità variavano dal 24% all’88% nelle precedenti epidemie a seconda del ceppo del virus e della gestione del caso”, afferma la dichiarazione. “In Africa, sono stati segnalati focolai e casi sporadici in Angola, Repubblica Democratica del Congo, Kenya, Sudafrica e Uganda”.

Il virus di Marburg è stato identificato per la prima volta nel 1967, quando 31 persone si sono ammalate in Germania e Jugoslavia in un focolaio che alla fine è stato ricondotto a scimmie da laboratorio importate dall’Uganda. Da allora il virus è apparso sporadicamente, con solo dozzine di focolai registrati. Molte delle persone coinvolte avevano un solo caso diagnosticato.

Il virus di Marburg provoca sintomi simili all’Ebola, che iniziano con febbre e debolezza e spesso portano a emorragie interne o esterne, insufficienza d’organo e morte.

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x