― Advertisement ―

spot_img
HomescienceLa NASA sta lavorando per recuperare dal contenitore un campione di asteroide...

La NASA sta lavorando per recuperare dal contenitore un campione di asteroide di 4,5 miliardi di anni

Gli scienziati della NASA hanno riportato con successo un campione di asteroide sulla Terra a settembre, diventando la prima agenzia spaziale statunitense a farlo.

Tutto quello che devono fare ora è capire come aprire il meccanismo di acquisizione del campione touch-and-go, o TAGSAM, per recuperare il resto del campione, secondo NASA.

La navicella spaziale OSIRIS-REx ha registrato circa sette anni di viaggio, rilevando e raccogliendo campioni dall’asteroide Bennu prima di tornare sulla Terra il 24 settembre 2023.

“Gli scienziati sperano di farlo Campione Pino La NASA ha scritto sul suo sito web che il “OSIRIS-REx” lanciato nel deserto dello Utah fornirà indizi sul fatto che gli asteroidi che si sono scontrati con la Terra miliardi di anni fa abbiano portato qui acqua e altri componenti chiave della vita.

Sebbene gli scienziati stiano ancora lavorando per accedere al resto del campione sigillato nella testa di TAGSAM, sono riusciti a raccogliere 2,48 once, o 70,3 grammi, di roccia e polvere dai campionatori.

Il lotto iniziale ha già superato l’obiettivo della NASA di portare almeno 60 grammi sulla Terra.

Ecco cosa sappiamo.

Come intendono recuperare il resto del campione gli scienziati della NASA?

La maggior parte dei campioni raccolti finora dagli scienziati sono stati localizzati all’esterno della testa di OSIRIS-REx, accessibile attraverso il cappuccio in mylar della testa. Il resto si trova all’interno di TAGSAM.

Un team di scienziati del Johnson Space Center della NASA a Houston ha tentato di rimuovere la testa del TAGSAM in più occasioni, ma ha scoperto che due dei 35 elementi di fissaggio non potevano essere rimossi utilizzando gli attuali strumenti che il team aveva il permesso di utilizzare.

“La testa del TAGSAM ha più di 35 elementi di fissaggio, ma avevamo intenzione di rimuoverne solo 35. I due bloccati sono stati tra gli ultimi a essere rimossi. Tutti gli altri elementi di fissaggio sono stati rimossi con successo. “Non sappiamo perché questi ultimi due siamo bloccati, ma stiamo lavorando attivamente. Continueremo a trovare potenziali soluzioni continuando anche a fare progressi nelle nostre procedure di elaborazione dei campioni per i 70,3 grammi di materiale già recuperati da TAGSAM”, ha affermato Francis McCubbin, curatore dei materiali astronomici presso il Johnson Space Centro.

Parte del materiale è stato raccolto con successo quando il team ha tenuto il cappuccio in Mylar sulla testa rimuovendo il campione dall’interno utilizzando una pinzetta o una paletta, a seconda delle dimensioni del materiale estratto.

La NASA ha affermato che gli scienziati impiegheranno le prossime due settimane per rimuovere il resto del campione dalla testa di TAGSAM con la nuova tecnologia, elaborare il materiale raccolto e iniziare ad analizzare il campione globale. 20 ottobre.

La testa del TAGSAM è stata rimossa dal flusso di azoto attivo nel vano portaoggetti e conservata nel suo contenitore per il trasporto, sigillata con un O-ring e racchiusa in un sacchetto di Teflon sigillato per garantire che il campione fosse tenuto al sicuro mentre il team espelleva le soluzioni per accedere al resto del campione.

Poiché tutto il lavoro sul campione, inclusa la testa del TAGSAM, è stato eseguito in un vano portaoggetti specializzato sotto un flusso di azoto per evitare che fosse esposto all’atmosfera terrestre, gli strumenti di qualsiasi soluzione proposta devono essere in grado di adattarsi all’interno del vano portaoggetti e non compromettere l’integrità scientifica del kit. Secondo la NASA.

READ  Il razzo SpaceX danneggiato ritarda la prossima missione della NASA dell'astronauta

Cosa ha scoperto finora la NASA?

Studi preliminari sul campione di asteroide di 4,5 miliardi di anni mostrano che gli elementi fondamentali della vita sulla Terra si possono trovare nella roccia, che contiene un’alta percentuale di carbonio e acqua, secondo il sito web americano “spaziale”. NASA.

“Quasi tutto ciò che facciamo alla NASA cerca di rispondere a domande su chi siamo e da dove veniamo. Le missioni NASA come OSIRIS-REx miglioreranno la nostra comprensione degli asteroidi che potrebbero minacciare la Terra, dandoci allo stesso tempo uno sguardo su ciò che si trova oltre di loro.” Il campione è tornato sulla Terra, ma c’è ancora molta scienza da scoprire, una scienza che non abbiamo mai visto prima”, ha detto in precedenza l’amministratore della NASA Bill Nelson.

La natura dei composti del carbonio trovati potrebbe fornire informazioni su come si è formato il sistema solare, su come le materie prime per la vita potrebbero essere state seminate sulla Terra e su quali precauzioni dovrebbero essere prese per evitare collisioni con asteroidi.

Di più: I ricercatori trovano segni di fiumi su Marte, un possibile indicatore di vita antica