La nuova tecnologia di stampa 3D potrebbe rendere più pratici gli organi in laboratorio

tanto quanto Dispositivi stampati in 3D È progredito e la sua formazione è ancora un processo lento che può danneggiare i tessuti. Tuttavia, presto potrebbe essere disponibile un metodo più veloce ed efficace. I ricercatori dell’Università di Buffalo e altrove l’hanno fatto Sviluppato La tecnologia di stampa 3D è da 10 a 50 volte più veloce rispetto ai metodi standard. La piccola mano protesica (mostrata sopra) che avrebbe impiegato sei ore per la stampa ha impiegato solo 19 minuti, abbastanza per ridurre la distorsione e il danno cellulare dai sistemi precedenti.

il nuovo Sede centrale Utilizza una combinazione di stereolitografia con Idrogel. Dirigendo con precisione la fotopolimerizzazione (processando il materiale attraverso la luce), il team può fornire rapidamente e costantemente la soluzione idrogel necessaria e mantenere una crescita “continua”. È come spianare una nuova strada pochi istanti prima di guidarla.

L’output è attualmente limitato ai modelli “centimetrici”, ma in realtà è adatto per celle di stampa con reti vascolari compatte. Questo sarà cruciale per l’eventuale produzione di organi di dimensioni umane. Se gli scienziati potessero adattare l’operazione a organi a grandezza naturale e renderli adatti all’uso quotidiano, gli ospedali non dovrebbero fare molto affidamento sui donatori di organi per i trapianti salvavita.

READ  Gli scienziati hanno scoperto un fossile di un rinoceronte gigante che si ritiene avesse le dimensioni di sei elefanti

Giustina Rizzo

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x