La vendita degli studi francesi “Emilie in Paris” a Tarek Ben Ammar

Gli Studios de Paris, l’ampio studio in cui è stato girato il popolare show di Netflix “Emily in Paris” nella periferia della capitale francese, sono stati allestiti da collaboratori, tra cui il regista di “Valerian” Luc Besson.

Dopo che sono emerse diverse grandi offerte da fondi statunitensi come Oaktree Capital Management e TPG Real Estate, l’imprenditore franco-tunisino Tarek Ben Ammar – che ha co-fondato gli studi con Besson e possiede una quota del 25% – ha deciso di non volerlo. Vendendo più la sua quota e scegliendo invece di usare il suo diritto di prelazione come azionista per ottenere la piena proprietà degli Studios de Paris, vario Accertato. La notizia è stata pubblicata per la prima volta sulla rivista francese Capital, sulla base di un documento giudiziario ottenuto da lui vario.

Secondo il patto parasociale, Bleufontaine di Ben Ammar, che fa capo al figlio Gad, avrà il diritto di presentare un’offerta conforme ai termini e alle condizioni dell’offerta di 30,5 milioni di euro presentata da TPG Real Estate.

Besson, che dieci anni fa ha ideato gli studi parigini per competere con la britannica Pinewood, la tedesca Babelsberg e l’italiana Cinecittà, possiede una quota del 9,9% nel complesso attraverso la sua holding Frontline. EuropaCorp, l’ex bandiera di produzione di Besson e attualmente di proprietà principalmente di Vine Alternative, ha una quota del 40% negli studi. Euromedia, il fornitore di servizi di trasmissione con una quota del 25%. Nel marzo 2020, Studios de Paris è stato posto sotto protezione giudiziaria a causa dei suoi debiti, che saranno pagati tramite un’acquisizione.

READ  Festival di Cannes 2021: Elenco dei vincitori

Blufontaine finanzierà l’accordo con la Eagle Pictures di Ben Ammar, la principale società di distribuzione indipendente italiana, che vanta una libreria di 2.800 titoli e ha accordi di distribuzione con MGM, Paramount e Sony. Eagle è anche coinvolta in Spyglass, che ha partnership con Lionsgate e Warner Bros.

Studios de Paris vanta nove palchi intatti da 120.000 piedi quadrati, ma non sono riusciti a essere redditizi per la maggior parte dell’ultimo decennio a causa delle loro tariffe elevate, degli incentivi fiscali insufficienti e dei problemi finanziari di EuropaCorp. Un insider ha affermato che gli Studios de Paris stanno registrando un flusso di cassa positivo nel 2021, poiché hanno iniziato a ospitare filmati per una serie di serie e film. Negli ultimi due anni, i servizi di streaming hanno iniziato ad aumentare il volume di contenuti originali girati in Francia, inclusi titoli di alto profilo come “Emily in Paris”. Il principale fattore alla base dell’aumento è il credito d’imposta francese, che è aumentato notevolmente negli ultimi anni, anche grazie all’intensa pressione di Bison. Anche durante la pandemia, ben 56 progetti hanno beneficiato del regime fiscale internazionale nel 2020, 36 dei quali sono stati prodotti per gli schermi televisivi, secondo il CNC (National Film Board).

Non sono solo gli streamer. “Il volume totale dei contenuti francesi girati a Parigi quest’anno è aumentato del 30% rispetto al 2019 e siamo a corto di strutture in studio per soddisfare la domanda”, ha affermato Helen Dodragny di Film Paris Region, l’organizzazione che coordina tutte le riprese. nella capitale francese. Quasi il 70% di tutte le riprese in Francia si svolge a Parigi, ma la città ha solo due strutture abbastanza grandi da ricevere riprese così grandi: Studios de Bry-sur-Marne e Studios de Paris.

READ  7 cose interessanti da fare nel Golfo questo fine settimana, dal 19 al 21 febbraio

Ben Ammar ha detto vario Insieme ai suoi partner statunitensi si aspettano che questo boom di produzione continui a crescere, poiché i servizi di radiodiffusione sono ora tenuti a investire il 20% del loro fatturato annuo in Francia in contenuti locali in base a un nuovo decreto derivante dalla direttiva sui servizi di media audiovisivi (AVMS) dell’Unione europea. Netflix, Amazon, Disney Plus e Apple TV Plus hanno recentemente firmato un accordo con le emittenti francesi (CSA) per iniziare a investire un quinto delle loro entrate annuali in contenuti francesi. Il CSA prevede che gli investimenti vadano da 250 milioni di euro (282 milioni di dollari) a 300 milioni di euro (330 milioni di dollari) in media all’anno.

Ben Ammar ha osservato che la Francia è stata il primo paese a mettere in atto queste nuove normative, ma altri paesi all’interno dell’Unione Europea, inclusa l’Italia – dove opera Eagle – stanno seguendo il percorso, che porterà inevitabilmente a un aumento della domanda di contenuti non statunitensi in tutto il mondo. il continente. . Possedere gli studi francesi darebbe a Ben Ammar la leva per attrarre registi, co-produrre e cofinanziare i contenuti girati lì e, infine, essere comproprietario delle IP.

Anche Saint-Denis, il sobborgo in cui si trovano gli studi parigini, si sta preparando per importanti riparazioni. L’area è stata scelta per ospitare il Villaggio Olimpico durante i Giochi di Parigi 2024, con la Cité du Cinema come sfondo principale. Ciò significa che la struttura non sarà in grado di girare lì per circa un anno, ma Ben Ammar, che vede le Olimpiadi come una grande opportunità di marketing, non è preoccupato. “Parigi sarà sempre Parigi e i registi torneranno quando i Giochi saranno finiti nell’autunno del 2024”.

READ  Joker 2 con Joaquin Phoenix confermato dal regista Todd Phillips

In effetti, dicono le fonti vario Che oltre alle riprese agli Studios de Paris, c’è una serie Apple su larga scala che ruota attorno a un famoso designer francese. Le riprese della serie, con un noto velocista e star americane, inizieranno a maggio 2022.

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x