L’autorità italiana per i dati chiede chiarimenti sulla privacy a Facebook sui suoi nuovi occhiali intelligenti

L’autorità italiana per la protezione dei dati ha dichiarato venerdì di aver chiesto a Facebook chiarimenti sugli occhiali intelligenti appena lanciati dal gigante dei social media per valutare se il prodotto è conforme alle leggi sulla privacy.

Creati in collaborazione con EssilorLuxottica, produttore di Ray Ban, gli occhiali intelligenti di Facebook consentono a chi li indossa di ascoltare musica, effettuare chiamate o scattare foto e brevi video e condividerli sui servizi di Facebook utilizzando un’app complementare.

L’agenzia italiana, Garante, ha affermato di aver invitato il commissario irlandese per la protezione dei dati, che guida la supervisione di Facebook perché la sede europea della società di social media si trova in Irlanda, per chiedere chiarimenti a Facebook.

L’autorità italiana ha detto di voler essere informata sulle misure adottate da Facebook per tutelare le persone fotografate occasionalmente, in particolare i bambini, nonché sui sistemi adottati per rendere anonimi i dati raccolti e sulle funzionalità dell’assistente vocale collegato agli occhiali.

“Sappiamo che le persone hanno domande sulle nuove tecnologie, quindi prima di lanciare Ray Ban Stories, abbiamo coinvolto il DPC irlandese per condividere come stanno incorporando la privacy nel design del prodotto e nella funzionalità degli occhiali per dare tranquillità sia ai proprietari dei dispositivi che alle persone che li circondano “. un portavoce di Facebook ha detto in una nota.

“Risponderemo alle domande del Garante attraverso il DPC irlandese e attendiamo con impazienza la nostra continua cooperazione con i regolatori in Europa”, ha aggiunto il portavoce.

Venerdì, Amnesty International ha sollevato preoccupazioni sulla privacy simili. Tech AI, l’ala tecnologica dell’ONG, ha scritto su Twitter: “Facebook è una società di pubblicità di sorveglianza la cui attività si basa sullo sfruttamento dei nostri dati e sulla violazione della nostra privacy su vasta scala.

READ  "In Love with San Jose": la visione di Gary DeLabo per rivitalizzare il centro cittadino

“Ora ho collaborato con Ray-Ban per vendere occhiali per macchine fotografiche. ray_ban ci hai mai pensato?”

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x