Le domande sugli omicidi mettono alla prova i limiti della richiesta di immunità di Trump

Le domande sugli omicidi mettono alla prova i limiti della richiesta di immunità di Trump

“Ovviamente come presidente, rispetterò la legge come lo sono tutti gli americani”, ha detto Donald J. Trump Si diceva nel 2016Durante la sua prima campagna elettorale.

I tempi sono cambiati e ora dice il contrario. La prossima settimana, la Corte Suprema esaminerà la sua affermazione di essere immune da procedimenti giudiziari con l’accusa di cospirazione per sovvertire le elezioni del 2020.

La sua dichiarazione del 2016, ora in gran parte dimenticata, non era un’osservazione disinvolta. Si è trattato piuttosto di uno sforzo deliberato per porre fine alla controversia su una questione emersa anche di recente nel caso davanti alla Corte Suprema: può il presidente ordinare ai militari di compiere omicidi illegali?

A gennaio, in un dibattito davanti alla corte d'appello, il giudice Florence Y. Pan ha posto agli avvocati di Trump una domanda volta a testare i limiti della sua tesi secondo cui i presidenti sono immuni da procedimenti giudiziari per le loro azioni ufficiali.

“Un presidente che ha ordinato al SEAL Team 6 di assassinare un rivale politico, e non è stato messo sotto accusa, può essere perseguito penalmente?” lei chiese.

L'avvocato Dott. ha detto: John Sawyer no.

Il signor Sawyer non sembra desideroso di far riconsiderare la questione alla Corte Suprema. Infatti, nel chiedere alla corte di ascoltare l'appello del signor Trump, il signor Sawyer Ha esortato i giudici E non fatevi distrarre da “ipotesi orribili” che “quasi certamente non accadranno mai”.

La prospettiva che ai militari venga ordinato di compiere omicidi illegali è certamente spaventosa. Ma è venuto in mente al signor Trump.

READ  Palestinesi manifestano contro Mahmoud Abbas dopo la morte di un attivista | Notizie della Cisgiordania occupata

Infatti, all’inizio della sua prima campagna, Trump si era impegnato a ordinare ai militari di uccidere i parenti dei terroristi.

“Stiamo combattendo una guerra molto politicamente corretta”, ha detto Trump nel 2015, riferendosi agli sforzi per sconfiggere lo Stato islamico. Ha aggiunto: “L'altra cosa è che per i terroristi bisogna uccidere le loro famiglie”.

In Intervista in quel momentoUn simile ordine sarebbe illegale e il personale militare sarebbe tenuto a rifiutarsi di seguirlo, ha affermato Michael Hayden, un generale dell’aeronautica in pensione che dirigeva sia la NSA che la CIA.

Alla domanda sulla dichiarazione di Hayden nel dibattito sulle primarie repubblicane del marzo 2016, Trump ha detto che i militari avrebbero seguito le sue istruzioni.

“Non rifiuteranno”, ha aggiunto. “Non mi rifiuteranno. Fidati di me.”

Ma il giorno successivo, con una mossa rara, Trump ha ritrattato i suoi commenti un permesso Sembra che i suoi consiglieri lo abbiano preparato.

“Utilizzerò tutti i poteri legali di cui dispongo per fermare questi nemici terroristi”, ha detto. “Tuttavia, capisco che gli Stati Uniti sono vincolati da leggi e trattati e non chiederò ai nostri militari o ad altri funzionari di violare tali leggi e chiederò il loro consiglio su tali questioni.”

Ha aggiunto: “Non ordinerò a un ufficiale militare di disobbedire alla legge”. “Ovviamente, come presidente, rispetterò la legge come tutti gli americani e mi assumerò queste responsabilità”.

Trump e i suoi avvocati hanno smesso di tirarsi indietro e in questi giorni stanno adottando una posizione estrema. Allo stesso tempo, non sembrano propensi a discutere se i presidenti possano essere ritenuti responsabili per l’abuso dei loro poteri di comandante in capo.

READ  I ribelli dello Yemen affermano che nove giustiziati per l'omicidio del leader politico | Notizie Houthi

Ma i giudici potrebbero avere difficoltà a evitare l’argomento, se non altro perché tre gruppi di ex funzionari militari e di sicurezza nazionale hanno presentato memorie amicus curiae per esplorare la questione.

in uno, Presentato a sostegno del signor Trumptre ex comandanti militari hanno scritto che non c'è nulla da temere perché il personale militare non eseguirà ordini illegali.

“Qualsiasi ordine presidenziale che imponga ai militari di usare la forza letale senza giustificazione legale equivarrebbe a un ordine che richiede la commissione di un reato grave”, si legge nella nota. “Qualsiasi ufficiale militare che consapevolmente emettesse o eseguisse un tale ordine illegale sarebbe penalmente responsabile.”

Altre memorie depositate a sostegno di Jack Smith, il procuratore speciale del caso, non erano così ottimiste. Hanno concordato che il personale militare dovrebbe rifiutarsi di obbedire agli ordini illegali. Ma hanno affermato che i presidenti incoraggiati dalla consapevolezza di essere immuni da procedimenti giudiziari eserciteranno una pressione seria e pericolosa su coloro che guidano.

Breve di ammiragli e generali in pensione, insieme ad ex segretari dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica, hanno affermato che “il dovere di disobbedire sarebbe una tutela inaccettabilmente debole contro un presidente incline allo scherno e al quale è stato permesso di infrangere la legge”. Senza possibilità di procedimento penale”.

Terza abbreviazioneL’immunità presidenziale combinata con il potere di perdonare i crimini sarebbe una ricetta per l’illegalità totale, hanno affermato gli esperti militari e di sicurezza nazionale.

“Ad esempio, nello scenario di assassinio del SEAL Team 6, i membri del team non avrebbero bisogno di temere le conseguenze di aver commesso un omicidio”, si legge nella nota, “se l'ordine di commettere un omicidio fosse accompagnato da una promessa di grazia”.

READ  Il giudice dice che Rudy Giuliani può ricorrere in appello, ma non con i propri soldi

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x