L’inviato degli Stati Uniti in Afghanistan si dimette dopo il caotico ritiro | notizie di politica

Zalmay Khalilzad è sotto pressione dal crollo del governo afghano e dalla presa del potere da parte dei talebani.

Il Dipartimento di Stato Usa ha annunciato che l’inviato Usa in Afghanistan, Zalmay Khalilzad, si dimetterà, meno di due mesi dopo il caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan e il controllo del Paese da parte dei talebani.

Il segretario di Stato Anthony Blinken, in una dichiarazione lunedì, ha affermato che Khalilzad sostituirà il suo vice, Tom West, osservando che West lavorerà a stretto contatto con l’ambasciata statunitense, ora con sede a Doha, sugli interessi statunitensi in Afghanistan.

“Con il rappresentante speciale per la riconciliazione afghana, Zalmay Khalilzad, che si è dimesso dalla sua posizione, esprimo la mia gratitudine per i suoi decenni di servizio al popolo americano”, si legge nella dichiarazione di Blinken.

“Ringrazio l’ambasciatore Khalilzad per il suo servizio e do il benvenuto a questo ruolo al rappresentante speciale West”.

Una persona che ha familiarità con la questione ha detto a Reuters, a condizione di anonimato, che Khalilzad ha presentato le sue dimissioni venerdì.

La sua partenza è arrivata dopo essere stato escluso dai primi colloqui formali dell’amministrazione Biden con i talebani dopo il ritiro degli Stati Uniti, che si sono tenuti a Doha all’inizio di ottobre.

In una lettera al Segretario di Stato Anthony Blinken, Khalilzad ha difeso il suo record, ma ha riconosciuto di aver commesso un errore e ha affermato di voler fare spazio durante “la nuova fase della nostra politica verso l’Afghanistan”.

“Gli accordi politici tra il governo afghano ei talebani non sono andati avanti come previsto”, ha affermato l’agenzia di stampa francese AFP.

READ  Zelensky avverte che le vittime civili potrebbero essere maggiori in altre città liberate dopo Bucha

“Le ragioni di ciò sono molto complesse e condividerò i miei pensieri nei prossimi giorni e settimane”.

Di fronte al fallimento diplomatico

Nato in Afghanistan, Khalilzad ha ricoperto la carica dal 2018 e ha condotto i negoziati con i talebani che hanno portato all’accordo del febbraio 2020 per il ritiro delle forze statunitensi quest’anno.

Nonostante la sua affiliazione repubblicana, Khalilzad è rimasto al suo posto quando Biden ha sconfitto Donald Trump e ha deciso di procedere con il ritiro.

Ha poi fatto pressioni sul gruppo armato militante e sul governo appoggiato dall’Occidente dell’ex presidente afghano Ashraf Ghani per negoziare una soluzione politica a decenni di conflitto.

A metà agosto, il governo è crollato quando i talebani hanno invaso il paese e hanno marciato incontrastati verso la capitale, Kabul.

Ha lasciato che Khalilzad cercasse l’assistenza del gruppo armato nell’evacuazione degli Stati Uniti di cittadini statunitensi e afgani vulnerabili che avevano lavorato con il governo degli Stati Uniti.

Funzionari statunitensi attuali ed ex hanno detto a Reuters in precedenza che durante i tre anni di Khalilzad in questa posizione, è diventato il volto di uno dei più significativi fallimenti diplomatici statunitensi nella memoria recente.

Funzionari statunitensi, che hanno parlato a condizione di anonimato, hanno affermato che il veterano diplomatico statunitense ha ceduto la sua influenza al gruppo armato, ha costantemente minato il governo afghano e ha poco interesse a sentire opinioni diverse all’interno del governo degli Stati Uniti.

READ  Il Canada invia più aiuti all'Ucraina, vieta le navi russe

Parlando di recente a Foreign Policy, Khalilzad ha difeso il suo record, affermando che i talebani hanno rispettato parti chiave dell’accordo del febbraio 2020, incluso il non attaccare le forze statunitensi decedute.

Rispetto coloro che dicono che non avremmo dovuto negoziare con i talebani senza il governo. Ma non sappiamo quanti combattimenti ci sarebbero voluti i talebani per accettare questo.

Ma senza alcun appetito negli Stati Uniti per un’altra ondata di truppe nella sua guerra più lunga, “ogni anno perdevamo terreno a favore dei talebani”, ha detto.

“Il tempo non era dalla nostra parte.”

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x