L’Italia multa Uber e le app alimentari, affermano i trasportatori

I pubblici ministeri italiani hanno affermato mercoledì che Uber Eats e altre piattaforme di consegna di cibo erano corrieri con dipendenti piuttosto che lavoratori indipendenti e li hanno multati di 733 milioni di euro per aver violato le norme sulla sicurezza sul lavoro.

La Procura di Milano ha affermato in una nota che a più di 60.000 corrieri che hanno lavorato presso Uber Eats, Glovo, Just Eight e Delivero in Italia nel periodo 2017-2020 dovrebbero essere offerti contratti a tempo indeterminato con retribuzione fissa.

“I passeggeri non possono più essere considerati schiavi, è tempo che vengano considerati cittadini bisognosi di protezione legale”, ha detto in conferenza stampa il procuratore capo di Milano Francesco Greco.

I pubblici ministeri hanno affermato che le quattro aziende devono pagare i pagamenti previdenziali e assicurativi precedenti. I querelanti non hanno specificato un importo ma una simile fattura potrebbe facilmente incorrere in centinaia di milioni di euro.

Inoltre, ai corrieri dovrebbero essere forniti indumenti “appropriati”, inclusi caschi, guanti, giubbotti riflettenti e maschere anti-coronavirus, nonché biciclette o scooter aziendali, hanno detto i pubblici ministeri.

Alle aziende sono stati concessi 90 giorni per ottemperare alle richieste.

Sono stati inoltre condannati a pagare multe per un totale di circa 733 milioni di euro (900 milioni di dollari) per risolvere i problemi di sicurezza dei lavoratori con le autorità italiane, un importo che potrebbe aumentare in base agli altri loro illeciti.

Un portavoce di Uber ha affermato che l’azienda con sede a San Francisco si impegna a “alzare il livello” e offrire ai propri dipendenti maggiori vantaggi, mantenendo la flessibilità su come e quando lavorano.

“Negli ultimi mesi, abbiamo messo in atto un quadro significativo per una protezione più forte e maggiori vantaggi per le compagnie di navigazione indipendenti in Italia, mentre lavoriamo duramente per stabilire nuovi standard per la protezione della salute e della sicurezza”, ha affermato Uber.

READ  Ristoranti e caffè più votati a Sunderland - Come ordinare al Lockdown 3

Assodelivery, un gruppo commerciale che rappresenta le quattro società target, non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

– Party Economy –

La CGIL, il più grande sindacato italiano, ha definito la mossa dei querelanti “una grande notizia”, ​​dicendo che i corrieri dovevano essere protetti da un contratto nazionale di lavoro.

L’ingiunzione colpisce il cuore della cosiddetta gig economy, che fa affidamento su centinaia di migliaia di lavoratori freelance per servizi basati su app come la consegna di cibo o viaggi in auto.

Uber sostiene da tempo che il suo modello di business offre flessibilità e controllo ai suoi lavoratori, che possono scegliere e scegliere quando e quanto lavorare, e ha avvertito che meno persone saranno assunte se considerate dipendenti.

Ma i critici hanno sostenuto che il rifiuto dell’azienda di considerare i propri dipendenti che lavorano nelle app come dipendenti porta a salari più bassi e alla mancanza di assicurazione medica e altri benefici.

L’azienda ha ottenuto un’importante vittoria a novembre nel suo stato d’origine, la California, quando gli elettori hanno approvato una proposta di voto da parte di Uber che avrebbe mantenuto i gig worker come appaltatori indipendenti, offrendo assistenza sanitaria e un salario minimo.

L’Unione europea sta attualmente esaminando questo problema.

Più di recente, il 19 febbraio, la Corte Suprema britannica ha stabilito che gli autisti e gli addetti alle consegne di Uber sono lavoratori e non appaltatori indipendenti.

aa-ams / tgb

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x