Non serve l’UE: Germania, Francia e Italia si contendono accordi post-Brexit con il Regno Unito

I tre maggiori paesi dell’UE – Francia, Italia e Germania – hanno avviato negoziati con il Regno Unito con l’obiettivo di raggiungere accordi bilaterali di sicurezza e intelligence dopo la Brexit.

Sono in corso discussioni a livello di ambasciatori e ministeri, con particolare attenzione alla cooperazione in materia di difesa e alla condivisione dell’intelligence, secondo numerose notizie anche in Germania e Francia. guardiano.

I colloqui bilaterali seguono la posizione del Regno Unito secondo cui non è interessato a legami di sicurezza più stretti con l’UE nel suo insieme.

Germania

Secondo quanto riferito, il Regno Unito e la Germania, lo stato membro più grande e potente dell’UE, hanno iniziato i negoziati mesi fa, con l’obiettivo di emettere una dichiarazione o un trattato congiunto entro la fine di quest’anno.

L’ambasciatore tedesco a Londra, Andreas Michaelis, ha precedentemente descritto il Regno Unito come un “partner ideale” per una partnership di sicurezza e intelligence con la Germania, minimizzando così la necessità dell’UE di far parte di qualsiasi accordo.

Oltre a qualsiasi accordo bilaterale, Regno Unito e Germania stanno anche discutendo se e come il Regno Unito possa creare una sorta di quadro di politica estera coordinato con l’UE, probabilmente attraverso la NATO, il G7 o il terzo gruppo, che è Germania, Francia e Gran Bretagna. La configurazione E3 è stata utilizzata nei negoziati con l’Iran.

Francia

Nel frattempo, Francia e Regno Unito stanno pianificando di rilanciare il loro incontro annuale tra i ministri della Difesa e degli Esteri del Regno Unito.

Secondo quanto riferito, questo è stato concordato durante la recente visita del ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian, quando si trovava a Londra per il vertice dei ministri degli esteri del G7 il mese scorso.

READ  Su giornali e riviste del Fatto Quotidiano del 18 dicembre: non voleva la task force, e ora la chiede. Farsa Renzi, 20 richieste di riscatto e una riunione di 30 minuti

L’ultima volta che si è tenuto un tale vertice è stato più di due anni fa.

Su molte questioni abbiamo punti di vista identici, analisi comuni o interessi comuni. Siamo vicini di casa. “Non possiamo semplicemente sederci immobili e fissarci l’un l’altro”, ha detto Le Drian.

Italia

Infine, anche l’Italia è ansiosa di concludere un accordo con il Regno Unito nei prossimi due mesi.

I funzionari dell’Ambasciata italiana a Londra hanno chiarito a diversi media che sperano di raggiungere un “accordo o un mini-trattamento” con il Regno Unito entro la fine di quest’anno.

Si dice che il governo italiano stia esaminando diversi scenari in base ai quali la legislazione potrebbe essere introdotta in Italia per aprire la strada a qualsiasi accordo di difesa con il Regno Unito da considerare “commercio con un partner che la pensa allo stesso modo”, piuttosto che una terza parte non -Paese UE.

Pubblicamente, Giorgio Moli, viceministro della Difesa italiano, ha recentemente affermato che la recente revisione integrata del Regno Unito su sicurezza e politica estera mostra “la volontà di mantenere alto l’impegno del Regno Unito per la sicurezza in Europa”.

I commenti di Moli sono arrivati ​​pochi mesi dopo l’insediamento del nuovo presidente del Consiglio italiano. Si dice che Mario Draghi, ex capo della Banca centrale europea, sia desideroso di concludere un accordo bilaterale con il Regno Unito.

Pur essendo un convinto sostenitore dell’adesione dell’Italia all’Unione Europea, è meno entusiasta dei rapporti stretti con Russia e Cina rispetto ai precedenti governi italiani.

L’Italia detiene anche la presidenza del prossimo vertice del G20, che si terrà a Roma il 30-31 ottobre di quest’anno.

READ  Ungheria e Italia primeggiano nel girone nella seconda giornata delle qualificazioni olimpiche 3x3

Sistemi BAE

La cooperazione dell’Italia con il Regno Unito in materia di sicurezza e difesa non è una novità: BAE Systems e la sua controparte italiana Leonardo collaborano da anni.

Più di recente, hanno collaborato a un aereo da combattimento di sesta generazione, Tempest.

Muli ha sottolineato che è necessario “stabilire una politica industriale in grado di affrontare la concorrenza internazionale aggressiva e spesso dura, in particolare quella cinese con competenza, conoscenza, capacità e innovazione tecnologica”.

quando ti avvicini sono città Questo pomeriggio, un portavoce della Commissione europea a Bruxelles ha rifiutato di commentare i rapporti.

TIM-MARTIN-BREXIT-EU-LAVORO-VISO



Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x