‘Sentirà la loro assenza’: l’Italia teme colpi economici mentre i russi stanno alla larga | Italia

Sulla vetrina di una tabaccheria nella città di Arezzo, nella Toscana orientale, c’è un cartello giallo con una scritta rossa che dice “Accettiamo pagamenti solo in rubli”.

“È solo una provocazione”, ha detto il proprietario del negozio Anthony Brocato, osservando che la stessa vetrina mostra la bandiera blu e gialla dell’Ucraina e il disegno di una colomba con una bandiera della pace nel becco. “Voglio che le persone parlino di quello che sta succedendo. Ci sono così pochi leader che prendono decisioni che hanno un impatto su milioni di persone. È pazzesco”.

Mentre Broccato ha affermato di essere critico nei confronti dell’invasione russa del suo vicino meridionale, ammette che la sua vetrina può mostrare un messaggio misto. Non è sola.

Il governo italiano si schiera francamente con gli altri paesi dell’UE nell’opporsi alla guerra russa in Ucraina. L’Italia ha imposto sanzioni all’economia russa, ha smesso di fare affari con le sue banche e ha chiesto una soluzione negoziata del conflitto.

I sondaggi mostrano che tra l’80 e il 90% degli italiani sostiene la posizione del governo, secondo la società di sondaggi Opinioni, un numero che potrebbe essere più alto come prova delle atrocità russe nella città ucraina di Bucha.

Tuttavia, il paese è ancora fortemente dipendente dall’importazione di gas russo, anche se il primo ministro italiano Mario Draghi ha rifiutato categoricamente la sua richiesta di pagare questo gas in rubli, una mossa nella partita a scacchi geopolitica che ha ispirato la bandiera gialla di Brocato.

Gli analisti affermano che l’assenza di importazioni russe di merci italiane e di visitatori russi potrebbe minacciare di far deragliare la fragile ripresa economica dell’Italia dopo la pandemia. A fine marzo, l’Economist Intelligence Unit ha abbassato le sue stime di crescita economica in tutta l’Unione Europea, ma ha affermato che l’Italia sarebbe stata la più colpita, con la crescita che quest’anno ha rallentato al 3,4% da una precedente stima del 4,4% a causa dei colpi commerciali con la Russia e il settore secondario. effetti quali costi elevati del carburante e problemi della catena di approvvigionamento. Ciò era in linea con la dichiarazione dell’Istituto nazionale di statistica italiano la scorsa settimana secondo cui potrebbero essere in programma ulteriori aggiustamenti al ribasso se la guerra fosse continuata.

READ  Il presidente della Federal Reserve Powell testimonia davanti a un comitato della Camera

Michaela Ballini, presidente del sindacato del settore vinicolo Federvini, ha affermato martedì che la guerra in Ucraina potrebbe creare “effetti a lungo termine e irreversibili” per i produttori di vino italiani. Ha detto che la devastazione e la crisi umanitaria sono rimaste la principale preoccupazione dell’Ucraina, ma ha anche notato che l’Italia è il più grande fornitore di vino dell’Ucraina e della Russia, con un fatturato totale di circa 400 milioni di euro (335 milioni di sterline) l’anno scorso, circa il 6% dell’Italia. esportazioni di vino. Questo sarà notevolmente ridotto quest’anno.

I produttori di beni di lusso, compresi abbigliamento, gioielli e accessori, hanno affermato di aspettarsi un calo simile delle esportazioni. Secondo quanto riferito, la località balneare di Forte dei Marmi, che si rivolge ad acquirenti e visitatori russi, ha interrotto i piani di espansione pochi giorni dopo l’inizio della guerra.

Michele Costabel, professore di economia e management all’Università Luis di Roma, ha affermato che il settore turistico italiano, che già negli ultimi due anni aveva subito blocchi e quarantene, sarebbe stato colpito ancora di più. Ha notato che mentre i russi sono arrivati ​​​​a malapena tra i primi 20 in termini di numero di visitatori in Italia, si sono classificati al nono posto in termini di tempo trascorso nel paese e, se misurato dall’impatto economico complessivo, erano secondi solo alla Germania.

“Tradizionalmente, il visitatore medio russo è rimasto in Italia per cinque giorni o più, rispetto a due o tre giorni nella maggior parte degli altri paesi, e ha speso circa il 65% in più di denaro al giorno rispetto al turista medio”, ha affermato Kostabel. “Vi assicuro che l’assenza di visitatori russi nella Striscia si farà sentire”.

READ  Enel rinnova accordo con Cinven nella rete in fibra Latam Ufinet

Mark Antonio Esposito, impiegato di un raffinato negozio di orologeria a Roma, ha detto che gli effetti della guerra erano visibili fin dall’inizio.

“Gli orologi che vendiamo partono da circa 5.000 euro e salgono molto”, ha detto Esposito. “Avevamo clienti russi abbastanza ricchi che abbiamo assunto un partner di lingua russa. Ma non credo di aver visto più di due o tre russi dall’inizio dell’anno”.

Melania Cocci

"Pioniera degli zombi. Fan della tv esasperante e umile. Lettore. Creatore. Giocatore professionista."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x