Tornano in piazza dei monumenti a Roma i vigili urbani

Roma – Se tutte le strade portano, come si è detto, a Roma, si intersecano a Piazza Venezia, centro storico della capitale italiana, e sono sorvegliate da un vigile su un piedistallo che coreografa le danze Flusso regolare fuori dal disordine dell’auto.

Per molti romani e turisti, questi osservatori del traffico sono un simbolo di una città eterna come il Colosseo o il Pantheon.

Questo potrebbe spiegare perché la base della statua (così come il vigile urbano) è tornata questa settimana dopo un’interruzione di un anno mentre pavimentava la piazza, generando una frenesia mediatica, anche se c’era poco traffico da dirigere visto l’arresto diffuso iniziato questa settimana per contenere un picco nei casi Infezione da Coronavirus.

“In questo periodo difficile, credo sia stato visto come un segno di qualcosa che torna alla normalità”, ha detto Fabio Grillo, 53 anni, membro anziano di una squadra di quattro o cinque poliziotti comunali. Ufficiali che dirigono il traffico dalla base di piazza Venezia.

In caso di pioggia o nevischio, o durante le rigide estati romane, gli ufficiali dirigevano il traffico dalla base di Piazza Venezia vicino all’imbocco di Via del Corso, una delle strade principali di Roma, da sempre. E i gesti che fanno con Mani guantate bianche È qualcosa che tutti gli automobilisti italiani sinceramente memorizzano nei test dei piloti. (Nota importante: le tue mani sono dritte, i palmi rivolti verso gli automobilisti uguali alla luce rossa.)

“È stato paragonato alla direzione di un’orchestra”, ha detto Grillo.

A parte il traffico regolare, Piazza Venezia è anche un crocevia che conduce al municipio, al parlamento, al palazzo presidenziale italiano e al monumento nazionale, dove i capi di stato in visita regolarmente onorano la visita, il che contribuisce al caos al centro.

READ  Il capitano del Liverpool è fuori da almeno cinque settimane dopo l'intervento all'anca

“Questa piazza è il centro aortico del paese”, ha detto Angelo Gallecchio, 62 anni, che gestisce un’edicola nella piazza dal 1979. evitatelo. “

Per molti anni Roman è stato incaricato alla polizia stradale da Mario Buffon, che era stato sul piedistallo per tre decenni – rendendolo una delle figure più riconoscibili della città – immortalato in Libro. In pensione nel 2007. “Era un’icona per noi”, ha detto il signor Grillo.

Giuseppe Battisti, 47 anni, ufficiale che è rimasto al piedistallo per 12 anni, ha detto che per fare bene il lavoro basta passione e “un po ‘di eleganza”. Sebbene i semafori siano previsti nel codice di condotta del conducente, “ogni agente li assegna”, ha detto.

L’eleganza di Pierluigi Marchionne su un piedistallo (i suoi gesti gli sono valsi “È Belsimo! È stupendo!” Da un passante giovedì) – è stata probabilmente ciò che ha attirato l’attenzione di Woody Allen mentre esplorava i luoghi del suo film del 2012 “To Rome With Love”. “Il signor Marchionne ha detto che dopo aver visto il signor Marchionne in azione, l’ha preso con un vigile urbano così tanto che ha riscritto l’inizio della sua sceneggiatura in modo da poterlo recitare nel film.

“Mi ha visto, e poi abbiamo fatto un provino, ma diciamo che mi ha davvero scelto per il ruolo”, ha detto Marchionne, 45 anni, che è andato a seguire i corsi nello studio dell’attore a New York. Dirige il traffico dal piedistallo. È anche il direttore tecnico di una società di produzione organizzativa italiana Film Festival Sotto il nome d’arte Pierre Marchionne.

READ  Giulia Salemi e Pierpaolo Pretelli: divisi fra cuore e ragione - Grande Fratello VIP

Ha detto che lavorare al film di Mr. Allen “è stata un’esperienza unica”.

È interessante notare che i romani in particolare devono essersi sentiti amichevoli nei loro confronti Qualcuno ha pagato per punire le infrazioni stradali, molto in voga nella capitale italiana.

Fino agli anni ’70, ogni 6 gennaio, all’Epifania, gli italiani esprimevano la loro gratitudine agli ufficiali coprendo le regole del traffico. Con doni. Il signor Grillo ha detto che il bottino è stato poi dato in beneficenza.

Forse questa passione inaspettata aveva molto a che fare con Alberto Sordi, l’attore che spesso interpretava i vigili urbani nei film, in particolare nel classico del 1960. “poliziotto”.

Sorde, morto nel 2003, è stato nominato ufficiale stradale onorario rumeno. L’anno scorso sono state mostrate le uniformi e gli oggetti di scena di questi film In un museo Inaugurato nella casa dell’attore a Roma, ora chiuso a causa della pandemia.

“Grazie a Sordi, i vigili urbani sono diventati più semplici”, ha detto il signor Grillo, che può recitare parole per parola scene dei film di Sorde, oltre ad essere un simbolo di Roma.

Ma questo affetto non è stato senza critiche. La polizia municipale, a cui appartengono i vigili urbani, è stata offuscata negli ultimi anni da indagini su potenziali illeciti, come chiudere un occhio su costruzioni illegali e accettare tangenti.

un Una storia della polizia municipale In Italia è stato pubblicato sul sito web di una Società Nazionale, che ne fa risalire le origini ai custodi di templi romani nel V secolo a.C. Un film educativo dei primi anni ’50 dall’Archivio Nazionale Italiano, Estetoto LosTuttavia, traccia invece la storia del Corpo fino al I secolo a.C., durante il regno dell’imperatore Augusto (c’è un bel tocco in un carro che si precipita in una decappottabile).

READ  Lo scommettitore ha vinto $ 123.000 in 20 partite

Oggi Piazza Venezia ha l’unica base di traffico rimasta in città. “Fa parte dell’architettura della piazza”, ha detto il signor Gallecchio, proprietario della bancarella.

Inizialmente, le palafitte erano di legno e gli ufficiali del traffico li portavano agli incroci.

Ad un certo punto, ha detto il signor Gallecchio, una solida base di cemento è stata installata nella piazza, illuminata dai riflettori su un edificio vicino di notte quando nessun ufficiale era in servizio.

Il signor Grillo ha detto che i riflettori non hanno aiutato perché “gli automobilisti hanno continuato a irrompere in loro”. Così nel 2006 è stata sostituita da una base meccanica che si innalza dal selciato per accogliere gli ufficiali in arrivo al lavoro.

Ora, con il lavoro svolto in piazza quest’anno, gli agenti dicono che sono ansiosi di tornare al lavoro che amano e, si spera, diventare di nuovo l’obiettivo delle telecamere dei turisti dopo che la pandemia è passata.

“Potremmo non essere famosi come la Fontana di Trevi, ma eravamo un’attrazione turistica”. Disse il signor Batiste con un sorriso. “Scommetto che ci sono anche foto di noi in Corea del Nord”.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x