Trump ha trasferito oggetti classificati a Mar-a-Lago: National Archives

Informazioni segrete sono state trovate in 15 scatole di documenti della Casa Bianca che sono stati conservati nella residenza dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Mar-a-Lago, hanno affermato venerdì gli archivi nazionali e i registri in una lettera che confermava che l’ordine era stato inviato al Dipartimento di giustizia .

Il messaggio dell’agenzia arriva sulla scia di numerosi rapporti secondo cui Trump ha gestito informazioni sensibili e persino riservate durante la sua presidenza e dopo aver lasciato la Casa Bianca. La rivelazione potrebbe interessare anche gli investigatori federali responsabili della supervisione della gestione dei segreti del governo, sebbene il Dipartimento di Giustizia e l’FBI non abbiano indicato che daranno seguito alla questione.

La legge federale proibisce la rimozione di documenti riservati in luoghi non autorizzati, anche se è possibile che Trump tenti di sostenere che, come presidente, era l’autorità suprema per declassificare.

Rischi legali a parte, lo espone ad accuse di ipocrisia a causa dei suoi incessanti attacchi durante la campagna presidenziale del 2016 contro l’opposizione democratica Hillary Clinton per il suo utilizzo di un server di posta elettronica privato come Segretario di Stato. L’FBI ha indagato, ma alla fine non ha raccomandato le accuse.

Trump ha recentemente negato i rapporti sulla debole relazione della sua amministrazione con gli archivi nazionali e i suoi avvocati hanno affermato che “continuano a cercare ulteriori documenti presidenziali appartenenti agli archivi nazionali”.

“Gli archivi nazionali non hanno trovato nulla, è stato consegnato su richiesta dei documenti presidenziali in un processo normale e di routine”, ha detto Trump in una nota venerdì sera.

“Se fosse stato qualcuno diverso da Trump, non ci sarebbe storia qui”, ha detto.

READ  Lady Gaga e Jennifer Lopez guidano l'inaugurazione di Biden Harris

La lettera degli archivisti in risposta alla Commissione della Camera per la supervisione e la riforma, che sta indagando, dettaglia anche come alcuni record dei social media non siano stati sequestrati e conservati dall’amministrazione Trump. Dice inoltre che l’agenzia ha appreso che i dipendenti della Casa Bianca svolgevano spesso affari ufficiali utilizzando account di messaggistica non ufficiali e telefoni personali.

Questi dipendenti non hanno copiato o inoltrato il conteggio delle lettere ufficiali, come richiesto dal Presidential Records Act. La lettera continua rivelando che dopo che Trump ha lasciato la Casa Bianca, gli archivi nazionali hanno appreso che ulteriori documenti cartacei che l’ex presidente aveva distrutto erano stati trasmessi all’agenzia.

La lettera continuava: “Sebbene durante l’amministrazione Trump il personale della Casa Bianca abbia recuperato e registrato alcuni dei documenti distrutti, una serie di altri documenti distrutti che sono stati trasferiti non sono stati ricostruiti dalla Casa Bianca”.

I legislatori stanno anche cercando informazioni sul contenuto delle scatole recuperate da Mar-a-Lago, ma l’agenzia ha indicato che i documenti stanno lavorando per impedirne la divulgazione.

Rep. Carolyn Maloney, DNY “Queste nuove scoperte rafforzano la mia preoccupazione per il palese disprezzo dell’ex presidente Trump per il Federal Records Act e per il potenziale impatto sulla nostra documentazione storica”, ha dichiarato venerdì Ce, presidente del comitato di sorveglianza.

“Mi impegno a esporre l’intera profondità degli abusi del Presidential Records Act da parte dell’ex presidente Trump e dei suoi massimi consiglieri e di utilizzare questi risultati per portare avanti riforme critiche e prevenire abusi futuri”, ha aggiunto.

Il Washington Post ha riferito per la prima volta che l’archivista ha chiesto al Dipartimento di Giustizia di indagare sulla scoperta di 15 scatole di documenti della Casa Bianca recuperati da Trump nel suo resort di Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, e che l’ex presidente aveva l’abitudine in ufficio. Dalla distruzione di dischi “delicati e banali”.

READ  Nove morti in un incidente aereo in Repubblica Dominicana

Gli investigatori della Camera cercheranno di vedere se le azioni di Trump, durante e dopo la sua presidenza, hanno violato il Presidential Records Act, emanato nel 1978 dopo che l’ex presidente Richard Nixon voleva distruggere i documenti relativi allo scandalo Watergate.

La legge afferma che i documenti presidenziali sono di proprietà del governo degli Stati Uniti, non del presidente stesso. La legge, che prevede una pena detentiva fino a tre anni, criminalizza l’occultamento intenzionale o la distruzione di documenti governativi.

——

Lo scrittore della Associated Press Eric Tucker ha contribuito a questo rapporto.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x