Agenzia delle Entrate e interpretazioni restrittive su Superbonus 110%

Fai attenzione a non fare affidamento su Superbonus che potresti non ottenere alla fine. Il dossier deve essere formulato in modo tale da non poter essere riparato da tecnici ed esperti qualificati in questa normativa. Questo perché l’Agenzia delle Entrate ha recentemente proposto alcune interpretazioni restrittive della normativa. Non ci saranno detrazioni per l’applicazione della legge e la verifica dei termini.

Il primo aspetto di interesse è relativo alle modalità di smaltimento delle spese sostenute. La Circolare 24 / E per il 2020 afferma che se le spese sostenute dal contribuente sono di 30mila euro, allora il credito totale sarà di 33mila euro. Equivale al 110% della stessa spesa. Il fornitore detrarrà, in caso di trasferimento del saldo da parte del cliente, l’importo massimo di 33.000 €.

D’altra parte, se il fornitore applica una detrazione parziale, il saldo verrà calcolato sull’importo detratto. Ad esempio, se il fornitore applica una detrazione parziale di € 10.000,00 all’importo di spesa di € 30.000,00, il fornitore riceverà un credito di € 11.000,00.

Agenzia delle Entrate e interpretazioni restrittive su Superbonus 110%

I restanti euro 22.000,00 verranno detratti dalla detrazione dovuta dalla dichiarazione dei redditi dallo stesso contribuente. Pertanto, non andranno persi.

Questo perché i diversi sistemi di pagamento, o meglio ancora, le modalità di utilizzo degli sconti, possono anche essere combinati e ruotati tra loro. Il contribuente può anche decidere di non detrarre personalmente questo credito di € 22.000 dal suo ritorno. Ma potrebbe venderlo ad altre parti coinvolte nel processo. Ad esempio, anche per gli operatori finanziari. Rompendo così ogni saldo residuo nei loro confronti.

READ  La nuova Honda Gold Wing 2021, più comfort e un motore Euro 5

I passaggi tecnici necessari non devono essere trascurati. E sono fondamentalmente due.

Prima di tutto, rispetto del visto. Si tratta di abbinamento documenti attraverso i quali si ottengono tutti gli elementi che danno diritto alla detrazione dell’imposta. Il visto deve essere apposto da persone autorizzate a trasmettere pubblicità per via elettronica. Si tratta di contabili. Sia medici che contabili. E CAF.

In secondo luogo, il certificato tecnico. È la dichiarazione primaria, in cui il tecnico responsabile dichiara che i lavori eseguiti sono adeguati al raggiungimento degli obiettivi di risparmio energetico e che i costi sostenuti sono ragionevoli. Il certificato deve essere inviato aENEAChe a sua volta rimetterà la valutazione, positiva o negativa, all’agenzia delle entrate. Fondamentalmente da questa valutazione, approvazione o incapacità di trarne vantaggio Super Bonus 110%. E come abbiamo detto, non ci saranno sconti. Ma le recensioni sono molto accurate.

Agenzia delle Entrate e interpretazioni restrittive su Superbonus 110%: ecco perché.

Melania Cocci

<pre id="tw-target-text" class="tw-data-text tw-text-large XcVN5d tw-ta" data-placeholder="Translation"><span lang="it">"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."</span></pre>

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x