Almeno 15 persone sono state uccise in più attacchi vicino al confine tra Stati Uniti e Messico

Le forze dell’ordine affermano che uomini armati a bordo di numerosi veicoli hanno lanciato attacchi in diversi quartieri della città di confine messicana di Reynosa.

Associated Press

Secondo le forze dell’ordine locali, uomini armati a bordo di numerosi veicoli hanno lanciato attacchi sabato in diversi quartieri della città di confine messicana di Reynosa e almeno 15 persone sono state uccise in scontri che hanno causato un diffuso panico.

Gli attacchi sono iniziati nel primo pomeriggio in diversi quartieri nella parte orientale della città al confine con McAllen, in Texas, ha dichiarato l’agenzia di coordinamento delle forze di sicurezza statali Tamaulipas in una nota.

Una persona è morta durante un attacco alla polizia vicino a un ponte di confine, ha detto l’agenzia, ma non è chiaro se gli altri abbiano sparato in attacchi indiscriminati o siano stati presi di mira.

La storia continua sotto l’annuncio

Le sparatorie hanno mobilitato l’esercito, la Guardia Nazionale, la polizia di stato e altre agenzie. Le autorità hanno detto di aver detenuto una persona che apparentemente aveva due donne, rapite, nel bagagliaio della sua auto, e hanno detto di aver sequestrato 3 auto.

Il sindaco di Reynosa Mackie Esther Ortiz Dominguez ha inviato un tweet chiedendo che l’attacco venga chiarito e che i cittadini siano protetti.

La banda del Golfo ha sempre dominato l’attività criminale nella regione, ma ci sono state divisioni all’interno della banda.

Le nostre newsletter sugli aggiornamenti mattutini e serali sono state scritte dagli editori di Globe, fornendo un riassunto conciso dei principali titoli della giornata. Registrati oggi.

READ  Il critico del Cremlino Alexei Navalny "potrebbe morire in qualsiasi momento": Dottore | Vladimir Putin News

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x