Campionati mondiali indoor IAAF: il britannico Mark Scott vince il bronzo dei 3.000 metri

Mark Scott ha vinto la prima medaglia della Gran Bretagna ai Campionati Mondiali Indoor di Belgrado con il bronzo nei 3000 m maschili.

Il 28enne detentore del record europeo di 5.000 metri ha stabilito un bel giro finale per finire il miglior tempo della stagione di sette minuti e 42,02 secondi.

È la prima medaglia di Scott in un torneo importante.

La medaglia d’oro è stata vinta dal campione olimpico etiope, Solomon Barega, mentre il suo connazionale Lamecha Girma ha vinto l’oro.

“È fantastico”, ha detto Scott a BBC Sport. “Volevo fare qualcosa per la squadra britannica”.

“Abbiamo una squadra giovane femminile qui. Volevo ottenere una medaglia e mostrare a tutti che possiamo farcela”, ha aggiunto.

“La gara è stata instabile ma ero pronto a tutto ciò che mi sarebbe stato scagliato in faccia. So di essere molto forte e so di essere anche veloce, e l’ho dimostrato negli ultimi 200 metri. Lo sapevo era una possibilità oggi e sono davvero felice di farlo su un grande palco”.

Bariga dell’Etiopia – che ha vinto in 7:41.38 – e Girma e la coppia keniota Daniel Simio Ebnio e Jacob Krupp hanno guidato il ritmo per tutto il tempo – ma Scott è finito forte e ha superato Ebnio nell’ultima curva.

Il britannico ha deluso alle ultime Olimpiadi estive, non essendo riuscito a qualificarsi dai 5.000 m e finendo 14° nei 10.000 m, ma quest’anno è in buona forma, a 11 secondi dal suo record europeo indoor di 5.000 m questo mese scorso.

“La fede in se stessi è una delle cose che ti motiva durante lo sport”, ha detto Scott. “Non c’è motivo per cui non riesco a credere in me stesso”.

“Oggi ho dimostrato di meritare di essere sulla scena mondiale. Ci sono tre grandi tornei in arrivo e cercheremo di ottenere più medaglie”.

L’inarrestabile Rojas batte il record mondiale mentre l’ucraino Pech Romanchuk vince l’argento

Yulimar Rojas è diventato il primo tre volte campione del mondo nel salto triplo quando il venezuelano ha stabilito un nuovo record mondiale – sia in patria che all’estero – conquistando il titolo in Serbia.

La 26enne, che è anche due volte campionessa olimpica e campionessa mondiale di outdoor, ha fatto un salto di 15,74 metri nel suo ultimo tentativo.

Il precedente record mondiale indoor per Rojas era di 15,43 metri, mentre il precedente record mondiale outdoor era di 15,67 metri.

L’ucraina Marina Bech-Romanchuk ha vinto la medaglia d’argento dopo la sua connazionale Yaroslava Mahochic è andato nel salto in alto a. Il sabato.

Baek-Romanchuk ha abbracciato il suo allenatore dopo aver registrato un record personale di 14,74 m nel suo ultimo salto, per finire davanti alla giamaicana Kimberly Williams.

L’ucraina gareggerà anche nella finale di salto in lungo, il suo evento preferito, più tardi domenica.

Nel salto in alto maschile, il sudcoreano Woo Sang-yuk ha vinto la medaglia d’oro con 2,34 metri.

Questo lo ha visto finire la stagione davanti allo svizzero Loic Gach, medaglia d’argento, e al campione olimpico italiano Gianmarco Tampere, noto soprattutto per aver condiviso il titolo olimpico con Moataz Issa Barshim a Tokyo 2020.

READ  Il primo studio cinematografico sarà costruito nello spazio entro il 2024

Celestino Traglia

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x