Confronto finanziario in condizioni economiche incerte – EURACTIV.com

L’agenda di politica economica per il prossimo anno è piena di negoziati sulle regole fiscali, le politiche fiscali, i salari minimi e le normative finanziarie dell’UE.

Allo stesso tempo, la politica commerciale dell’UE deve adattarsi alla sua tradizionale apertura, con richieste di maggiore assertività da un lato e pratiche più sostenibili e socialmente responsabili dall’altro.

Questo sguardo al 2022 dovrebbe essere letto con un cauto promemoria nella mente che la pandemia in corso e le sue ramificazioni economiche e inflazionistiche associate possono cambiare rapidamente le priorità politiche nell’Unione Europea.

regole finanziarie

Nell’ottobre 2020, la Commissione europea ha avviato una revisione del quadro di governance economica dell’Unione europea. Le parti più controverse del quadro sono le regole di bilancio, che disciplinano, tra le altre cose, quanto debito pubblico possono detenere gli Stati membri e quanto sono alti i loro disavanzi di bilancio annuali.

Le regole non si applicheranno fino alla fine del 2022 a causa di una clausola di salvaguardia generale che è stata attivata all’inizio della pandemia, ma dovrebbe tornare in vigore nel 2023. Con il budget 2023 in preparazione nel 2022, si prevede che il comitato fornire la sua prima guida nel primo trimestre del 2022.

I leader dell’UE devono accettare di riformare le regole di bilancio entro l’estate del 2022. I governi italiano e francese intendono riformare le regole per consentire maggiori investimenti a favore della crescita, affermando che la crescita è l’unico modo per ridurre l’onere del debito.

Il governo tedesco era un convinto sostenitore di regole rigide, ma la posizione del nuovo governo di coalizione non è chiara. Mentre il nuovo ministro delle finanze tedesco, il leader liberale Christian Lindner, era critico nei confronti delle politiche fiscali dell’Europa meridionale, ha iniziato il suo mandato su una nota più conciliante.

READ  La crescita economica degli Stati Uniti delude; Le azioni europee salgono sui risultati della società - come è successo | Azione

Allo stesso modo, il nuovo governo olandese, un tempo convinto sostenitore della frugalità, sembra un po’ più disposto a spendere denaro pubblico, almeno a livello nazionale.

Anche con questi accenni a un contesto di politica fiscale più conciliante, sarà difficile concordare una riforma. In assenza di un accordo sulla riforma delle regole di bilancio, bisognerà trovare una soluzione provvisoria per i bilanci nazionali nel 2023.

Allo stesso tempo, il 2022 vedrà pagamenti significativi agli Stati membri dal Recovery Fund. Il modo in cui vengono utilizzati questi fondi e quali Stati membri beneficeranno maggiormente delle sovvenzioni può influire sulla fiducia reciproca tra i governi dell’UE nella negoziazione delle regole di bilancio.

le tasse

Il 2021 è stato l’anno dello storico accordo fiscale dell’OCSE per contrastare la concorrenza fiscale sulle società e anche l’anno dei Pandora Papers che hanno messo in luce le cattive pratiche fiscali globali. Il 2022 mostrerà se il mondo può essere all’altezza dell’accordo.

Nel dicembre 2021, la Commissione ha annunciato i suoi piani per attuare un’imposta minima sulle società attraverso una direttiva, che sperava sarebbe stata concordata già nella prima metà del 2022 dai governi degli Stati membri e dal Parlamento europeo.

Tuttavia, ciò potrebbe rivelarsi difficile, con Estonia, Ungheria e Irlanda che accettano con riluttanza l’accordo fiscale in primo luogo e la direttiva richiede l’unanimità di tutti i governi degli Stati membri per essere approvata.

Allo stesso tempo, i problemi politici del presidente degli Stati Uniti Joe Biden hanno messo in dubbio l’attuazione dell’altra parte dell’accordo fiscale dell’OCSE, vale a dire la riallocazione dei diritti fiscali alle grandi società altamente redditizie dalla giurisdizione in cui hanno sede alla giurisdizione in che guadagnano con i loro guadagni.

READ  Gli appassionati di calcio si riuniscono mentre il campionato europeo porta il supporto tanto necessario ai ristoranti di Calgary

Non è chiaro se tutti i paesi dell’UE vorranno ancora attuare l’accordo fiscale se gli Stati Uniti non fossero sicuri di farlo da soli. Una proposta per l’attuazione europea della riallocazione dei diritti fiscali basata sull’attività aziendale dovrebbe essere presentata nel luglio 2022.

Inoltre, in reazione a scandali come i Pandora Papers, la Commissione ha recentemente annunciato che una proposta per assumere il controllo dei paradisi fiscali al di fuori dell’Unione europea era imminente nel 2022. Questa proposta potrebbe prendere di mira le società di comodo utilizzate per nascondere beni in giurisdizioni extra UE in un modo simile che la direttiva La nuova proposta contro le società di comodo fa con le giurisdizioni dell’UE.

salario minimo

Raggiungere un accordo sulla direttiva sul salario minimo è uno dei principali obiettivi della presidenza francese del Consiglio dell’Unione europea nella prima metà del 2022.

La guida, proposta dalla Commissione nel 2020, mira a garantire che il salario minimo legale sia sufficientemente elevato, ovvero almeno il 60% del salario medio nel rispettivo Stato membro. Tuttavia, la direttiva non obbliga gli Stati membri a introdurre un salario minimo legale se non lo hanno già.

Inoltre, la direttiva mira ad aumentare la copertura della contrattazione collettiva.

Verso la fine del 2021, sia il Parlamento dell’UE che il Consiglio dell’UE hanno concordato una posizione negoziale. Nei primi mesi del 2022, la presidenza francese vuole trovare un compromesso tra i legislatori partecipanti.

Ci si aspetta resistenza da Danimarca e Svezia, due stati membri che vogliono mantenere i loro mercati del lavoro liberi dall’influenza dell’Unione Europea.

Verso una politica commerciale più responsabile e più assertiva?

READ  Gli investitori di Atlantia si incontrano il 31 maggio in merito a un'offerta CDP potenziata per l'unità autostradale

A metà febbraio 2022, la Commissione prevede di annunciare una proposta per rendere obbligatorio il governo societario sostenibile per le società dell’UE. La proposta dovrebbe obbligare le aziende a garantire il rispetto dei diritti umani e degli standard ambientali nelle loro catene di approvvigionamento.

Tuttavia, la proposta è stata inizialmente annunciata per l’estate 2021, dopodiché è stata rinviata, prima a ottobre, e poi a dicembre 2021. La nuova data annunciata di febbraio 2022 non deve quindi essere considerata come una scadenza specifica per la proposta del comitato.

Allo stesso tempo, l’UE sta cercando una risposta ai paesi terzi che stanno cercando di utilizzare l’interdipendenza economica per costringere i paesi europei a fare un’offerta. L’esempio più recente è la pressione del governo cinese sulla Lituania per il suo sostegno all’indipendenza di Taiwan.

Nel dicembre 2021 la Commissione ha proposto un nuovo strumento che darebbe all’esecutivo dell’UE il diritto di contromisure rapide contro le azioni coercitive dei paesi terzi.

Il 2022 vedrà un vivace dibattito su questo argomento tra gli Stati membri che temono che lo strumento porti al protezionismo e coloro che considerano lo strumento un passo importante verso un’UE più geopoliticamente credibile.

Regolamenti finanziari

Nel 2022 ci sarà una serie di negoziati legislativi sulle proposte normative presentate dalla Commissione alla fine del 2021, ad esempio requisiti patrimoniali aggiornati per gli assicuratori (solvibilità II) e le banche (Basilea III).

Inoltre, la Commissione dovrebbe presentare proposte per rafforzare i mercati dei capitali europei. Ad aprile dovrebbe essere introdotta una direttiva sul Debt Equity Bias Reduction Allowance (DEBRA), con l’obiettivo di facilitare l’accesso delle società dell’UE ai finanziamenti azionari.

[Edited by Zoran Radosavljevic]

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x