Cosa vuole l’appassionato di Splinter Cell dalla nuova edizione

Il 15 dicembre, Ubisoft ha confermato ufficialmente che sta lavorando a un nuovo gioco di Splinter Cell, beh, un nuovo genere. Invece di dare il via libera a un sequel di Splinter Cell Blacklist, l’azienda sta andando avanti con un file Remake del primo Splinter Cell, ricostruito nella propria unità Snowdrop presso Ubisoft Toronto. Oltre a impegnarsi a rispettare i principi fondamentali del gameplay di Origin come la furtività ponderata e metodica e Non Passando al modello open world, Ubisoft ha condiviso molto poco su come sarà il gioco. In effetti, visto l’inizio dello sviluppo del gioco, è possibile che lo sviluppatore stia ancora cercando di capire questa parte. Ma come fan di vecchia data, ho un po’ di desiderio di rifare Splinter Cell perché questa serie è tutto ciò che mi interessa più e ho bisogno di vincere ora.

Riporta Michael Ironside

Il suggerimento più ovvio di tutti, togliamolo prima di mezzo: Michael Ironside deve doppiare Sam Fisher in un remake di Splinter Cell. Anche se non fosse un remake dell’originale, quel punto sarebbe comunque valido, perché è la sua voce bassa e il suo fascino sarcastico che hanno reso Sam Fisher un personaggio così carismatico. Erano assenti nella lista nera poiché Ubisoft Toronto è entrata in una configurazione di cattura del movimento completa e Ironside ha combattuto il cancro, e l’ultimo punto potrebbe essere stato più responsabile della rielaborazione rispetto alla tecnologia di cattura del movimento. Ironside si è ripreso ed è tornato per due eventi speciali nei giochi Ghost Recon, quindi sarebbe bello sentirlo di nuovo in una versione completa. siamo noi? Non lo so, perché Ubisoft non me lo ha detto quando gliel’ho chiesto, e ovviamente l’ho chiesto.

Oltre a Ironside, ci sono alcuni altri doppiatori che hanno reso i loro ruoli iconici. Don Jordan e Claudia Besso sono stati una parte importante di ciò che ha fatto funzionare anche i giochi, interpretando Irving Lambert e Anna Grimsuter in ogni gioco della serie fino a Confiction, ad eccezione di Pandora Tomorrow. Besso è stata rielaborata nella lista nera e, sebbene la sua sostituzione abbia fatto un ottimo lavoro, è stata l’arguzia dell’originale a renderla credibile durante le conversazioni in missione.

READ  La nuova tecnologia di intelligenza artificiale "Deep Nostalgia" fa rivivere vecchie foto, comprese quelle molto vecchie

Non ignorare completamente ciò che è successo dopo

I primi tre giochi di Splinter Cell erano giochi stealth molto rigorosi – e giochi stealth puri all’epoca. Se fai scattare l’allarme, di solito significa che il gioco è finito. La filosofia ha ancora senso nel 2021, ma il modo in cui viene implementata potrebbe essere diverso. Ad esempio, Chaos Theory ha adottato un sistema di allarme progressivo che non finisce con un fallimento, ma rende le cose più difficili: i nemici indossano più armature e generalmente rendono la vita di Sam un inferno.

Implementare innovazioni successive significa che Ubisoft deve cambiare completamente il gioco? Assolutamente no, e gli sviluppatori non devono necessariamente includere qualcosa come il sistema Mark & ​​Execute, ma sicuramente c’è ancora spazio per tocchi moderni. Il sistema di copertura degli ultimi due giochi, la meccanica di mira più flessibile e persino il testo nell’universo durante le missioni si adattano bene. Dato che il nuovo gioco verrà eseguito nel motore Snowdrop, che ha già utilizzato alcuni di questi elementi in The Division, questa è una possibilità concreta.

Hackera il pianeta e apri quelle serrature

La funzione di hacking non è stata effettivamente inclusa nella serie fino a Splinter Cell: Chaos Theory, ma è stata una delle parti migliori del gioco ed è stata gravemente mancata sia in Conviction che in Blacklist. Usando diverse righe di codice verde simile a una matrice, Sam ha dovuto selezionare attentamente le stringhe di numeri mentre rimanevano stazionarie per un breve periodo per bloccarle in posizione e rompere il suo sistema di destinazione. Era semplice, ma offriva una sfida sufficiente per far sembrare l’hacking più gratificante del semplice tenere premuto un pulsante e aspettare qualche secondo.

Lo stesso vale per il lockpicking. Non è più un minigioco in Conviction o Blacklist, sebbene sia un modo davvero intelligente e intelligente per entrare a porte chiuse. Usando le levette analogiche e il feedback tattile, puoi dire quando hai posizionato correttamente il pin, e questo ti ha dato un piccolo senso di realizzazione aprendo le porte che mancavano ai giochi semplicistici.

READ  Phil Schiller su App Store Imitazioni nel 2012: "Nessuno sta recensendo queste app?"

Spie contro Merckx

La modalità di gioco multiplayer competitiva non faceva parte della serie quando Splinter Cell è stato lanciato per la prima volta, ma Spies vs. Mercs è parte integrante di Splinter Cell come lo conosciamo oggi. D’ora in poi, a Conviction mancava solo la modalità, che combina mercenari in prima persona con armi pesanti contro spie armate con armi minime ma tutta una serie di gadget ipocriti.

Se Ubisoft spera di far rivivere la serie ed è interessata a una nuova generazione, includere questa modalità come aggiunta retroattiva al primo gioco è un ottimo modo per farlo. Sì, i mercenari possono spesso vincere con la forza bruta, poiché la situazione deve essere bilanciata, ma imparare come la furtività e la direzione sbagliata siano altrettanto efficaci è la chiave per capire L’essenza di Splinter Cell.

Nessuna “fase tardiva di Ubisoft” che

Dato che Ubisoft Toronto si è già impegnata a non rendere il nuovo gioco Splinter Cell un gioco open world, non devi preoccuparti dei successivi benefici di Ubisoft che influiranno sul suo level design, ma 2021 Ubisoft non è la stessa azienda che ha realizzato il primo gioco nel 2002. Le microtransazioni sono all’ordine del giorno Quasi tutti i giochi che rilasciano stanno persino provando NFT in Ghost Recon Breakpoint ora. Inutile dire che abbiamo bisogno di NVG (occhiali per la visione notturna), non di NFT.

Soprattutto quando si arriva al punto di saltare contenuti complicati pagando soldi veri, le microtransazioni alterano il design del gioco. Crea una sfiducia tra il giocatore – che altrimenti crede che solo i suoi sforzi e le sue abilità saranno messi alla prova – e il gioco stesso, che può limitare artificialmente i progressi per spingere i giocatori a incassare denaro extra. Se Ubisoft vuole davvero evocare lo spirito dell’originale Splinter Cell in questo remake, dì a Michael Transaction di restare a casa. Carica $ 70 se devi, ma non lasciartelo sfuggire.

GameSpot può guadagnare una commissione dalle offerte al dettaglio.

Fino Neri

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x