Dalla depressione di Yerevan all’estasi nella carneficina in Scozia

Il tempismo significa tutto nel calcio, proprio come la campagna della Coppa del Mondo, i risultati sono stati lenti per Stephen Kenny.

Immagina una sequenza alternativa in cui una vittoria sulla Scozia e un pareggio in trasferta contro l’Ucraina sono state seguite da una sconfitta contro gli ucraini e, cosa più dannosa, una sconfitta contro l’Armenia.

Indubbiamente, l’umore musicale tra i fan che sono tornati ieri da لودód e Varsavia sarà molto diverso, riflettendo uno stato miserabile che si sta dirigendo verso le lunghe vacanze estive.

Fortunatamente non è stato così, ei quattro punti estratti dal primo classificato costituiscono un compromesso per un deludente rendimento medio di un punto a partita. Quel numero non è affatto vicino all’obiettivo pre-campagna che Kenny aveva fissato per essere in cima alla classifica della Nations League.

La menzione ritardata dei controlli di realtà da parte del capitano di riserva James McClain durante la partita a quattro ha generato un po’ di tutto: depressione a Yerevan, passioni contro l’Ucraina ed euforia sfrenata nel massacro scozzese.

Qui esaminiamo tre elementi della riunione di due settimane che è andata bene e tre elementi designati per un’altra categoria in linea con le parole che fanno riflettere McClain.

Il bene:

Bollire la Società delle Nazioni:

Anche se una singola vittoria in 14 delle più recenti competizioni UEFA è ironico, sii grato che questa finestra ci abbia liberato da un club ora limitato a solo due delle 55 nazioni che finora non hanno vinto una partita nelle tre serie. La vittoria sulla Scozia di sabato scorso – enfaticamente, per lo stivale – lascia l’Irlanda del Nord e San Marino in una cricca senza vittorie. Kenny era in cima a dieci di questi e ne avrà altri due a settembre, in trasferta in Scozia e una partita contro l’Armenia, per correggere il suo record. Il vantaggio sarà ufficialmente fuori dall’Irlanda se l’Ucraina batterà l’Armenia il 24 settembre.

READ  Il rinato Lukaku è tornato al Chelsea all'apice del suo potere

Abbondanza giovanile in primo piano:

Altre parole e dichiarazioni sono state rilasciate dagli spettacoli sulla squadra in erba dell’Irlanda e hanno finalmente espresso dove conta nell’azione competitiva. Revisionare una squadra che invecchiava era inevitabile, indipendentemente da chi fosse al timone, dato che l’ultima volta che una squadra irlandese che Kenny non aveva gestito è arrivata quasi tre anni fa.

Josh Cullen e Michael Obafemi, due giocatori straordinari sopra la finestra, erano già coperti quando Kenny è subentrato, così come Parrott. Ma gli ultimi progressi di quest’ultimo la scorsa settimana, insieme ai membri dei quarti di finale del Campionato Europeo UEFA Under 17 2019, Nathan Collins e Jason Knight, li hanno visti diventare maggiorenni con una maglia irlandese. L’età media della squadra è scesa da 27 anni alla fine dello scorso anno a 25 anni.

Mescolalo con il meglio:

Il pareggio casalingo tra Portogallo e Belgio negli ultimi otto mesi è stato caratterizzato dalla coppia dei pesi massimi che ha creato squadre povere.

Allo stesso modo, l’Ucraina ha tenuto le sue stelle in riserva per la vittoria della scorsa settimana a Dublino, ma non c’è stato alcun ritardo da parte di Steve Clarke o Oleksandr Petrakov nelle ultime due partite.

La Scozia ha ceduto all’entusiasmo irlandese in un sabato di sole e ha lasciato l’Ucraina sotto shock dopo il primo pareggio nella storia della competizione. “Quando lo mettiamo insieme e giochiamo nel modo giusto, possiamo ottenere i risultati giusti e andare contro chiunque”, ha detto Caoimhín Kelleher.

non molto bene:

Eccessiva dipendenza dai difensori per raggiungere gli obiettivi:

La palla doveva essere lanciata al giocatore bersaglio nei libri di storia del calcio irlandese in mezzo a una nuova cultura, ma invece degli attaccanti Tony Cascarino e Niall Quinn di Shane Duffy, è l’equivalente moderno. La sua forza e altezza sono diventate un’acrobazia offensiva in risposta all’inseguimento di un deficit nella prima metà del tavolo, una tattica che poteva essere facilmente anticipata e annullata dall’abbinamento di fitness. Si spera che lampi di brillantezza come l’obiettivo dei singoli di Collins siano indicativi di una tendenza verso i difensori che mostrano altri aspetti del loro repertorio.

READ  Nigeria squadra nazionale per combattere Francia, Italia, Ghana e altri paesi | Guardian Nigeria News

sterilità della linea mediana:

È innegabile che Josh Cullen e Jeff Hendrick siano bravi in ​​quello che fanno, ma quello che fanno è limitato. Completare il loro potere nel mezzo è essenziale per bilanciare astuzia e creatività, ma all’Irlanda mancava ancora un modello n. 10 in grado di eseguire un passaggio killer vincente. La spinta di Jayson Molumby a Hendrick si è rivelata efficace nella seconda metà della serie, ma Jason Knight ha del lavoro da fare se riesce in quella scintilla innovativa e sfuggente.

L’accettazione è il primo passo verso il recupero:

Non importa quante volte l’allenatore tenti di riavviare le prime due partite, non cambierà il risultato. Armenia e Ucraina hanno ottenuto una vittoria e lui sembra essere l’unico non disposto a rendersi conto di come entrambi lo abbiano battuto. Simile al lamento dopo lo shock di Lussemburgo e Azerbaigian l’anno scorso, la variazione delle opportunità è irrilevante e vicina alla mancanza di rispetto per le squadre che si sono adattate meglio all’arte di vincere le partite con mezzi diversi.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x