Focolaio di malattie del fegato: funzionari sanitari della Columbia Britannica “in allerta” per casi locali

Il governo della Columbia Britannica sta monitorando da vicino casi locali di misteriosa epatite che colpiscono i bambini piccoli nei paesi di tutto il mondo, ma nessuno è stato ancora identificato.

L’ufficiale sanitario provinciale, la dottoressa Bonnie Henry, ha confermato che non c’erano nemmeno casi sospetti sotto indagine, ma lo ha descritto come un “potenziale” per alcuni casi che alla fine emergono.

“Siamo stati in contatto con il BC Children’s Hospital e lo specialista che si occuperà di problemi come questo, quindi siamo in allerta, stiamo guardando e continueremo a farlo”, ha detto Henry giovedì ai giornalisti .

Ci sono già state segnalazioni di bambini affetti da “epatite acuta grave di origine sconosciuta” altrove in Canada, secondo funzionari federali. Nulla è stato confermato.

“Queste questioni sono oggetto di ulteriori indagini per determinare se sono collegate a casi nel Regno Unito e negli Stati Uniti”, ha detto Health Canada a CTV News in una e-mail. “Man mano che l’indagine si evolve, terremo informato il pubblico di conseguenza”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, venerdì scorso ci sono state 169 segnalazioni di bambini affetti dalla misteriosa malattia provenienti da 12 diverse province. Circa il 10% dei casi ha richiesto un trapianto di fegato e finora è stato segnalato almeno un decesso.

Henry ha detto che da allora sono comparsi casi in quasi altri sei paesi, descrivendo la situazione in corso come “estremamente preoccupante”. La maggior parte dei casi individuati era nel Regno Unito, per ragioni non ancora chiare.

Finora, nessuno dei casi di epatite acuta, cioè epatite, è stato collegato a nessuno dei virus comuni noti per causare la condizione, inclusa l’epatite A, B, C, D o E.

READ  I Vancouver Canucks trattano con il difensore Ole Gullevi per i Florida Panthers

Henry ha detto che ci sono una serie di ipotesi in fase di studio, incluso un possibile collegamento all’adenovirus, che è stato rilevato in almeno 74 casi. Ma l’adenovirus 41, il “tipo di adenovirus coinvolto”, non è noto per causare epatite nei bambini sani, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Una cosa che il funzionario sanitario regionale ha detto “molto chiara” è che la malattia non ha nulla a che fare con la vaccinazione contro il coronavirus.

“La maggior parte dei bambini, l’80% dei quali ha meno di sei anni, non sono ancora idonei e non sono stati vaccinati”, ha osservato Henry.

Henry ha detto che molti dei casi sono iniziati con sintomi gastrointestinali come mal di stomaco, diarrea e vomito prima che i bambini iniziassero a mostrare segni di ittero, un segno di scarsa funzionalità epatica.

“Questo è qualcosa da guardare, in modo che i genitori siano consapevoli”, ha aggiunto.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x