Gli economisti del MES vogliono che il limite del debito pubblico venga aumentato al 100% del PIL – EURACTIV.com

In un nuovo documento di discussione, gli economisti del fondo di salvataggio dell’Unione europea hanno proposto di semplificare le regole fiscali del blocco. Il loro contributo arriva una settimana dopo che la Commissione ha inviato una revisione delle regole finanziarie dell’Unione europea.

È improbabile che gli economisti del MES siano radicali. Il meccanismo di gestione ambientale (MES) è responsabile della fornitura di sostegno finanziario di emergenza agli Stati membri in caso di difficoltà finanziarie.

Una nuova realtà economica

in proprio documento di discussioneGli autori hanno elogiato il quadro di bilancio dell’UE per aver contribuito a migliorare il coordinamento fiscale e per aver contribuito a una posizione che ha consentito all’UE di rispondere allo shock economico provocato dalla pandemia.

Tuttavia, vedono la necessità di cambiare le regole finanziarie dell’Unione Europea. Gli economisti affermano che “la nuova realtà economica richiede un nuovo sguardo alle regole finanziarie europee”. Queste nuove realtà economiche sono i bassi costi di finanziamento degli Stati membri dell’UE e gli alti livelli di debito dopo la pandemia.

Inoltre, gli autori criticano l’attuale quadro finanziario per la sua complessità.

Limite massimo per il debito pubblico

In concreto, gli autori sostengono che il limite ai livelli di debito pubblico dovrebbe essere innalzato dal 60% del PIL al 100% del PIL. Tuttavia, suggeriscono di mantenere l’attuale regola del disavanzo che limita i disavanzi annuali a un massimo del 3% del PIL.

Inoltre, gli economisti del MES suggeriscono di sostituire le regole sui deficit strutturali con la regola della spesa. Le regole che attualmente limitano i deficit strutturali sono state criticate per il ricorso a variabili non osservabili e metodi di calcolo opachi.

READ  Corian rafforza la sua presenza nel settore sanitario in Italia grazie all'acquisizione di Santa Croce, azienda piemontese

La regola di spesa che propongono ridurrebbe la spesa pubblica per tutti gli Stati membri. Se gli economisti del MES stanno andando bene, le spese non cresceranno più velocemente del trend di crescita economica in questi paesi.

Nelle attuali regole di bilancio, i paesi i cui livelli di debito superano il 60% del PIL sono tenuti a ridurre i loro livelli di debito di un ventesimo della differenza tra i loro livelli di debito attuali e la soglia del 60%. Per un paese carico di debiti come l’Italia, ciò significa che dovrebbe ridurre i livelli di debito di circa il 5% annuo, soffocando così la crescita economica.

Ridurre i livelli di debito è ancora l’obiettivo

Gli economisti dell’ESM sostengono che i paesi dovrebbero continuare a rispettare il principio della riduzione dei livelli di debito se sono superiori al 100% del PIL. A tal fine, i paesi dovrebbero avere avanzi primari in tutti gli anni, anche in periodi di recessione economica.

La scorsa settimana, la Commissione dell’Unione Europea ha rilanciato una revisione delle regole finanziarie a lungo articolate dell’Unione Europea. Il commissario Paolo Gentiloni ha chiesto un dibattito ampio “senza tabù”. La Commissione spera che il dibattito aiuti a superare le opinioni profondamente radicate sulla politica fiscale dell’UE in modo da poter trovare un compromesso.

Il documento di discussione del MES può essere visto alla luce di questa ampia discussione. Inoltre, non è il primo contributo al dibattito emanato da questa istituzione.

Poco prima che la commissione annunciasse il rilancio della sua revisione, il presidente del MES Klaus Regling ha chiesto la riforma delle regole finanziarie. Regling, considerato uno degli artefici del quadro finanziario, ha avvertito che alcune regole potrebbero diventare “economicamente illogiche”.

READ  Materazzi risponde a Thuram per la sua visione razzista - Juvefc.com

La Commissione sta attualmente raccogliendo commenti dagli Stati membri e dalle parti interessate e dovrebbe presentare le sue proposte di riforma nel 2022.

L’architetto delle regole finanziarie dell’UE chiede la riforma

Di fronte a una nuova spinta da parte della Commissione europea per riformare le regole finanziarie dell’UE, il capo del fondo di salvataggio del blocco, Klaus Regling, ha sottolineato il pericolo di attenersi a regole che sono diventate “economicamente illogiche”.

Melania Cocci

"Guru del cibo. Fanatico del bacon. Appassionato di tv devoto. Specialista di zombi. Appassionato di cultura pop freelance."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x