I cambiamenti nella vegetazione hanno modellato le temperature globali negli ultimi diecimila anni

Uno studio rileva che il cambiamento della vegetazione è stato uno dei principali motori delle temperature globali negli ultimi 10.000 anni.

Le temperature più calde hanno portato le piante, poi sono arrivate le temperature più calde, secondo nuove simulazioni di modelli pubblicate su Science Advances.

Secondo Alexander Thompson, ricercatore post-dottorato in Scienze della Terra e dei pianeti presso la Washington University di St. Louis, i record di polline potrebbero raccontare la vera storia delle temperature globali.

I modelli delle temperature atmosferiche della Terra dall’ultima era glaciale hanno mostrato che le temperature aumentano costantemente nel tempo.

Ma Thomson ha notato che le registrazioni degli agenti climatici raccontano una storia diversa. Molte di queste fonti indicano un notevole picco delle temperature globali che si è verificato tra 6000 e 9000 anni fa.

Ha affermato che i modelli potrebbero trascurare il ruolo dei cambiamenti nella vegetazione a favore delle influenze delle concentrazioni di anidride carbonica atmosferica o della copertura di ghiaccio.

“I record di polline indicano una significativa espansione della vegetazione durante quel periodo”, ha detto Thompson.

“Ma i modelli precedenti mostrano solo una quantità limitata di crescita della vegetazione”, ha affermato. “Quindi, sebbene alcune di queste altre simulazioni coinvolgessero la vegetazione dinamica, non erano sufficienti lo spostamento della vegetazione per spiegare ciò che suggeriscono i record di polline”.

In effetti, i cambiamenti nella vegetazione sono stati significativi.

All’inizio dell’Olocene – l’attuale era geologica – il deserto del Sahara in Africa divenne più verde di quanto non lo sia oggi ed era più una prateria.

Altre piante fiorirono anche nell’emisfero settentrionale, comprese le foreste di conifere e latifoglie alle medie latitudini e l’Artico.

READ  Guarda come il rover persistente si muove autonomamente su Marte

Thomson ha raccolto prove dai record di polline e ha progettato una serie di esperimenti con un modello climatico noto come Community Earth System Model (CESM). Ha eseguito simulazioni per calcolare un intervallo di cambiamenti nella vegetazione che non era stato considerato prima.

“L’espansione delle piante durante l’Olocene ha riscaldato il globo fino a 1,5 gradi Fahrenheit”, ha detto Thompson.

Comprendere la scala e la tempistica del cambiamento di temperatura durante l’Olocene è importante perché durante questo periodo si è verificato l’emergere dell’agricoltura e della civiltà umana.

“Nel complesso, il nostro studio conferma che tenere conto del cambiamento della vegetazione è fondamentale”, ha affermato Thompson.

“Le previsioni sui futuri cambiamenti climatici hanno maggiori probabilità di produrre previsioni più affidabili se includono cambiamenti nella vegetazione”.

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x