I “capelli quantici” di un buco nero possono risolvere un paradosso scientifico vecchio di decenni

buchi neri È sempre stato problematico per i fisici: la teoria della relatività generale suggerisce che l’informazione non esce mai da loro, ma Meccanica quantistica Non permetterai che ciò accada. Potrebbe finalmente esserci una spiegazione che soddisfi entrambi i campi. Ricercatori parlare a notizie della BBC Afferma di aver risolto il paradosso con una teoria secondo cui i buchi neri hanno “capelli quantici”, o impronte nei loro campi gravitazionali lasciati dai componenti delle stelle che li hanno formati. Ciò consente anche di visualizzare le informazioni in entrata senza violare la relatività o la meccanica quantistica.

La soluzione ovvia è arrivata dopo che il professore dell’Università del Sussex Xavier Calmet e altri hanno escogitato nuove tecniche matematiche per affrontare il dilemma. È stata descritta come una “teoria dei capelli sì” in contrasto con la “teoria senza capelli” del professor John Wheeler degli anni ’60, che suggeriva che i buchi neri sono entità “calve” senza caratteristiche fisiche oltre a carica, massa e rotazione.

Questa nuova teoria non pone fine alle discussioni. Tuttavia, Calmette ritiene che possa rappresentare un passaggio essenziale per collegare la relatività alla meccanica quantistica e porre fine al conflitto tra le due teorie. In tal caso, potrebbe rivelarsi di grande valore sia per gli astrofisici che per la più ampia comunità scientifica: potrebbero non doversi preoccupare così tanto delle teorie che vanno in pezzi in situazioni estreme.

READ  La missione dell'ESA su Venere deve decifrare un codice sul passato del pianeta

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x