I fan di Dolphin Tale piangono la morte della star del cinema Winter a 16 anni

Amy Carmichael vive a più di 4.000 miglia (6.400 km) dall’acquario della Florida che un tempo ospitava Winter, la star di “Tale of Dolphin” con una coda protesica morta questa settimana all’età di 16 anni. Ma Carmichael, che aveva combattuto con successo la leucemia per gran parte della sua vita, sentiva un forte legame.

“Non è solo un delfino, è un delfino speciale”, ha detto Carmichael, 17 anni, al telefono dalla sua casa di Stonehouse, in Scozia, venerdì. “È stata salvata e ha dovuto combattere. Penso che questo mi abbia fatto sentire come se potessi farcela. Anche io stavo combattendo”.

Come molte persone con malattie e disabilità, Carmichael ha dovuto incontrare Winter alcuni anni fa nella casa del delfino dal naso di vetro al Clearwater Marine Aquarium sulla costa del Golfo della Florida. Quei viaggi hanno ispirato persone dai bambini con autismo ai soldati che hanno perso gli arti prima della morte invernale di giovedì a causa di una malattia gastrointestinale, piangendo i fan di tutto il mondo.

“L’inverno era una creatura straordinaria. Ha ispirato milioni di persone in tutto il mondo con il suo coraggio, forza d’animo e felicità”, hanno affermato Andrew Kossoff e Broderick Johnson, produttori del film del 2011 “Dolphin Tale”, che racconta la storia del recupero dell’inverno da un coda mozzata — impigliata in una corda per trappole per granchi Il mare, che interrompe la circolazione sanguigna, attraverso l’uso senza precedenti di una corda artificiale.

“Potrebbe non essere più con noi nel corpo, ma il suo spirito indomito vivrà nelle vite di tutti coloro che ha toccato”, ha affermato una dichiarazione dei produttori che gestiscono Alcon Entertainment.

READ  Giappone, Stati Uniti e Francia stanno conducendo esercitazioni militari guardando alla presenza cinese

Il film, interpretato da Harry Connick Jr., Ashley Judd, Kris Kristofferson, Morgan Freeman e Nathan Gamble, è stato girato in gran parte nel Clearwater Aquarium e nei dintorni di Tampa Bay.

Il film ha messo l’Acquario senza scopo di lucro, aperto per la prima volta nel 1972 sul sito di un ex impianto di trattamento delle acque, sulla mappa internazionale. La struttura, che gestisce anche programmi di salvataggio di tartarughe marine e lamantini, ha recentemente completato una ristrutturazione da 80 milioni di dollari che include un nuovo grande serbatoio di delfini, in gran parte a causa della folla che Winter ha attirato.

Sua madre ha detto che la quindicenne Angelina Bongiovanni di Washington Township, New Jersey, si è innamorata di Winter quando ha visto il film Dolphin Tail.

Angelina, nata con un difetto cardiaco che ha richiesto più interventi chirurgici, un disturbo cromosomico estremamente raro e l’autismo, ha visto il film durante la sua degenza in ospedale.

“L’ha toccata come non l’abbiamo mai visto prima. È stata così ispirata dall’inverno. Ha parlato solo di questo”, ha detto sua madre, Laura Bongovani.

Non appena è stata dimessa dall’ospedale, Angelina ha continuato a chiedere di andare a vedere Winter all’acquario. La famiglia ha programmato un viaggio a Clearwater e Angelina era “felicissima”, ha detto sua madre. “Stava parlando con lei, stava interagendo con lei.”

Non è stato facile per Winter arrivare a questo punto.

Poco dopo l’arrivo del delfino dopo il salvataggio del 2005, l’acquario ha iniziato a lavorare con la Hanger Clinic, il più grande fornitore di protesi della nazione, per creare la sua coda. Mentre Winter sarebbe sopravvissuta senza uno, usando le sue pinne da nuoto laterali, ciò avrebbe potuto portare a un disallineamento scheletrico e ad altri problemi di salute.

READ  Animali indesiderati: il pesce rosso gigante appare nei corsi d'acqua del Minnesota

L’ostacolo principale è attaccare la coda senza danneggiare la pelle di Winter, ha affermato Kevin Carroll, vice presidente delle protesi di Hanger. Questo a volte è un problema per gli umani che indossano protesi ed è più grave nei delfini, la cui pelle è così sottile che può essere tagliata con le unghie, ha detto Carroll.

Attraverso tentativi ed errori, il gruppo di Carol ha creato una custodia morbida simile al silicone, ora commercializzata come WintersGel. Quindi la coda protesica scivolò saldamente sulla manica. Ha detto che tali maniche sono ora utilizzate nelle protesi umane e hanno eliminato tutte le ulcere cutanee.

“Era una paziente meravigliosa, molto ricettiva”, ha detto Carroll.

Winter è morto intorno alle 20 di giovedì mentre era trattenuto da esperti di benessere animale che stavano preparando il delfino per un’operazione per affrontare i suoi problemi intestinali, secondo una dichiarazione del Clearwater Aquarium. La struttura ha chiuso i battenti venerdì, in parte per piangere la perdita del suo residente più famoso. Ma riaprirà sabato.

Un servizio commemorativo è fissato per il 20 novembre per onorare l’inverno. Nessun altro animale nell’acquario era malato, incluso Hope, un altro delfino salvato che è apparso con Winter nel sequel di “Dolphin Tale 2”, ha detto James Powell, capo dell’acquario.

Powell ha detto che nessun animale avrebbe mai sostituito Winter.

“Il mondo è così triste di perdere un ambasciatore animale che ci ha ispirato tutti”, ha detto Powell. “Mi vengono le lacrime tutto il tempo vedendo il modo in cui hai cambiato la vita delle persone. La risposta è stata travolgente. È molto toccante”.

READ  L'agenzia statunitense non riesce a tenere la tecnologia fuori dall'esercito cinese: rapporto | notizie di scienza e tecnologia

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x