I principali paesi del mondo spendono denaro pubblico per lo sport: RealnoeVremya.com

Ma solo la Russia è da incolpare

I ministeri dello sport, le forze armate e gli affari interni, nonché le federazioni, stanno attivamente investendo denaro per creare una squadra di riserva, mantenere squadre sportive e sostenere atleti forti. Australia, Stati Uniti, Germania, Italia e Francia sono stati visti fare questo … Leggi i dettagli nel rapporto di Realnoe Vremya.

In Australia, il paese sta investendo nel National Institute of Sport

Quest’anno l’Australian Institute of Sport compie 40 anni. Inaugurato a Canberra nel 1981, il basket e il calcio sono diventati i preferiti tra otto sport principali. Il sostegno alla pallanuoto maschile è iniziato nel 1984. Nel 1989 hanno giocato a pallavolo.

La National Youth League iniziò a svilupparsi nel 1984. Vi giocarono per prime squadre composte da cittadini: croati, macedoni, italiani, greci, ungheresi … Sydney Croazia (Babi, Kalash, Milicic, Muric, Popovi), Preston Macedonia (Luzanovsky , Markovski, Spasevski e Stoychevski) Trayanovski, Trpevski), Melbourne Croazia (Viduka, Silić, Horvat, Jurić), Perth Italia (Carbone e Matassa), Adelaide Hellas greca occidentale, Hellas meridionale di Melbourne, San Giorgio ungherese. Il calcio australiano era simile al calcio sovietico in questo modo.

Sette anni dopo, nel 1991, l’Australia è arrivata quarta alla Coppa del Mondo FIFA Under 20 in Portogallo. Il Portogallo (Rio Costa, Joao Pinto, Figo, Xavier) ha sconfitto il Brasile (Djerre, Roberto Carlos, Elber) ai calci di rigore, mentre l’Unione Sovietica U20 ha battuto l’Australia nel match per il terzo posto. Anche ai rigori. Inoltre, nella fase a gironi, gli australiani hanno vinto la nostra squadra e hanno preso il primo posto. Ciò ha sorpreso così tanto i fan sovietici, che non sospettavano che il continente verde avesse calciatori forti. Nessuno nella squadra giovanile dell’Unione Sovietica è diventato un grande calciatore alla fine. Il destino di tre di loro è stato tragico. Valery Minko ha perso il rene all’età di 22 anni, Sergey Sherpakov è rimasto paralizzato all’età di 23 anni e Sergey Mamchur è morto quando aveva 25 anni …

Quest’anno l’Australian Institute of Sport compie 40 anni. Inaugurato a Canberra nel 1981, il basket e il calcio sono diventati i preferiti tra otto sport principali. Foto: ais.org.au

Due anni dopo, gli australiani sono arrivati ​​di nuovo al quarto posto nella Coppa del Mondo FIFA U-20 e un rappresentante dell’Istituto di sport – Craig Moore – è apparso per la prima volta nella loro squadra. Ha iniziato a giocare a Brisbane, mentre nel 1988 a soli 13 anni ha vinto una borsa di studio allo Sports Institute e si è trasferito a Canberra.

READ  Irlanda del Nord - USA 1-2: "Odio perdere le partite di calcio", dice Paraclog mentre la crisi continua

Ma l’istituto ha iniziato ad allenare completamente i giocatori della nazionale con i Giochi Olimpici che ha ospitato in casa a Sydney nel 2000, quando i suoi diplomati che si erano allenati su giovani calciatori formavano metà della squadra. Sono Platsis, Bresciano, Grilla, Zelic, Colosimo, LeBot, Neil, Turnbull, Corsega ed Emerton. A proposito, entrare nella scena internazionale ha fatto sì che l’Australia si rifiutasse di nominare le sue squadre in base alla loro nazionalità. Sidney Croatia viene ribattezzata Sydney FC, Melbourne Croatia – in Knights, Preston Macedonia diventa Lions.

I progressi nel basket, e soprattutto nel basket femminile, possono essere spiegati dal fatto di studiare all’Istituto sportivo. Il team è stato creato nel 1981, durante il primo anno dell’istituto. Il campionato nazionale è stato creato contemporaneamente. All’inizio, la squadra dell’istituto ha giocato il ruolo di “ragazze per vincere” perché le atlete erano così giovani. Ma quando l’Australia vinse l’oro ai Campionati del mondo per la prima volta nella sua storia nel 1994, la band includeva gli studenti dell’istituto: Carla Boyd, Michael Brogan, Sandy Brundello, Fiona Robinson, Shelley Sandy, Jenny Wheatley e Michelle Chandler. Inoltre, l’istituto ha cresciuto gli studenti, distribuendoli generosamente tra le squadre in gara per le quali ha vinto il primo gol del Campionato Nazionale solo nel 1999 grazie alla diciottenne Christine Weil, Lauren Jackson, Belinda Snell, Benny Taylor e 19- Suzy Batkovitch, anni, anni. Erano solo studenti e poi sono diventati le star del basket femminile del mondo. È un caso unico quando una squadra totalmente piccola vince il campionato senior … l’eccessiva generosità ha portato a una situazione in cui la squadra ha continuato a crescere giocatori forti ma non ha ottenuto più risultati seri nel torneo ed è stata sciolta nel 2012.

A proposito, i fan dell’UNISC BC dovrebbero ricordare Nathan Guay, un allievo della Men’s Sports Academy che non era un professionista.

I fan dell’UNISC BC devono ricordare Nathan Guay, uno studente della Men’s Sports Academy. Foto: evening-kazan.ru

Pallavolo e hockey negli USA

Per assicurarci che lo sport riceva finanziamenti pubblici negli Stati Uniti, dobbiamo ricordarti che durante la preparazione per le Olimpiadi in casa nel 1984, gli americani portarono i migliori giocatori di pallavolo maschili e femminili dalle squadre universitarie alla squadra nazionale. Non dobbiamo limitare l’esistenza di queste squadre nazionali grazie al denaro pubblico.

READ  Canelo Alvarez è felice di vedere Jake Paul nella boxe

Gli americani hanno promosso l’hockey junior allo stesso modo dopo 20 anni. Non aveva senso farlo prima perché i campionati giovanili e juniores avevano schemi diversi. La Coppa del Mondo U-20 è stata subito un torneo mondiale, mentre il Campionato U-18 esisteva da quando gli Europei, e il primo Campionato del Mondo si è svolto solo nel 1999. Ecco perché il campionato universitario del paese è stato sufficiente per il Americani per molto tempo, e la squadra nazionale li ha formati sia per i tornei giovanili che per le olimpiadi. Hanno iniziato a creare squadre nazionali con l’aiuto degli studenti delle Olimpiadi nel 1972 (la NCAA è stata aperta nel 1971), mentre le ex squadre olimpiche erano formate da giocatori della USHL, una lega junior costituita nel 1961.

USNDB Juniors, una squadra junior americana composta da giocatori di età inferiore ai 18 anni, è stata iscritta a questo campionato nel 1999. In precedenza, le squadre avevano sede ad Ann Arbor, ora sono a Plymouth. Inoltre, la società americana di hockey responsabile dello sviluppo del progetto ha acquistato una pista di pattinaggio. Il progetto stesso era concepito per svolgere una complessa serie di compiti: crescere giocatori per un “istituto” per squadre nazionali, mentre i giocatori di hockey dovevano andare direttamente alla NCAA per ricevere borse di studio per studiare all’università per giocare a hockey o alla NHL con una contrazione professionale.

Gli sport universitari sono fondamentali per il successo delle squadre nazionali di Stati Uniti e Canada. Foto: juniorhockey.com

A proposito, gli sport universitari sono la base per i successi delle squadre nazionali degli Stati Uniti d’America e del Canada, così come della Corea del Sud e del Giappone, dove le squadre universitarie partecipano ai campionati statali ei loro giocatori formano lo scheletro della nazionale squadre (pallavolo, pallanuoto, pallamano, hockey sul ghiaccio).

L’Iran è migliorato nel calcio e nella pallavolo negli ultimi anni. Ciò accade perché i team di Naft MIS, Naft Tehran e Sanat Naft hanno iniziato sotto gli auspici di società pubbliche del settore della produzione di petrolio. Lo stabilimento di trattori sponsorizza il team di Tractor Sazi. Le società di alluminio, metallo, tessili ed energia sono coinvolte nello sviluppo degli sport iraniani. Una casa automobilistica finanzia il Paykan Sports Club che ha una squadra di calcio e pallavolo con l’allenatore Valerio Vermiglo che i fan ricordano per la sua esibizione allo Zenit-Kazan.

READ  In Premier League, Edinson Cavani è stato sospeso per tre giorni per aver scritto un commento razzista su Instagram

“Nuovi cittadini italiani”, postazioni francesi e servizio militare

Questa settimana, i giocatori di pallavolo Dynamo-Ak Bars hanno perso contro l’italiano Novara con Sarah Bonifacio. Lei e molti altri “nuovi cittadini italiani” (bulgara Ophelia Malinov, slovena Tatiana Fuchka, africana Valentina Diov, Maryam Sela, Silvia Nacalore, Nkimdelem Inono e altri) sono cresciute al Club Italia. Questa squadra di Busto Arsizio è stata creata con un buon scopo: formare giocatori di pallavolo giovanili di talento per l’Italia. Il famoso allenatore argentino, Julio Velasco, che si è allenato in Italia e in Polonia, e anche loro hanno giovani così, ma l’idea della squadra maschile di Spala è stata.

La pallavolo in Germania è supportata a livello nazionale. Berlino ha due squadre chiamate Olympia (uomini e donne) – una base federale per la formazione dei giocatori della nazionale. Inoltre, le squadre maschili e femminili sono arrivate alle Coppe europee. Per inciso, non si deve confondere Olympia con i Giochi di riciclaggio di Berlino e Sergey Grankin. E dovranno incontrare lo Zenit Kazan la prossima settimana in Champions League, dove gli olimpionici dovranno giocare letteralmente con la seconda squadra e senza stranieri secondo un accordo con la Confederazione Nazionale.

La pallavolo in Germania è supportata a livello nazionale. Foto: dvv-pokal.de

I francesi hanno creato il National Volleyball Center a Montpellier dal 1983, quando la squadra locale stava appena iniziando a emergere tra i leader della pallavolo mondiale sotto la guida di Eric Daniel. Nel tempo, è diventato il capo del centro la cui squadra si esibisce nei campionati nazionali con vari gradi di successo. Ha i migliori giocatori francesi di età inferiore ai 21 anni.

Lo stesso Centro Federale è responsabile per lo sviluppo del basket in Francia (il basket femminile è finanziato dalla federazione) e l’Istituto nazionale per lo sport, l’esperienza e le prestazioni (INSEP), dove il basket maschile è sostenuto dal locale Ministero dello sport e della gioventù.

Il sostegno pubblico in Germania, Italia, Francia e Austria attira atleti che praticano sport regolari per prestare servizio nell’esercito. Ad esempio, ci sono molti atleti delle squadre di biathlon, sci e bob tra i poliziotti italiani. La stessa storia si svolge nella Confederazione tedesca. Anche l’ucraina Alyona Sachenko, diventata campionessa olimpica di pattinaggio artistico, ha parlato del suo “servizio” nell’esercito, grazie al quale ha potuto praticare il suo sport preferito.

Di Dzhaudat Abdullin


Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x