I severi avvisi di viaggio per Stati Uniti, Italia, Francia e Grecia sono stati ritardati

Inizialmente la misura doveva entrare in vigore venerdì, ma il ministero ha annunciato martedì che era stata rinviata a mercoledì.

Dall’11 agosto, tutti i viaggiatori che entrano in Israele da questi paesi dovranno isolarsi per almeno sette giorni, anche se sono stati completamente vaccinati o guariti.

I paesi approvati per essere aggiunti all’elenco sono Botswana, Bulgaria, Cuba, Repubblica Ceca, Egitto, Eswatini, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Malawi, Paesi Bassi, Ruanda, Tanzania, Tunisia, Ucraina e Stati Uniti. .

L’elenco dei paesi già sottoposti a un severo – o arancione – avviso di viaggio include Cambogia, Colombia, Costa Rica, Fiji, Guatemala, Honduras, Kenya, Liberia, Mongolia, Myanmar, Namibia, Panama, Paraguay, Seychelles, Turchia, Uganda e Stati Uniti. Stati. Emirati Arabi Uniti, Zambia e Zimbabwe.

Tuttavia, secondo la raccomandazione, Costa Rica, Kenya, Liberia, Panama, Paraguay, Seychelles, Uganda e Zambia saranno rimossi dalla lista venerdì.

Gli israeliani possono viaggiare nei paesi arancioni, ma devono essere messi in quarantena al ritorno – per 14 giorni, che possono essere ridotti a sette con due test PCR negativi.

D’altra parte, i paesi considerati a più alto rischio – i paesi rossi – sono posti sotto un divieto di viaggio completo.

Agli israeliani è proibito visitare questi paesi senza ottenere il permesso dal Comitato per le eccezioni governative. I rimpatriati sono inoltre tenuti a isolarsi indipendentemente dal loro stato di vaccinazione.

Questo elenco include Argentina, Bielorussia, Brasile, Cipro, Georgia, Gran Bretagna, India, Kirghizistan, Messico, Russia, Spagna, Sudafrica, Turchia e Uzbekistan.

READ  Dipartimento di Stato USA: Festa Nazionale di San Marino

Israele attualmente determina lo stato del paese in base a una combinazione del livello locale di malattia e delle tendenze del coronavirus da un lato e dal numero di viaggiatori infetti in arrivo da quel paese che entrano in Israele dall’altro. Viene preso in considerazione anche il tasso di infezione tra i viaggiatori.

Secondo i dati forniti dal ministero della Salute durante la riunione del comitato, nell’ultimo mese sono arrivati ​​in Israele dagli Stati Uniti circa 57.025 viaggiatori. Di questi, 141 hanno contratto il virus, lo 0,25% delle volte.

Inoltre, gli Stati Uniti attualmente forniscono una media settimanale di 155 casi per milione di persone, 1736 casi attivi per milione di persone secondo un modello epidemiologico sviluppato dall’Imperial College London (ICL) e 969 secondo l’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME). ).

Per quanto riguarda la Francia, circa 17.429 passeggeri si sono recati in Israele nell’ultimo mese, di cui 42 (o 0,24%) sono risultati infetti. Inoltre, la Francia attualmente fornisce una media settimanale di 262 casi per milione di persone, 224 casi attivi per milione di persone secondo il modello ICL e 558 secondo la versione IHME.

Circa 11.065 persone si sono recate in Israele dall’Italia nell’ultimo mese e anche lo 0,24% è risultato positivo al virus: 27 viaggiatori. L’Italia ha attualmente una media settimanale di 67 casi per milione di persone, 181 casi attivi per milione di persone secondo il modello ICL e 95 secondo IHME.

Sempre martedì, il Comitato per la legge e la costituzione della Knesset ha approvato la richiesta del governo di utilizzare strumenti tecnologici per monitorare il rispetto dei requisiti di quarantena.

In particolare, le autorità stavano esaminando un sistema di monitoraggio che consentisse alla polizia di inviare un SMS o chiamare l’individuo in quarantena e localizzare il proprio telefono.

READ  Dentro la vacanza in Italia di Nargis Fakhri con il fidanzato Justin Santos. guarda le IMMAGINI

Tuttavia, secondo il quadro giuridico originale approvato dalla Knesset in primavera, a una persona deve essere data la possibilità di rinunciare agli strumenti di monitoraggio tecnologico e optare per la quarantena in un hotel statale.

Poiché il governo attualmente non intende introdurre questa opzione, la commissione ha accettato di consentire l’uso di strumenti elettronici solo fino al 17 agosto e ha chiesto al governo di aggiornare la legislazione pertinente il prima possibile.

Celestino Traglia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x